La Russia ha esortato a liberare il leader dell’opposizione Kara-Murza a causa della salute cagionevole

Il signor Kara-Murza, 41 anni, un aperto critico del Cremlino e della guerra in Ucraina, è stato arbitrariamente arrestato a Mosca l’11 aprile 2022.

Un anno dopo è stato condannato a 25 anni di carcere con l’accusa di “alto tradimento”, “diffusione di false informazioni sull’esercito della Federazione Russa” e partecipazione a una “organizzazione indesiderabile”.

Punito per aver parlato

“Sono preoccupata che l’unico crimine di Vladimir Kara-Murza sia stato quello di dire la verità al potere, per il quale è stato punito con 25 anni di carcere”, ha detto Mariana Katzarova, relatrice speciale delle Nazioni Unite sulla situazione dei diritti umani nella Federazione Russa.

Ha notato che le sue condizioni mediche, secondo quanto riferito il risultato di due tentativi di avvelenamento nel 2015 e nel 2017, sono incluse nell’elenco delle malattie che esonerano le persone dalla reclusione ai sensi della legge russa.

L’esperto di diritti ha affermato che l’arresto di Kara-Murza “fa parte di una repressione sempre più repressiva della libertà di espressione e dell’opposizione politica nella Federazione Russa dall’inizio della sua guerra su vasta scala contro l’Ucraina lo scorso febbraio”.

Diagnosi medica confermata

Ha espresso preoccupazione per il fatto che la vita dell’attivista sia a rischio a causa della sua continua detenzione “con accuse che sembrano essere esclusivamente legate al legittimo esercizio dei suoi diritti umani”, insieme al suo deterioramento della salute e alla mancanza di accesso a cure mediche tempestive e adeguate.

Inoltre, ha detto che è particolarmente inquietante che rimanga in detenzione quando due esperti medici consultati dal servizio penitenziario russo hanno confermato in modo indipendente la sua diagnosi di polineuropatia distale inferiore, un grave disturbo nervoso.

Ha ricordato che Kara-Murza è stato un sostenitore chiave nella promozione dell’adozione del Magnitsky Human Rights Accountability Act, una misura legislativa approvata dagli Stati Uniti d’America nel 2012 e successivamente adottata da diversi altri paesi.

La legge prevede sanzioni mirate contro individui ritenuti responsabili di violazioni dei diritti umani, corruzione o altri reati gravi.

Caso in revisione

La signora Katzarova ha affermato che il giudice che presiedeva la condanna del signor Kara-Murza e altre due persone coinvolte nella sua detenzione erano stati precedentemente sanzionati ai sensi della legge, che ha sollevato serie preoccupazioni sull’integrità del processo giudiziario.

“Gli Stati devono adottare tutte le misure necessarie per proteggere la vita delle persone private della loro libertà”, ha affermato.

“Kara-Murza dovrebbe essere immediatamente rilasciata dalla detenzione in linea con gli obblighi internazionali in materia di diritti umani, nonché con la legislazione e i regolamenti della Federazione Russa sulle persone esentate dalla detenzione o da altre forme di detenzione detentiva a causa delle loro condizioni mediche”.

La prima corte d’appello di Mosca è pronta a rivedere la condanna a 25 anni inflitta al sig. Karza-Murza il 31 luglio.

L’esperto di diritti ha chiesto un esame trasparente e imparziale del suo caso, in conformità con gli standard internazionali sui diritti umani, aggiungendo che “il suo rilascio immediato e incondizionato dalla detenzione deve essere preso in considerazione senza indugio”.

A proposito di giornalisti delle Nazioni Unite

I relatori speciali come la signora Katzarova sono nominati dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite a Ginevra per monitorare e riferire su specifiche situazioni nazionali o questioni tematiche.

Servono a titolo individuale e sono indipendenti da qualsiasi governo o organizzazione.

Non fanno parte del personale delle Nazioni Unite e non ricevono compenso per il loro lavoro.

Ultime Notizie

Back to top button