L’amministrazione Biden prende in considerazione un’importante riforma della politica sulla marijuana

L’amministrazione Biden sta esplorando un cambiamento significativo nella classificazione della marijuana, spostandola potenzialmente dalla Tabella I alla Tabella III ai sensi del Controlled Substances Act. Questa mossa, avviata su raccomandazione del Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani, potrebbe annunciare importanti benefici economici e facilitare la ricerca medica, ma non riesce a depenalizzare il farmaco.

Attualmente, la marijuana è classificata insieme a droghe come l’eroina e l’LSD, riconosciute come “non aventi alcun uso medico attualmente accettato e con un alto potenziale di abuso”. La riclassificazione nella Tabella III, che include farmaci come la ketamina e alcune combinazioni di codeina, non legalizzerebbe l’uso ricreativo ma ridurrebbe il carico fiscale per le imprese legali di cannabis e semplificherebbe gli sforzi di ricerca.

Sia i critici che i sostenitori sono espliciti riguardo alla portata limitata della proposta. “L’unico modo per risolvere completamente la miriade di problemi derivanti dal conflitto federale con la legge statale è rimuovere la cannabis dal Controlled Substances Act”, ha affermato Aaron Smith, CEO della National Cannabis Industry Association. Questo sentimento è condiviso da altri che credono che il cambiamento sia insufficiente per risolvere le discrepanze legali generali che da tempo affliggono il settore.

Nonostante queste preoccupazioni, la potenziale riclassificazione è pronta a offrire un significativo sollievo finanziario al settore della cannabis. Gli economisti stimano che le aziende produttrici di cannabis potrebbero risparmiare oltre 2 miliardi di dollari all’anno in tasse federali. Inoltre, la mossa potrebbe modificare il modo in cui le forze dell’ordine e i ricercatori affrontano la marijuana, con implicazioni più ampie per la salute pubblica e la giustizia penale.

Sebbene il cambiamento rappresenti un passo verso la modernizzazione della politica federale sulla cannabis, il percorso da seguire rimane impantanato in complessità politiche e procedurali. Mentre l’amministrazione prosegue con questo tentativo di riforma, il dibattito più ampio sullo status legale della marijuana continua ad evolversi, riflettendo un crescente sentimento pubblico a favore della legalizzazione e della regolamentazione piuttosto che della proibizione.

Ultime Notizie

Back to top button