Mondo

La Russia utilizza droni iraniani in Ucraina, afferma la Gran Bretagna

Il ministero della Difesa britannico ha dichiarato sabato in un aggiornamento dell’intelligence che “negli ultimi giorni, c’è stato un aumento della campagna russa di attacchi a lungo raggio contro le infrastrutture nazionali critiche dell’Ucraina”.

Il ministero ha twittato: “Le ondate di attacchi sono consistite in gran parte in missili da crociera lanciati dall’aria e dal mare, ma quasi certamente hanno incluso anche veicoli aerei senza equipaggio (UAV) forniti dall’Iran lanciati dalla regione russa di Krasnodar”.

“In precedenza questi UAV erano stati lanciati principalmente da località all’interno della Crimea occupata”, ha affermato il ministero. “Il cambio del sito di lancio è probabilmente dovuto alle preoccupazioni russe sulla vulnerabilità della Crimea, mentre è anche conveniente per il rifornimento dal probabile punto di arrivo delle armi in Russia, ad Astrakhan”.

Obiettivo di Washington: aiutare l’Ucraina ad avere successo

Gli Stati Uniti forniranno ulteriore assistenza per la sicurezza all’Ucraina, ha detto a ColorNews il coordinatore del Consiglio di sicurezza nazionale per le comunicazioni strategiche John Kirby in un’intervista venerdì.

Alla domanda se Washington avrebbe ascoltato l’avvertimento della Russia di non consegnare sofisticati missili di difesa aerea Patriot o rischiare le conseguenze, Kirby ha risposto “La Russia non detterà agli Stati Uniti o ad altri paesi quale assistenza di sicurezza forniremo all’Ucraina”.

Il funzionario statunitense ha affermato che Washington è “di pari passo con gli ucraini, parlando con loro quasi ogni giorno di quali sono i loro bisogni e assicurandosi che stiamo soddisfacendo al meglio tali bisogni”.

Kirby ha sottolineato che le capacità di difesa aerea stanno diventando un requisito fondamentale dell’esercito ucraino dopo gli attacchi aerei “senza precedenti” della Russia con missili da crociera e droni iraniani “come quelli che abbiamo appena visto di nuovo nelle ultime 12-18 ore”, ha detto a ColorNews.

Kirby ha affermato che l’obiettivo di Washington è aiutare l’Ucraina ad avere successo sul campo di battaglia in qualsiasi modo il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ritenga opportuno. Gli Stati Uniti, ha detto, non impongono all’Ucraina come difendere il proprio territorio.

Nel suo discorso video, venerdì, Zelenskyy ha affermato che la Russia aveva ancora abbastanza missili per attacchi più massicci come quello che ha lanciato all’inizio della giornata contro la rete elettrica ucraina.

“Qualunque cosa contino gli adoratori di razzi di Mosca, non cambierà ancora l’equilibrio di potere in questa guerra”, ha detto in un discorso video.

Avvertimento dalla Russia

Giovedì, il ministero degli Esteri russo ha avvertito gli Stati Uniti che se spedissero sofisticati missili di difesa aerea Patriot in Ucraina, Mosca la considererebbe una “mossa provocatoria” che potrebbe sollecitare una risposta dal Cremlino.

La portavoce del ministero Maria Zakharova non ha precisato quale potrebbe essere la risposta di Mosca, ma ha affermato che gli Stati Uniti dovrebbero “trarre le giuste conclusioni” dagli avvertimenti della Russia secondo cui le attrezzature fornite dagli Stati Uniti sono un obiettivo legittimo per gli attacchi russi. Con le sue spedizioni di armi in Ucraina, ha affermato che gli Stati Uniti sono già “diventati effettivamente parte” della guerra.

Funzionari statunitensi questa settimana hanno confermato ai giornalisti l’intenzione di inviare il sistema missilistico Patriot in Ucraina, di cui Zelenskyy ha a lungo affermato che l’Ucraina ha bisogno per difendersi da un assalto di attacchi aerei russi contro infrastrutture vitali, comprese le strutture elettriche e idriche. Tuttavia, non è stato fatto alcun annuncio ufficiale.

La Russia ha lanciato venerdì più di 70 missili contro l’Ucraina in uno dei suoi più grandi attacchi dall’inizio della guerra, interrompendo l’energia elettrica nella seconda città più grande e costringendo Kiev a implementare blackout di emergenza a livello nazionale, hanno detto funzionari ucraini.

Tre esplosioni sono state udite nella sola città di Kiev, una delle quali vicino all’abitazione della giornalista di ColorNews Anna Chernikova. Ha riferito da Kiev che l’esplosione è stata così potente da far tremare il suo condominio.

Vitali Klitschko, il sindaco di Kyiv, ha dichiarato venerdì scorso che solo un terzo dei suoi abitanti disponeva sia di riscaldamento che di acqua e il 40% di elettricità. Il sistema metropolitano, un’arteria di trasporto cruciale, è rimasto chiuso, ha aggiunto.

Nonostante i danni diffusi alle infrastrutture elettriche del paese, dopo alcune riparazioni, l’operatore di rete ucraino Ukrenergo ha revocato lo stato di emergenza che lo aveva costretto a imporre blackout. Ma Ukrenergo ha anche avvertito che sarebbe necessario più tempo per riparare le apparecchiature e ripristinare l’elettricità rispetto ai precedenti bombardamenti.

Altre esplosioni sono state segnalate a Kyiv, Zaporizhzhia, Mykolaiv, Poltava, Zhytomyr, Dnipropetrovsk, Vinnytsia, Donetsk e in alcune regioni occidentali. Anche la città nord-orientale di Kharkiv, la seconda più grande dell’Ucraina, è stata gravemente colpita, interrompendo l’elettricità, il riscaldamento e l’acqua corrente. Più tardi venerdì, l’agenzia di stampa Interfax-Ucraina ha citato il governatore regionale Oleh Syniehubov che ha affermato che il 55% dell’energia elettrica della città è stata ripristinata e l’85% nella regione circostante.

Le autorità locali della città di Kryvyi Rih, città natale di Zelenskyy, hanno riferito di scioperi nella zona residenziale. Tre persone sono morte e più di una dozzina sono rimaste ferite quando un condominio è stato colpito nel centro di Kryvyi Rih. Un’altra persona è morta durante i bombardamenti a Kherson, nel sud, hanno detto. Funzionari installati dai russi nell’Ucraina orientale occupata hanno affermato che 12 persone sono morte a causa dei bombardamenti ucraini.

Il comando dell’aeronautica ucraina ha riferito che la Russia ha lanciato circa 76 missili contro l’Ucraina mirando a infrastrutture energetiche critiche. Circa 60 di quei missili furono distrutti dalla difesa aerea. Trentasette dei 40 missili sono stati abbattuti dalla difesa aerea ucraina solo su Kiev. Dieci missili sono stati distrutti in aria sopra la regione di Dnipropetrovsk.

Mosca afferma che gli attacchi alle infrastrutture di base sono militarmente legittimi. L’Ucraina afferma che gli attacchi destinati a causare sofferenze ai civili sono un crimine di guerra.

Alcune informazioni per questa storia sono arrivate da The Associated Press, Agence France-Presse e Reuters.

Ultime Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button