L’influenza aviaria decima le colonie di foche; Scienziati sconcertati

PORTLAND, Maine-

L’influenza aviaria sta uccidendo decine di migliaia di foche e leoni marini in diversi angoli del mondo, distruggendo gli ecosistemi e sconcertando gli scienziati che non vedono un modo chiaro per rallentare il devastante virus.

L’epidemia mondiale di influenza aviaria iniziata nel 2020 ha portato alla morte di milioni di uccelli e si è diffusa alla fauna selvatica in tutto il mondo. Non si ritiene che questo virus costituisca una grave minaccia per gli esseri umani, ma la sua diffusione nelle attività agricole e negli ecosistemi selvatici ha causato diffuse turbolenze economiche e sconvolgimenti ambientali.

Foche e leoni marini, in luoghi lontani come il Maine e il Cile, sembrano essere particolarmente vulnerabili alla malattia, hanno detto gli scienziati. Il virus è stato rilevato nelle foche sulle coste orientali e occidentali degli Stati Uniti, provocando la morte di oltre 300 foche nel New England e una manciata in più a Puget Sound a Washington. La situazione è ancora più terribile in Sud America, dove sono morti più di 20.000 leoni marini in Cile e Perù e migliaia di elefanti marini in Argentina.

Il virus può essere controllato negli animali domestici, ma può diffondersi incontrollato nella fauna selvatica, e i mammiferi marini come le foche del Sud America che non sono stati precedentemente esposti al virus hanno subito conseguenze devastanti, ha affermato Marcela Uhart, direttrice del programma America Latina presso il Karen C. Drayer Wildlife Health Center presso l’Università della California, Davis.

“Una volta che il virus è nella fauna selvatica, si diffonde a macchia d’olio, finché ci sono animali e specie sensibili”, ha detto Uhart. “Il movimento degli animali diffonde il virus in nuove aree.”

Gli scienziati stanno ancora studiando come le foche abbiano contratto l’influenza aviaria, ma molto probabilmente è dovuto al contatto con uccelli marini infetti, ha detto Uhart. L’elevata mortalità ha colpito costantemente i mammiferi marini sudamericani da quando il virus è arrivato alla fine del 2022, e da allora gli uccelli in Perù e Cile sono morti a centinaia di migliaia a causa del virus, ha osservato.

FILE – Le foche del porto vegliano da una piccola isola al largo di Portland, nel Maine, il 30 luglio 2020.

Il virus si sta ancora diffondendo ed è stato rilevato per la prima volta nell’Antartide continentale a febbraio.

La morte di foche e leoni marini sconvolge gli ecosistemi in cui i mammiferi marini fungono da predatori chiave vicino al vertice della catena alimentare. Le foche aiutano a mantenere l’equilibrio dell’oceano prevenendo la sovrappopolazione delle specie ittiche di cui si nutrono.

Molte specie colpite, come i leoni marini sudamericani e gli elefanti marini del sud, hanno popolazioni relativamente stabili, ma gli scienziati temono la possibilità che il virus si trasmetta ad animali più a rischio. Gli scienziati hanno affermato che l’influenza aviaria potrebbe aver avuto un ruolo nella morte di centinaia di foche del Caspio in via di estinzione in Russia lo scorso anno.

“La perdita di fauna selvatica su scala attuale presenta un rischio senza precedenti di collasso della popolazione selvatica, creando una crisi ecologica”, ha affermato in una nota l’Organizzazione mondiale per la salute animale, un’organizzazione intergovernativa.

Nel New England, gli scienziati della Cummings School of Veterinary Medicine della Tufts University hanno scoperto che un’epidemia di influenza aviaria che ha ucciso più di 330 foche portuali e grigie lungo la costa del Nord Atlantico nel 2022 si è rivelata peggiore di quanto si pensasse inizialmente. È possibile che le foche abbiano contratto il virus dai gabbiani entrando in contatto con gli escrementi dei gabbiani malati o predando un uccello infetto, hanno riferito gli scienziati.

