La Russia afferma che rinnoverà l’accordo sui cereali solo se le sue esportazioni saranno sbloccate

La Russia ha dichiarato mercoledì che accetterà di estendere l’accordo sul grano del Mar Nero, che consente di esportare in sicurezza il grano dai porti ucraini, solo se verranno presi in considerazione gli interessi dei propri produttori agricoli.

La Black Sea Grain Initiative, mediata dalle Nazioni Unite e dalla Turchia lo scorso anno, scade il 18 marzo e non può essere prorogata a meno che tutte le parti non siano d’accordo. La Russia ha già segnalato di non essere soddisfatta di alcuni aspetti dell’accordo.

Le esportazioni agricole della Russia non sono state esplicitamente prese di mira dalle sanzioni occidentali, ma Mosca afferma che le restrizioni sui pagamenti, la logistica e le industrie assicurative sono una “barriera” alla possibilità di esportare i propri cereali e fertilizzanti.

Il ministero degli Esteri di Mosca ha detto mercoledì che il ministro degli Esteri Sergey Lavrov ha discusso le prospettive di rinnovare l’accordo in un incontro con la sua controparte turca a margine del G-20 a Nuova Delhi.

“[The] La parte russa ha sottolineato che la prosecuzione del pacchetto di accordi sui cereali è possibile solo se si tiene conto degli interessi dei produttori agricoli e di fertilizzanti russi in termini di accesso senza ostacoli ai mercati mondiali”, ha affermato il ministero in una nota.

Ultime Notizie

Back to top button