Esteri

L’afflusso di armi su larga scala nelle zone colpite dal conflitto solleva ‘molte preoccupazioni’: capo delle Nazioni Unite per il disarmo

“Queste preoccupazioni dovrebbero essere prese con la dovuta considerazione e la comunità internazionale ha alcuni strumenti, come il registro delle Nazioni Unite delle armi convenzionali, per migliorare la trasparenza nel trasferimento di armi”, ha sottolineato.

“Incoraggio gli Stati a fare uso di questi meccanismi”.

Conoscenza pubblica

La sig.ra Nakamitsu ha sottolineato che è una questione di dominio pubblico che dall’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio, l’Ucraina ha ricevuto sistemi d’arma e munizioni da diversi Stati per le sue forze di difesa.

“Le informazioni sui trasferimenti di tale materiale sono state ampiamente pubblicizzate dai governi coinvolti”, ha affermato, aggiungendo che i trasferimenti di armi hanno incluso armi convenzionali pesanti come carri armati, veicoli corazzati da combattimento, sistemi di artiglieria di grosso calibro e veicoli aerei da combattimento senza equipaggio , nonché armi leggere e di piccolo calibro.

L’alto funzionario delle Nazioni Unite ha inoltre affermato che ci sono state anche segnalazioni diffuse e verificate in modo indipendente sul trasferimento dei principali sistemi d’arma convenzionali a gruppi armati locali in Ucraina, compresi i sistemi missilistici di artiglieria.

© CICR

Un ordigni inesplosi, a Bucha, in Ucraina.

Oltre la fornitura

Considerando l’impatto devastante sui civili e sulle infrastrutture civili causato dagli armamenti pesanti in Ucraina, la signora Nakamitsu ha sottolineato che al di là della questione della fornitura, il Consiglio di sicurezza dovrebbe concentrarsi sull’uso di queste armi.

“L’Ufficio dell’Alto Commissario per i diritti umani ha registrato 13.917 vittime civili verificate dal 24 febbraio. Si ritiene che i numeri effettivi siano significativamente più alti”, ha affermato.

La maggior parte delle vittime civili registrate sono state causate da armi esplosive con effetti ad ampia area, inclusi attacchi di artiglieria pesante, sistemi di lancio multiplo di razzi, missili e aerei.

Il capo del disarmo delle Nazioni Unite ha fatto eco al segretario generale António Guterres sul grave impatto umanitario delle armi esplosive nelle aree popolate.

“Secondo il diritto umanitario internazionale, i combattenti non devono dirigere attacchi contro civili o infrastrutture civili e prendere tutte le precauzioni possibili nella conduzione delle operazioni militari per evitare, o almeno ridurre al minimo, la perdita accidentale di vite civili, lesioni a civili e danni a oggetti civili ”, ha ricordato ai 15 ambasciatori.

Foto delle Nazioni Unite/Eskinder Debebe

Izumi Nakamitsu, sottosegretario generale e alto rappresentante per gli affari del disarmo (fascicolo).

È ora di porre fine alla sofferenza

Infine, la signora Nakamitsu ha ribadito il suo appello a porre fine al conflitto e alle sofferenze causate dalle armi convenzionali pesanti.

Abbiamo assistito a una tremenda devastazione – con migliaia di civili uccisi e feriti, la maggior parte a causa dell’uso di armi convenzionali pesanti”, ha affermato

“Il momento di porre fine a questa sofferenza è adesso. Decidiamo di continuare a lavorare per la pace in linea con il diritto internazionale e la Carta delle Nazioni Unite”, ha concluso il capo delle Nazioni Unite per il disarmo.

Ultime Notizie

Back to top button