Esteri

La storia della bandiera nazionale italiana

La bandiera italiana, o “Il Tricolore”, è una delle bandiere più riconoscibili al mondo.

Con il suo trio di verde, bianco e rosso spruzzata sulle insegne dei ristoranti italiani in tutto il mondo e stampata sulle magliette nei chioschi turistici in tutto il paese, la bandiera italiana è un’icona dell’Italia e della cultura italiana. Ma le strisce di avidità, bianche e rosse non sono sempre state sinonimo di Italia…

Da dove vengono i colori verde, bianco e rosso della bandiera italiana?

Originariamente progettato sotto dominio di Napoleonela bandiera italiana è stata fortemente influenzata da un altro “Tricolore”, la bandiera francese.

Sebbene la bandiera nazionale italiana abbia attraversato molte iterazioni diverse prima di diventare quello che è oggi, i colori verde, bianco e rosso sono stati uno schema ricorrente nel corso della sua storia. Stranamente, non c’è una risposta chiara a quale sia il simbolismo dietro il tre colori.

Esistono diverse teorie sul Tricolore italiano. Uno è che i colori hanno un significato idealistico: il verde per la libertà, il bianco per la fede e la purezza e il rosso per l’amore.

Altri credono che i colori abbiano un significato religioso, rappresentando le tre virtù teologali: verde per la speranza, bianco per la fede e rosso per la carità.

Un’altra teoria è che i colori rappresentino il paesaggio geografico e la storia dell’Italia. Verde per la campagna, bianco per le Alpi innevate e rosso per il sangue del popolo italiano sparso nel corso della storia d’Italia.

Da quanto tempo esiste la bandiera italiana?

La bandiera italiana precede l’Unità d’Italia. Prima dell’unificazione nel 1861, ogni repubblica in Italia aveva una bandiera diversa. Quando Napoleone iniziò a conquistare gli stati italiani dopo l’inizio della Rivoluzione francese nel 1789, cambiò il panorama dell’Italia, creando nuove repubbliche e distruggendo i territori precedenti.

A seguito dell’appello della Francia all’unità nazionale, molti italiani formarono gruppi politici e militari per concentrare gli sforzi sulla creazione di unità all’interno delle loro repubbliche.

Leggi anche:

I colori verde, bianco e rosso sono stati originariamente presi dalla milizia civica della Repubblica Transpadana, un governo non ufficiale a Milano. I membri della milizia indossavano i colori sulle loro uniformi. Nel 1797, il Repubblica Cispadana a Modenaistituita da Napoleone, disegnò la sua bandiera con il tris di colori a strisce orizzontali e uno stemma centrale.

Quando la Repubblica Cispadana si fuse con le regioni vicine per creare la nuova Repubblica Cisalpina, le strisce furono ruotate in senso antiorario fino alle strisce verticali che sono oggi, con il verde a sinistra, il bianco al centro e il rosso a destra.

Tuttavia, questa non era la forma finale della bandiera italiana. Successivamente, la regione di breve durata nota come Repubblica Italiana, situata nel nord Italia, ebbe anch’essa una bandiera verde, bianca e rossa, ma organizzata secondo uno schema geometrico.

Il motivo geometrico rispecchiava i motivi delle bandiere militari napoleoniche. Quando la Repubblica Italiana divenne Regno d’Italia, con Napoleone come suo imperatore, il disegno della bandiera fu leggermente modificato e al centro fu posta un’aquila napoleonica d’oro.

Quando l’Italia ha ottenuto una bandiera italiana ufficiale?

Dal 1798 al 1848, il Tricolore fu un simbolo non ufficiale del nazionalismo italiano non unificato. Con la fine del dominio napoleonico nel 1814, iniziò un nuovo capitolo della storia italiana. L’Italia fu unita geograficamente come un unico paese nel 1848 e il Tricolore divenne un celebre simbolo dell’Italia.

Molte regioni iniziarono ad adottare bandiere che riflettevano elementi del Tricolore, aggiungendo un senso di unità nazionale. Il 23 marzo 1848 la bandiera fu utilizzata dalle truppe italiane in battaglia contro l’esercito austriaco, diventando così un simbolo ufficiale della confederazione italiana.

Il mese successivo la bandiera fu adottata dal Regno di Sardegna. Nel 1861 divenne la bandiera ufficiale del Regno d’Italia.

Quando l’Italia fu ufficialmente unita come monarchia sotto il dominio del Real Casa Savoia nel 1861 furono aggiunti uno scudo, una croce e una corona al centro delle tre strisce della bandiera.

Bandiera Savoia Italiana

Lo scudo e la croce rappresentavano Casa Savoia e la corona simboleggiava la monarchia. Nel 1946, quando l’Italia passò da monarchia a repubblica, la bandiera tornò al semplice Tricolore verticale. Infine, la bandiera rappresentava legalmente tutta l’Italia, geograficamente, politicamente e storicamente.

A cosa serve la bandiera dell’Italia in Italia?

Oltre ad essere un simbolo di unità nazionale e orgoglio, la bandiera italiana è un caro simbolo della storia d’Italia e della complicata strada per diventare la Repubblica Italiana.Leggi anche:

Come in molti paesi, è illegale mancare di rispetto alla bandiera italiana. Qualsiasi forma di vandalismo o distruzione di una bandiera italiana è considerata a criminee gli autori rischiano una multa fino a 5000 euro o la potenziale reclusione. La bandiera italiana può essere vista appesa all’esterno degli edifici governativi o sventolata durante le festività e le occasioni cerimoniali.

Ultime Notizie

Back to top button