Leak: i piani della Presidenza ungherese per energia, trasporti, ambiente

Il 1° luglio l’Ungheria assumerà la presidenza semestrale del Consiglio dell’UE. Euractiv ha visto e rivisto il piano indicativo dell’Ungheria per l’energia, i trasporti e l’ambiente durante i suoi sei mesi di presidenza del Consiglio.

Anche se gli ungheresi erediteranno i fascicoli legislativi in ​​corso dall’attuale presidenza belga, il mandato sarà più tranquillo in termini di attività legislativa. La loro presidenza coincide con la fine del ciclo quinquennale dell’UE. Una nuova Commissione europea dovrebbe entrare in carica all’inizio dell’autunno e avrà bisogno di tempo per identificare le proprie priorità e definire i piani di lavoro.

Ecco dove l’Ungheria prevede di concentrare i propri sforzi:

Energia

La Presidenza non prevede di portare avanti alcuna proposta di legge.

Si concentrerà invece sulla promozione dell’energia geotermica. La decisione dell’Ungheria di inserire l’energia geotermica all’ordine del giorno è arrivata dopo che il Parlamento europeo e il Comitato delle Regioni hanno votato quasi all’unanimità a favore di una strategia europea sull’energia geotermica all’inizio di quest’anno.

Una conferenza su questo argomento si terrà a Budapest il 29 settembre 2024.

La Presidenza ungherese prevede inoltre di discutere dei 27 Piani nazionali per l’energia e il clima e dello sviluppo delle reti elettriche.

Trasporto

I nuovi ungheresi si aspettano che il Consiglio negozi con il Parlamento europeo testi di compromesso riguardanti le norme sulla patente di guida, una migliore misurazione delle emissioni dei trasporti e il mandato dell’Agenzia europea per la sicurezza marittima.

Lavoreranno per concordare le posizioni del Consiglio sulle leggi riguardanti i diritti dei passeggeri, il trasporto intermodale di merci e le interdizioni dei conducenti a livello dell’UE, per reati gravi.

Infine, se la Presidenza belga non concluderà i negoziati con il Parlamento, l’Ungheria vorrebbe trovare un accordo su un migliore utilizzo della capacità dell’infrastruttura ferroviaria in Europa.

Ambiente

L’Ungheria mirerà a portare avanti i negoziati con il Parlamento sulle proposte di legge riguardanti la salute del suolo, le norme sul greenwashing, gli inquinanti dell’acqua e il trattamento e riciclaggio dei rifiuti.

Cercheranno anche di raggiungere una posizione del Consiglio sulle restrizioni sulla microplastica.

La contestata legge sul ripristino della natura, che probabilmente non sarà adottata, non è elencata nel piano indicativo ungherese.

[A cura di Donagh Cagney/Rajnish Singh]

Scopri di più con Euractiv

Iscriviti ora alla nostra newsletter Elezioni europee decodificate

Ultime Notizie

Back to top button