Mondo

Le comunità del Botswana guadagnano 5 milioni di dollari attraverso la caccia agli elefanti

Gaborone —

Il governo del Botswana afferma che le comunità rurali hanno guadagnato 5 milioni di dollari dallo scorso anno dai proventi della caccia agli elefanti. I conservazionisti si oppongono alla pratica, ma i funzionari locali affermano che le cacce sono necessarie per ridurre il conflitto uomo-fauna selvatica. L’attività annuale attira cacciatori dall’estero che pagano ingenti somme per sparare agli elefanti.

Il ministro ad interim dell’Ambiente e del Turismo, Sethabelo Modukanele, ha affermato che le comunità stanno beneficiando della revoca di un divieto di caccia di cinque anni.

“La caccia è stata ripristinata nel 2019 dopo una moratoria di cinque anni dopo un’ampia consultazione delle parti interessate. Ciò ha consentito alle comunità di generare entrate considerevoli pari a 50 milioni di pula in due anni [from 2021 to 2022] per i loro progetti di sviluppo”, ha affermato Modukanele.

La maggior parte delle entrate proviene da cacciatori internazionali che pagano fino a $ 50.000 per sparare a un singolo elefante.

L’amministratore delegato della Botswana Wildlife Producers Association, Isaac Theophilus, afferma che si potrebbe fare di più per garantire che le comunità beneficino delle risorse della fauna selvatica.

“Le comunità possono ottenere di più dalla caccia. Il problema in questo momento è che le comunità dipendono solo dalla vendita delle loro quote di caccia, subaffittando alcune delle aree loro assegnate. Per guadagnare di più dalla caccia, le comunità devono esplorare altre strade per cercare di raccogliere fondi, come investire i 50 milioni di sterline che hanno accumulato in attività che generano reddito “, ha affermato Theophilus.

La crescente popolazione di elefanti del Botswana, che supera i 130.000 esemplari, ha creato conflitti con gli esseri umani, poiché gli animali spesso calpestano i raccolti, feriscono o uccidono le persone.

FILE – Gli elefanti attraversano la strada piena di camion in attesa di attraversare il fiume sul ponte Kazungula a Kazungula, Botswana, 10 maggio 2021.

Ma il biologo animale Keith Lindsay ha affermato che la caccia agli elefanti potrebbe danneggiare i modelli riproduttivi della specie.

“I più grandi elefanti maschi sono quelli che contribuiscono alla maggior parte della popolazione in termini di sopravvivenza e successo nell’accoppiamento. I loro geni sono attivamente selezionati e scelti dalle femmine di elefante; preferiscono accoppiarsi con i maschi più grandi. Portando via quei grandi maschi, stai danneggiando la struttura genetica della popolazione e le possibilità di sopravvivenza in futuro”, ha detto.

Nel frattempo, il ministro Modukanele ha affermato che il governo ha distribuito quasi 400 animali selvatici a piccoli agricoltori per garantire che i locali abbiano un interesse nell’agriturismo.

“Il governo ha deliberatamente deciso di sostenere le start-up per il Batswana che hanno mostrato interesse e hanno soddisfatto il criterio richiesto per mantenere la selvaggina nei campi arati. Coloro che si sono qualificati sono stati assistiti con animali di varie specie, come impala, gemsbok, eland e zebre. Ad oggi, 277 hanno presentato domanda e 251 hanno approvato e 67 hanno fornito stock di sementi, per un totale di 377 animali”, ha affermato Modukanele.

In una recente riunione delle parti della CITES, il trattato del 1963 per la protezione delle specie in via di estinzione, alcuni paesi africani hanno cercato di presentare una proposta volta a vietare la caccia ai trofei in Botswana e in altri areali di elefanti dell’Africa meridionale. Il tentativo non ha avuto successo e la caccia agli elefanti continuerà in Botswana per il prossimo futuro.

Ultime Notizie

Back to top button