Mondo

Le restrizioni COVID sono state revocate, gli uomini d’affari cinesi hanno intrapreso la strada per rilanciare l’economia delle esportazioni

Hong Kong –

Yiwu, una città nella provincia cinese dello Zhejiang, produce più della metà degli addobbi natalizi del mondo acquistati dai miliardi di persone che celebrano la festa.

La politica cinese “zero-COVID”, unita ai timori di una pandemia globale, ha offuscato il glitterfest tutto l’anno alimentato dalle esportazioni locali. Gli ordini natalizi sono diminuiti del 50% nel 2020, secondo il Global Times ufficiale, con i costi delle materie prime e la carenza di manodopera che ostacolano una ripresa nel 2021, che ha visto solo un aumento delle vendite dal 10% al 20% rispetto all’anno precedente.

Quindi, più velocemente di quanto gli elfi potessero attaccare quelle nove renne alla slitta di Babbo Natale, un giorno dopo che Pechino ha iniziato a revocare le restrizioni zero-COVID il 3 dicembre, una delegazione commerciale dello Zhejiang è partita per la Germania e la Francia per lanciare le “Mille missioni e diecimila imprese per espandere il Azione di mercato e ordini a domicilio.” L’obiettivo: vendere abbastanza roba per riportare l’economia cinese alla crescita pre-pandemia.

Hanno colpito un intoppo. “Sembra che il potere d’acquisto di europei e americani sia così debole ora. Se i mercati sono deboli, anche l’economia cinese ne sta sicuramente soffrendo”, ha detto Steven Gao, un uomo d’affari nella provincia di Zhejiang che esporta addobbi natalizi e altri ninnoli in Europa. e gli Stati Uniti

Al di là degli effetti postumi della pandemia come catene di approvvigionamento non ancora normali, Gao attribuisce la desolante prospettiva economica alle recenti politiche del presidente Xi Jinping, in particolare la sua attenzione alla “prosperità comune” durante il 20° congresso del partito, che si è riunito a ottobre a Pechino e gli ha dato un terzo termine. La frase si riferisce a uno sforzo ufficiale per affrontare la disparità di reddito, una spinta spesso legata alla ricchezza personale accumulata da fondatori e dirigenti in settori come la tecnologia.

“Molti dei miei ricchi amici stanno pensando di trasferirsi in altri paesi”, ha detto Gao, 45 anni, che ha chiesto di usare uno pseudonimo per evitare di attirare l’attenzione ufficiale quando ha parlato con ColorNews Mandarin martedì. “Hanno paura che la loro ricchezza venga sequestrata. Questa mancanza di fiducia, unita al controllo della pandemia, ha portato allo slittamento della crescita economica”.

Secondo un rapporto della CNBC del 4 dicembre, gli ordini di produzione statunitensi in Cina sono diminuiti del 40%, secondo gli ultimi dati della CNBC Supply Chain Heat Map, e le fabbriche cinesi dovrebbero chiudere due settimane prima del solito per il capodanno lunare che cade il 22 gennaio 2023.

Quando Xi ha presieduto una riunione del 6 dicembre del Politburo del Partito Comunista, il secondo più alto organo decisionale della Cina, ha sottolineato la necessità di stabilizzare l’economia e di attrarre investimenti stranieri.

Dopo il raduno, il Securities Times ufficiale ha riferito il 7 dicembre che il Suzhou Bureau of Commerce ha pianificato di noleggiare voli per Francia e Germania dopo che un “viaggio riuscito” in Giappone è tornato con ordini garantiti per un valore di oltre 1 miliardo di yuan, o 142 milioni di dollari.

Un volo simile organizzato dal governo della provincia di Suzhou è decollato per l’Europa il 9 dicembre. “Correre contro il tempo, afferrare più ordini e opportunità… questi sono i compiti più cruciali che le compagnie cinesi si sono assunte quando sono salite sull’aereo”, ha scritto il Global Times ufficiale. notiziario che ha sottolineato “Yiwu … è stato il punto di partenza di numerosi canali commerciali internazionali che collegano il mondo intero”.

Alibaba, la più grande piattaforma di e-commerce della Cina, ha recentemente lanciato un’operazione speciale denominata “Digital Hybrid Trade Show” per avviare almeno 100 fiere all’estero nel prossimo futuro, ha riferito Securities Times il 12 dicembre. Le mostre coprono più di 10 importanti fiere estere mercati target commerciali, tra cui Stati Uniti, Germania, Gran Bretagna, Giappone, Singapore e Australia.

Alcuni analisti, tuttavia, ritengono che la risposta della Cina alla pandemia potrebbe averla resa meno attraente per le imprese straniere per la produzione e gli investimenti.

L’agenzia di stampa statale Xinhua ha riferito che i partecipanti alla riunione del 6 dicembre hanno sottolineato che la stabilità è la massima priorità di Pechino in un contesto economico internazionale caratterizzato da “venti forti e onde”.

Zhao Chunshan, consigliere capo dell’Asia-Pacific Peace Research Foundation, un think tank privato di Taiwan, ha dichiarato a ColorNews Mandarin che “i capitalisti stanno scappando. Nessuno osa investire, causando instabilità economica. Se c’è un problema nell’economia lì non c’è modo di stabilizzarsi”.

Zhao afferma che i governi locali con un elevato carico di debito devono guardare fuori dalla Cina piuttosto che al governo centrale per la stabilità.

“Il governo centrale cinese non ha modo di risolvere i debiti locali”, ha detto. “Lo stanziamento del governo centrale da solo non è sufficiente. Devono attrarre investimenti e affari esteri da soli. In una certa misura, il governo centrale conferisce anche alle località tale autorità”.

In un’intervista con ColorNews Mandarin, Lai Rongwei, assistente professore presso il Center for Liberal Studies della Longhua University of Science and Technology di Taiwan, ha affermato che il fatto che le province e le città si stiano affrettando a formare gruppi per andare all’estero riflette i timori dei funzionari locali.

“Le misure della Cina per isolare le città hanno portato a una grave carenza di rifornimenti, comprese le medicine”, ha detto Lai. “Il debito dei governi locali è già enorme e la mancanza di entrate negli ultimi anni ha peggiorato ulteriormente la situazione. Le persone che si recano attivamente all’estero mostrano un grande panico, temendo che la recessione economica non possa essere alleviata e il i rischi aumentano».

Ma Lai ha affermato che dopo i blocchi della pandemia, la Cina non è più così attraente per gli investitori stranieri come una volta.

“Gli investitori stranieri devono tenere conto del costo dell’investimento”, ha detto Lai. “Le città potrebbero essere chiuse e l’energia elettrica interrotta ogni volta che c’è un ordine dalle autorità superiori. … Le imprese private hanno difficoltà a sopravvivere, e ora i governi cercano soluzioni da investitori stranieri”.

Bo Gu ha contribuito a questo rapporto.

Ultime Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button