Il governo degli Stati Uniti ha stabilito che la morte delle foche era un “evento di mortalità insolito” attribuibile all’influenza aviaria. La National Oceanic and Atmospheric Administration ha dichiarato che l’evento è terminato, ma permangono preoccupazioni su una possibile ripetizione.

“I mammiferi marini sono ancora piuttosto unici nella portata delle epidemie che si stanno verificando”, ha affermato Wendy Puryear, autrice dello studio Tufts. “Uno dei collegamenti è che ci sono molti virus che circolano negli uccelli costieri. Molte opportunità per questi uccelli selvatici di ospitare il virus e trasmetterlo ai mammiferi marini.”

Alcuni scienziati e difensori dell’ambiente affermano che potrebbe esserci un legame tra le epidemie, il cambiamento climatico e il riscaldamento degli oceani. Le temperature più calde del mare al largo del Cile settentrionale diminuiscono la popolazione di pesci foraggio, e questo rende i leoni marini più deboli e più suscettibili alle malattie, ha affermato Liesbeth van der Meer, direttrice del gruppo ambientalista Oceana in Cile.

FILE – Un cucciolo di foca riposa al largo della costa del Maine, il 9 luglio 2007.

Scienziati e ambientalisti sperano che la vaccinazione del pollame possa contribuire a ridurre la diffusione della malattia, ha affermato van der Meer, aggiungendo che è anche importante che le persone evitino gli animali potenzialmente infetti in natura.

“Le autorità hanno condotto campagne sulla malattia, raccomandando fortemente di stare lontano dagli uccelli marini o dai mammiferi marini con sintomi o trovati morti nelle zone costiere”, ha detto van der Meer.

Anche le foche negli acquari non sono considerate completamente sicure dall’influenza aviaria. L’Acquario del New England, dove le esibizioni all’aperto delle foche del porto deliziano migliaia di visitatori ogni anno, ha adottato rigorose precauzioni igienico-sanitarie per prevenire la trasmissione del virus ai suoi animali, ha affermato Melissa Joblon, direttrice della salute animale dell’acquario di Boston.

Al personale non è consentito portare prodotti a base di pollame da cortile nell’acquario e una tenda protegge le foche esposte dagli uccelli che potrebbero trasportare il virus, ha detto.

“Sappiamo che è un rischio per gli animali che risiedono qui”, ha detto Joblon, aggiungendo che nessuna delle foche dell’acquario è stata infettata.

Secondo un articolo pubblicato lo scorso autunno sulla rivista Nature Communications, la morte dei mammiferi marini è ancora più preoccupante a causa delle mutazioni del virus aviario. Le mutazioni “giustificano ulteriori esami ed evidenziano l’urgente necessità di una sorveglianza locale attiva per gestire le epidemie e limitare la diffusione in altre specie, compreso l’uomo”, afferma lo studio.

Un altro studio, pubblicato sulla rivista Emerging Infectious Diseases a febbraio, ha scoperto che il virus dell’influenza aviaria si è adattato per diffondersi tra uccelli e mammiferi. I ricercatori hanno trovato campioni quasi identici del virus nei leoni marini morti, in una foca morta e in un uccello marino morto. Hanno affermato che la scoperta è significativa perché conferma un’epidemia multispecie che può colpire mammiferi e uccelli marini.

Ulteriori morti di foche potrebbero distruggere gli ecosistemi critici in tutto il mondo, ha affermato Lynda Doughty, direttrice esecutiva di Marine Mammals of Maine, un’organizzazione di soccorso che ha risposto alle foche colpite dall’influenza aviaria durante l’epidemia nel New England.

“Abbiamo bisogno di questo ecosistema felice. Se eliminiamo alcune specie importanti, qual è l’effetto a cascata? Questa è la domanda da un milione di dollari”, ha detto Doughty.

Ultime Notizie

Back to top button