Mondo

L’ex capo della NATO si unisce agli appelli per armare meglio l’Ucraina

Washington —

L’ex segretario generale della NATO Anders Rasmussen si è unito a un crescente coro di voci che chiedono agli Stati Uniti e ai loro alleati europei di fornire all’Ucraina sistemi d’arma più avanzati per aiutarla a combattere un assalto missilistico russo contro i suoi sistemi energetici e altri sistemi infrastrutturali con l’arrivo dell’inverno .

“Non capisco perché abbiamo imposto quelle restrizioni sulle nostre consegne di armi che impediscono agli ucraini di fare tutto il possibile per riconquistare la terra perduta, quindi è per questo che sono a Washington in questo momento per esortare gli americani a revocare tutte le auto- imposto restrizioni sulle consegne di armi”, ha detto Rasmussen a Voice of America in una recente intervista.

“Abbiamo fissato un limite a quanto lontano possono arrivare i missili, per così dire; c’è una chiara differenza tra missili con una gittata di 120 chilometri e missili con una gittata di 300 chilometri… dovremmo fornire tutti i mezzi di cui gli ucraini hanno bisogno, loro hanno la volontà di combattere, è nostro obbligo dare loro i mezzi per combattere”.

Rasmussen non è il solo a chiedere una risposta più decisa da parte degli Stati Uniti e dei suoi alleati agli appelli ucraini per sistemi d’arma più avanzati. Un gruppo bipartisan di 16 senatori statunitensi ha esortato l’amministrazione Biden alla fine del mese scorso a dare “un’attenta riconsiderazione” alla richiesta dell’Ucraina di un sofisticato sistema di droni senza pilota noto come MQ-1C Grey Eagle.

“L’MQ-1C, insieme alle capacità di fuoco a lungo raggio già fornite, fornisce all’Ucraina ulteriore letalità necessaria per espellere le forze russe e riconquistare il territorio occupato”, hanno affermato i senatori in una lettera del 22 novembre indirizzata al segretario alla Difesa Lloyd Austin.

Tra coloro che hanno firmato la lettera, che è stata riportata per la prima volta dal Wall Street Journal, c’era la senatrice repubblicana Joni Ernst, una delle più accanite sostenitrici dell’Ucraina che ha affermato che il tempo trascorso in un programma di alloggio in famiglia in Ucraina durante la sua giovinezza ha svolto un ruolo fondamentale nel dando forma alle sue opinioni sulla regione.

È stato firmato anche dal repubblicano James Inhofe, membro uscente del Comitato per i servizi armati del Senato, dal repubblicano Lindsey Graham e dai democratici Tim Kaine, Joe Manchin e Mark Kelly.

E in una recente intervista con il servizio georgiano di ColorNews, il senatore repubblicano Jim Risch ha affermato di “voler aumentare” da tempo il sostegno degli Stati Uniti all’Ucraina.

“Gli ucraini stanno combattendo con una mano legata dietro la schiena. Hanno un paese adiacente a loro che li ha invasi e sta commettendo tutte queste atrocità”, ha detto. “Inoltre, nelle ultime settimane, [the Russians] hanno fatto tutto il possibile per eliminare completamente [Ukraine’s] infrastrutture per il calore e l’elettricità e tutto il resto. Non possiamo restare a guardare ciò che accade”.

Miliardi già in aiuti

A metà novembre, i soli Stati Uniti avevano autorizzato 68 miliardi di dollari in aiuti militari e umanitari per l’Ucraina e avevano chiesto al Congresso di approvare altri 37,7 miliardi di dollari, secondo i dati raccolti dal Center for Strategic and International Studies.

L’assistenza è stata così estesa da ridurre in modo significativo le scorte statunitensi, causando un ritardo nella consegna di armi ad altri alleati e partner, tra cui Taiwan.

Tuttavia, l’amministrazione del presidente Joe Biden ha costantemente rifiutato di dotare l’Ucraina di armi che le consentirebbero di colpire in profondità la Russia, adducendo la preoccupazione che gli Stati Uniti e la NATO possano essere trascinati in una guerra più ampia con Mosca, con potenziali conseguenze nucleari.

