Mondo

Le infermiere britanniche inizieranno il primo sciopero in assoluto mentre la disputa salariale si approfondisce

LONDRA —

Gli infermieri del servizio sanitario nazionale in Gran Bretagna scioperano giovedì nel loro primo sciopero nazionale in assoluto mentre un’aspra disputa con il governo sulla retribuzione aumenta la pressione sugli ospedali già al limite in uno dei periodi più affollati dell’anno.

Giovedì, circa 100.000 infermieri scioperano in 76 ospedali e centri sanitari, annullando migliaia di operazioni non urgenti, come la sostituzione dell’anca, e decine di migliaia di appuntamenti ambulatoriali nel NHS finanziato dallo stato britannico.

La Gran Bretagna sta affrontando un’ondata di azioni sindacali questo inverno, con scioperi che paralizzano la rete ferroviaria e il servizio postale e gli aeroporti si preparano a un’interruzione nel periodo natalizio.

L’inflazione che supera il 10%, seguita da offerte salariali di circa il 4%, sta alimentando le tensioni tra sindacati e datori di lavoro.

Di tutti gli scioperi, però, sarà la vista delle infermiere ai picchetti che sarà l’immagine di spicco per molti britannici quest’inverno.

“È profondamente deplorevole che alcuni membri del sindacato stiano andando avanti con azioni di sciopero”, ha detto il ministro della salute Steve Barclay.

“Ho lavorato in tutto il governo e con medici al di fuori del settore pubblico per garantire livelli di personale sicuri, ma rimango preoccupato per il rischio che gli scioperi rappresentano per i pazienti”.

Considerato un tesoro nazionale

La professione infermieristica ampiamente ammirata chiuderà parti del NHS, che dalla sua fondazione nel 1948 ha sviluppato lo status di tesoro nazionale per essere gratuito al punto di utilizzo, colpendo la fornitura di assistenza sanitaria quando è già tesa in inverno e con arretrati a livelli record a causa di ritardi COVID

Barclay ha affermato che i pazienti dovrebbero continuare a cercare cure mediche urgenti e presentarsi agli appuntamenti a meno che non gli sia stato detto di non farlo.

L’azione sindacale degli infermieri di giovedì e 20 dicembre non ha precedenti nei 106 anni di storia del sindacato infermieristico britannico, ma il Royal College of Nursing (RCN) ha affermato di non avere scelta poiché i lavoratori lottano per sbarcare il lunario.

Gli infermieri vogliono un aumento di stipendio del 19%, sostenendo di aver subito un decennio di tagli in termini reali e che una paga bassa significa carenza di personale e cure non sicure per i pazienti. Il governo ha rifiutato di discutere la retribuzione.

Il governo scozzese ha evitato uno sciopero degli infermieri tenendo colloqui sulla retribuzione, un risultato che l’RCN aveva sperato in Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord, ma Barclay non si è mosso.

Il governo ha affermato di non potersi permettere di pagare più del 4-5% offerto agli infermieri, raccomandato da un organismo indipendente, e che ulteriori aumenti salariali significherebbero sottrarre denaro ai servizi di prima linea.

L’RCN ha accusato il governo di “belligeranza”. Martedì ha affermato che gli scioperi potrebbero ancora essere fermati se il governo fosse disposto a negoziare.

Alcuni trattamenti esenti da sciopero

Alcune aree di trattamento saranno esentate dall’azione di sciopero, ha affermato RCN, tra cui chemioterapia, dialisi e terapia intensiva.

I sondaggi prima dello sciopero degli infermieri hanno mostrato che la maggioranza dei britannici sostiene l’azione, ma una volta che gli scioperi saranno in corso, i politici monitoreranno attentamente l’opinione pubblica.

Ultime Notizie

Back to top button