Mondo

La Russia mette in guardia gli Stati Uniti sull’invio di missili Patriot in Ucraina

Giovedì il ministero degli Esteri russo ha avvertito gli Stati Uniti che se spedisce sofisticati missili di difesa aerea Patriot in Ucraina, Mosca la considererebbe una “mossa provocatoria” che potrebbe sollecitare una risposta dal Cremlino.

La portavoce del ministero Maria Zakharova ha affermato che il dispiegamento statunitense di missili Patriot per combattere gli attacchi aerei russi rappresenterebbe un’escalation del ruolo degli Stati Uniti nell’aiutare il governo di Kiev a respingere la guerra di 10 mesi della Russia e “potrebbe comportare possibili conseguenze”.

FILE – La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova a Mosca, il 18 gennaio 2022. Zakharova ha affermato che il dispiegamento statunitense di missili Patriot per combattere gli attacchi aerei russi rappresenterebbe un’escalation nel ruolo degli Stati Uniti nell’aiutare l’Ucraina a respingere la Russia e “potrebbe comportare possibili conseguenze”.

Non ha specificato quale potrebbe essere la risposta di Mosca, ma ha affermato che gli Stati Uniti dovrebbero “trarre le giuste conclusioni” dagli avvertimenti della Russia secondo cui l’equipaggiamento fornito dagli Stati Uniti è un obiettivo legittimo per gli attacchi russi. Con le sue spedizioni di armi in Ucraina, ha affermato che gli Stati Uniti sono già “diventati effettivamente parte” della guerra.

Questa settimana gli Stati Uniti hanno confermato ai giornalisti un accordo per l’invio del sistema missilistico Patriot in Ucraina, di cui il presidente Volodymyr Zelenskyy ha affermato da tempo che l’Ucraina ha bisogno di difendersi da un assalto di attacchi aerei russi contro infrastrutture vitali, comprese le strutture elettriche e idriche.

I leader della Casa Bianca e del Pentagono hanno costantemente affermato che fornire all’Ucraina ulteriori difese aeree è una priorità, ma fino a questa settimana si erano rifiutati di inviare i missili Patriot. Tuttavia, con il continuo bombardamento delle infrastrutture ucraine, i funzionari statunitensi hanno deciso che era necessario il dispiegamento di missili di difesa aerea.

I funzionari statunitensi hanno anche affermato giovedì che amplieranno l’addestramento al combattimento militare per le forze ucraine durante i mesi invernali, con le nuove istruzioni che si terranno nell’area di addestramento di Grafenwoehr in Germania.

Gli Stati Uniti hanno già addestrato circa 3.100 soldati ucraini su come utilizzare e mantenere varie armi e altre attrezzature, inclusi obici, veicoli corazzati e il sistema missilistico di artiglieria ad alta mobilità, noto come HIMARS.

Per mesi gli alti dirigenti militari statunitensi hanno discusso di espandere tale addestramento, citando la necessità di migliorare la capacità delle unità delle dimensioni di una compagnia e di un battaglione dell’Ucraina di muoversi e coordinare gli attacchi contro le forze russe.

Morte e oscurità a Kherson

Nell’ultimo bombardamento russo di giovedì, due persone sono state uccise a Kherson e la città dell’Ucraina meridionale è rimasta completamente senza elettricità. Funzionari installati dalla Russia hanno riferito di attacchi ucraini nella città orientale di Donetsk.

Kyrylo Tymoshenko, vice capo dell’ufficio del presidente Volodymyr Zelenskyy, ha pubblicato su Telegram che gli attacchi russi hanno colpito l’edificio dell’amministrazione regionale a Kherson.

A Donetsk, il sindaco nominato dalla Russia, Alexei Kulemzin, ha affermato che i bombardamenti notturni sono stati uno dei più grandi attacchi degli ultimi anni.

I separatisti sostenuti dalla Russia controllano parti della regione di Donetsk dal 2014 e a settembre l’area faceva parte di un’annessione annunciata dalla Russia ma respinta dalla comunità internazionale.

A Ginevra, l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Volker Tuerk ha dichiarato a una riunione del Consiglio per i diritti umani che la guerra della Russia contro l’Ucraina continua ad essere contrassegnata da gravi violazioni del diritto internazionale sui diritti umani.

Tuerk, che ha concluso una visita in Ucraina la scorsa settimana, ha affermato che 18 milioni di persone in Ucraina hanno bisogno di aiuti umanitari e che ulteriori attacchi aerei russi “potrebbero portare a un ulteriore grave deterioramento della situazione umanitaria e provocare ulteriori sfollamenti”.

Ha detto che gli attacchi russi alle infrastrutture civili, comprese le strutture energetiche, stanno esponendo milioni di civili ucraini a “estreme difficoltà durante i mesi invernali”.

“Il mio desiderio più profondo è la fine di questa guerra insensata”, ha detto Tuerk.

Alcune informazioni per questa storia sono arrivate da The Associated Press, Agence France-Presse e Reuters.

Ultime Notizie

Back to top button