All’inizio della guerra, gli Stati Uniti ei loro alleati respinsero le richieste ucraine di caccia a reazione che avrebbero aiutato a impedire alla Russia di ottenere il controllo dei suoi cieli. E questa settimana, è stato riferito che i sistemi missilistici HIMARS altamente efficaci spediti in Ucraina erano stati modificati per limitarne la portata.

L’Occidente è stato anche lento nel rispondere all’ultimo appello di Kiev per sofisticati sistemi missilistici Patriot per aiutare a proteggere la rete elettrica del paese e altre infrastrutture vitali contro un diluvio quotidiano di missili russi e droni suicidi.

“Non sono solo i sistemi missilistici Patriot”, ha detto Rasmussen a ColorNews. “Gli ucraini hanno bisogno di tutti i sistemi missilistici: francesi [missiles]HIMARS americani, patrioti, tutto!”

“Finora ne abbiamo consegnati alcuni, ma non abbastanza”, ha detto. “Quindi incoraggerei anche gli europei a intensificare la fornitura di sistemi missilistici e carri armati pesanti; ad esempio, i tedeschi dovrebbero fornire carri armati pesanti Leopard, gli ucraini hanno un disperato bisogno di quei carri armati”.

I patrioti hanno la massima priorità

Mentre l’Ucraina è ansiosa di tutte le armi che può ottenere, i Patriots – considerati uno dei sistemi di difesa aerea più efficaci disponibili – sono una priorità assoluta per Kiev con l’arrivo dell’inverno e Mosca si concentra maggiormente sui suoi attacchi aerei a lungo raggio.

Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha sottolineato la necessità di sistemi e attrezzature di difesa aerea più avanzati per mantenere la rete elettrica del paese durante una riunione di fine novembre dei ministri della NATO a Bucarest, in Romania, ha riferito l’Associated Press.

Parlando prima di un incontro con il Segretario di Stato americano Antony Blinken, Kuleba ha affermato che l’Ucraina durante la sessione ha ricevuto “una serie di impegni, nuovi impegni, da vari membri della NATO per quanto riguarda la fornitura all’Ucraina di armi e attrezzature energetiche più difensive”.

Ma quando gli è stato chiesto se ciò includesse i Patriots, Kuleba ha rifiutato di rispondere. Ha detto che il suo paese sarebbe felice di ricevere i sistemi Patriot che la Germania ha offerto per il dispiegamento in Polonia. Il ministro della Difesa polacco Mariusz Blaszczak ha chiarito questa settimana che la Polonia avrebbe preferito che la Germania inviasse i sistemi all’Ucraina, anche se Varsavia ha annunciato che avrebbe ospitato i patrioti offerti da Berlino sul suo territorio.

Determinato a combattere

A Washington, il parlamentare ucraino in visita Oleksiy Goncharenko ha espresso frustrazione questa settimana per la sua incapacità di ottenere risposte dirette dai funzionari dell’amministrazione sulla richiesta dei sistemi Patriot.

“Non posso ricevere una spiegazione sui Patriots”, ha detto agli ospiti che hanno partecipato a un evento ospitato da American Purpose, un’organizzazione fondata da Francis Fukuyama e altri pensatori per deliberare sugli eventi attuali.

“Parlando di altre armi, ho sentito parlare di ‘escalation’. A proposito di Patriots, nessuna spiegazione”, ha detto Goncharenko.

Ma nonostante la perdita di calore ed elettricità con l’arrivo dell’inverno, il legislatore ha insistito sul fatto che il popolo ucraino è determinato a portare avanti la lotta contro la Russia per tutto il tempo necessario, nonostante le difficoltà di far fronte alla scarsità di calore ed elettricità .

“Siamo pronti a combattere”, ha detto. “Se ci vorranno due inverni, cinque inverni, 10 anni. Combatteremo fino ad allora.”

Ultime Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button