Ultime notizie

Le assoluzioni non saranno più appellabili dice Berlusconi –

(COLORnews) – ROMA, 17 AGO – Il tre volte premier e magnate dei media Silvio Berlusconi ha detto mercoledì che se il suo blocco di centrodestra prenderà il potere alle elezioni politiche del 25 settembre, passerà una riforma in modo che le assoluzioni penali non siano più appellabili pubblici ministeri e persone innocenti non possono più essere “perseguitate”.

Attualmente ci sono due gradi di ricorso nel sistema giudiziario italiano, uno in più rispetto alla maggior parte dei paesi, e sia la difesa che l’accusa possono avvalersi di questo diritto.

Berlusconi da anni afferma di essere vittima di persecuzioni giudiziarie da parte di pubblici ministeri politicamente motivati ​​e di sinistra.

È stato condannato in via definitiva solo una volta, per frode fiscale, in circa 32 procedimenti penali intentati contro di lui, tra cui corruzione di giudici o senatori, pagamento per rapporti sessuali con una prostituta minorenne e corruzione di testimoni affinché mentissero sui suoi bunga bunga party.

Durante questi guai legali, di solito ha dovuto combattere fino alla Corte suprema di cassazione, perché i pubblici ministeri hanno presentato ricorso contro le assoluzioni dei giudici di grado inferiore.

Parlando nella sua ‘pillola’ quotidiana di notizie su Facebook mercoledì, Berlusconi ha affermato che “in Italia migliaia di persone ogni anno vengono arrestate e processate pur essendo innocenti.

“Il processo è già una punizione, che colpisce l’imputato, ma anche la sua famiglia, i suoi amici, il suo lavoro.

«Per questo non deve trascinarsi all’infinito, nei ricorsi e nei controricorso.

“Quando governiamo (Italia), le assoluzioni, di primo grado o di secondo grado, non saranno appellabili.

“Un cittadino, una volta provata l’innocenza, ha il diritto di non essere perseguitato per sempre”.

Il partito di centrodestra di Berlusconi Forza Italia (FI) è alleato con la Lega nazionalista di Matteo Salvini e il partito di estrema destra Fratelli d’Italia (FdI) di Giorgia Meloni, che è pronta a diventare la prima premier italiana post-fascista e la prima donna dopo il 25 settembre. (COLORnews).

TUTTI I DIRITTI RISERVATI © Copyright COLORnews

Ultime Notizie

Back to top button