Cultura

Le bugie del GOP Santos aumentano mentre i manifestanti si presentano per chiedere le sue dimissioni

Il giorno dopo che un rapporto esplosivo ha messo in dubbio la veridicità del curriculum e del background del rappresentante eletto di Long Island George Santos, non solo sono state montate richieste di indagini del comitato etico e le dimissioni del repubblicano, ma i manifestanti si sono presentati a casa sua a Whitestone, nel Queens per dare voce alla loro rabbia.

La protesta è scaturita da un rapporto del New York Times in cui Citigroup e Baruch College, tra gli altri nomi sul curriculum di Santos, hanno affermato di non avere alcuna traccia del 34enne, che ha condotto una campagna come finanziere di Wall Street di successo e ha concluso che “la sua il curriculum può essere in gran parte finzione.

I manifestanti hanno visitato la sua casa martedì e i politici hanno chiesto indagini del comitato etico poiché le preoccupanti domande sulla storia lavorativa di Santos, sulla storia dell’istruzione, sulla storia dell’azienda e persino sull’indirizzo di casa non potevano essere immediatamente verificate e rimbalzate attraverso i media.

Il legislatore di Long Island Josh Lafazan, che rappresenta il Distretto 18 di Nassau, è stato tra coloro che hanno visitato l’indirizzo di Santos nel Queens.

“I politici hanno mentito. Nessuno è sorpreso. Ma la portata, la depravazione morale, la raffinatezza di questa rete di bugie è davvero senza precedenti. Nessuna accusa è stata confutata”, ha detto.

Ricorrendo a quella che è ormai diventata la procedura operativa standard per i politici colti in misfatti, Santos ha risposto definendo le accuse opera di “nemici del New York Times”.

Altri leader di Long Island hanno chiesto al Comitato etico della Camera di indagare su Santos. Tra loro c’era il democratico Robert Zimmerman, che ha perso contro Santos.

“La mancata risposta di Santos a nessuna delle domande su queste accuse dimostra perché non è idoneo a cariche pubbliche e dovrebbe dimettersi. Dimostra perché devono esserci immediatamente un comitato etico della Camera, una commissione elettorale federale e un’indagine del procuratore degli Stati Uniti “, ha affermato Zimmerman in una nota.

Oltre al rapporto di lunedì che metteva in discussione la storia educativa e professionale di Santos, lunedì sono emerse altre domande su altre affermazioni. La Jewish Telegraphic Agency ha pubblicato un pezzo esaminando il necrologio della madre di Santos e altri dettagli sulla famiglia per vedere se potevano trovare prove di presunte origini ebraiche. Non ha trovato nulla di conclusivo.

Il rapporto del Times ha anche dettagliato le accuse di frode sugli assegni penali di Santos in Brasile e ha esaminato le sue rivelazioni finanziarie che hanno sollevato ulteriori domande. Santos ha riportato uno stipendio di $ 750.000 e oltre $ 1 milione di dividendi dalla sua azienda, la Devolder Organization, che non ha siti Web pubblici o clienti divulgati.

Oltre alla dubbia veridicità del suo curriculum, Santos è stato pesantemente criticato per aver collaborato con suprematisti bianchi ed estremisti di estrema destra.

I leader del GOP di Nassau hanno affermato che Santos dovrebbe avere il tempo di confutare il rapporto, mentre i dati nazionali e statali del GOP sono rimasti finora silenziosi.

Il presidente repubblicano di Nassau Joseph Cairo ha dichiarato a Newsday: “Credo che George Santos meriti l’opportunità di affrontare le affermazioni dettagliate nell’articolo”.

Ultime Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button