Cronaca

La pizza di Domino cacciata dall’Italia: Chain chiude il suo ultimo negozio per mancata conversione del Paese

La pizza di Domino è cacciata dall’Italia: la catena chiude il suo ultimo negozio in seguito al fallimento della campagna di sette anni per convertire il paese alle fette all’americana

  • L’ultimo dei 29 negozi Domino in Italia ha ora chiuso, annullando i piani per l’apertura di altri 880 negozi nel Paese
  • La catena di pizzerie aveva affermato che alcuni italiani “non hanno paura di mettere l’ananas sulla pizza”, ma la crescente concorrenza nel mercato alimentare ha messo a dura prova Domino’s
  • I concorrenti locali indipendenti che offrono consegne durante la pandemia hanno vinto la battaglia contro la catena di pizzerie fondata nel Michigan
  • La società madre ePizza accusa “l’aumento della concorrenza nel mercato delle consegne di cibo”
  • Domino’s è stata fondata nel 1960 a Ypsilanti, nel Michigan, e attualmente conta oltre 5.649 negozi solo negli Stati Uniti

Appena un anno dopo che Domino’s affermava che gli italiani “non avevano paura di mettere l’ananas sulla pizza”, il colosso americano delle consegne ha chiuso il suo ultimo negozio nel paese.

Incolpando “un aumento significativo della concorrenza nel mercato delle consegne di cibo”, Domino’s, fondata nel Michigan, ha confermato di aver chiuso l’ultima delle sue 29 filiali in Italia dopo non essere riuscita a competere nel luogo di nascita della pizza.

Domino’s – il cui quartier generale globale è ad Ann Arbor – aveva pianificato di aprire 880 negozi e cucinare una quota di mercato del due per cento nella casa della pizza, ma è durato solo sette anni nel paese europeo.

Le differenze culturali e la forza dei venditori di pizza esistenti hanno messo fine ai piani audaci dell’azienda prima che fossero pronti per il forno.

Domino's sperava di aprire 880 ristoranti in tutta Italia, ma ha fallito dopo un picco di soli 34

Domino’s sperava di aprire 880 ristoranti in tutta Italia, ma ha fallito dopo un picco di soli 34

La Pizzeria O'Barone a Napoli, parte di un patrimonio mondiale dell'UNESCO, simboleggia l'artigianato italiano

La Pizzeria O’Barone a Napoli, parte di un patrimonio mondiale dell’UNESCO, simboleggia l’artigianato italiano

La società madre ePizza ha dichiarato agli azionisti: “Attribuiamo il problema al livello significativamente aumentato di concorrenza nel mercato delle consegne di cibo con catene organizzate e ristoranti” mom & pop “che consegnano cibo”, ha riferito Bloomberg.

La presenza di Domino in Italia ha raggiunto il picco nel 2021, con 34 ristoranti operativi, di cui cinque a Roma.

Un rappresentante dell’azienda si è vantato che il loro successo ha dimostrato che alcuni italiani “non hanno paura di mettere l’ananas sulla pizza”.

Ma quando i rivali indipendenti hanno firmato accordi con società di consegna come Just Eat e Deliveroo, il vantaggio di Domino è svanito rapidamente.

La pizza in stile americano impenitente di Domino non è riuscita a catturare l'immaginazione in Italia

La pizza in stile americano impenitente di Domino non è riuscita a catturare l’immaginazione in Italia

I franchiser della nazione hanno preso in prestito più di 10 milioni di euro nel disperato tentativo di mantenere a galla l’azienda.

La protezione contro gli istituti di credito che chiamano in contanti è scaduta il mese scorso.

Non è esattamente chiaro quando l’ultima filiale dell’azienda in Italia abbia chiuso l’attività, sebbene gli ordini online non siano disponibili dal 29 luglio.

Il fallimento di Domino’s nel prendere piede nella casa della pizza può servire come un ammonimento per gli appropriatori americani, ma alcune catene di fast food globali hanno avuto successo.

Domino’s è stata fondata nel 1960 a Ypsilanti, nel Michigan, e attualmente conta oltre 5.649 negozi solo negli Stati Uniti.

McDonald’s impiega 25.000 persone in 640 ristoranti in tutta Italia, mentre Burger King gestisce 225 ristoranti.

L'azienda si era vantata che alcuni italiani fossero pronti ad abbracciare l'ananas sulla pizza

L’azienda si era vantata che alcuni italiani fossero pronti ad abbracciare l’ananas sulla pizza

Domino's ha anche visto i suoi profitti diminuire di oltre il 16% nel Regno Unito, con un aumento dei costi di fornitura

Domino’s ha anche visto i suoi profitti diminuire di oltre il 16% nel Regno Unito, con un aumento dei costi di fornitura

Nel Regno Unito, Domino’s ha visto i suoi profitti diminuire di circa il 16% a causa dell’aumento del costo degli ingredienti.

La società ha affermato di aver aumentato i prezzi per i suoi affiliati, ma ciò è avvenuto su una “base ritardata”, il che significa che il pieno beneficio non si farà sentire fino agli ultimi sei mesi dell’anno.

Ha aggiunto che si aspetta che i profitti vengano ponderati verso la fine dell’anno e ha mantenuto invariate le sue stime per l’intero anno.

Domino’s ha affermato che aumenterà “in modo significativo” la sua spesa di marketing per attirare più clienti, avendo visto le vendite diminuire del 6,4% a causa dell’aumento dell’IVA.

Ultime Notizie

Back to top button