La xilazina affligge Staten Island, con i più alti tassi recenti di overdose

Staten Island è stata colpita in modo allarmante dal farmaco Xilazina, con alcuni dei tassi più alti di overdose registrati a causa del tranquillante, costringendo i membri della comunità locale a cercare di limitare i danni.

Negli ultimi anni, la xilazina, un potente sedativo approvato per la prima volta dalla FDA come tranquillante per animali negli anni ’70, è stata sempre più mescolata alla fornitura di fentanyl per far durare più a lungo gli effetti dell’oppioide sintetico. Il farmaco, soprannominato “tranq”, non è destinato all’uso umano e spesso causa ferite necrotiche mortali (tessuto cutaneo morente) e rende più difficile contrastare le overdose con Narcan.

Sebbene il numero totale più elevato di casi di overdose mortali dovuti al farmaco si verifichi nel Bronx, Staten Island, il distretto meno popolato della città, ha registrato il tasso più elevato di casi di overdose pro capite correlati alla xilazina sia nel 2022 che nel 2023, secondo i dati più recenti disponibili raccolti dall’Office of the Special Narcotics Prosecutor fino a ottobre 2023.

Da quando l’Office of the Chief Medical Examiner ha iniziato a testare nella seconda metà del 2020, quando il tranquillante per animali è apparso per la prima volta nella fornitura di oppioidi, il distretto ha registrato il più alto tasso di overdose correlate alla xilazina. La presenza del farmaco in tutta la città è cresciuta di oltre l’800% in un solo anno, dal 2020, quando la xilazina è stata rilevata in 52 decessi, al 2021, quando il farmaco è stato rilevato in 429 decessi.

Sebbene gli esperti di sanità pubblica abbiano raccomandato di ampliare le campagne educative sui pericoli della droga e sugli strumenti con cui i consumatori possono testare le proprie scorte, le iniziative di riduzione del danno incontrano spesso resistenza nei quartieri politicamente conservatori del distretto, in particolare nella South Shore, ha riportato THE CITY.

Community Health Action, l’unica unità di Staten Island per la lotta alla tossicodipendenza gestita da un autobus, supervisiona l’unica operazione di scambio di siringhe e riduzione del danno del distretto ed è l’unica organizzazione che fornisce kit per la cura delle ferite e per i test con xilazina per strada.

“C’è rispetto per quello che facciamo, ma qui siamo in gran parte soli”, ha detto a THE CITY il direttore esecutivo di CHASI, Ericker Onaga.

Stacey Seidenfaden, che aiuta anche a gestire CHASI, ha detto a THE CITY di essersi rivolta alla gestione delle ferite a causa di un drastico picco di xilazina negli ultimi sei mesi. “Stiamo cercando di impedire alle persone di perdere arti”, ha detto.

Ultime Notizie

Back to top button