Politica

L’Italia invecchia più rapidamente rispetto ai pari dell’UE poiché la popolazione scende al di sotto dei 59 milioni

L’Italia sta invecchiando a un ritmo notevolmente più veloce rispetto ai suoi pari europei, con la popolazione del paese che è scesa sotto i 59 milioni, ha detto lunedì l’agenzia nazionale di statistica Istat.

Un calo così significativo della popolazione è una delle principali preoccupazioni per un paese come l’Italia, che è stato rovinato per decenni dalla lenta crescita economica. Si traduce in una minore produttività e innovazione, nonché in bollette sociali più elevate.

“Al 1° gennaio 2022 secondo i primi dati preliminari la popolazione (residente) è scesa a 58,983 milioni”, ha dichiarato il presidente dell’Istat Giancarlo Blangiardo in audizione parlamentare a Roma.

Blangiardo, un noto esperto di demografia, ha affermato che la popolazione nazionale è diminuita costantemente negli ultimi anni, con una perdita cumulativa di oltre 1,36 milioni di residenti dal 2014.

“Il quadro demografico del nostro Paese è caratterizzato da una significativa crescita dell’aspettativa di vita e da un altrettanto marcato calo della natalità, che si traduce in un invecchiamento della popolazione molto più rapido rispetto al resto d’Europa”, ha affermato.

A settembre, l’Istat ha previsto che la popolazione del Paese potrebbe contrarsi di un quinto, e possibilmente scendere a 54,2 milioni nel 2050 e 47,7 milioni nel 2070.

Giorgia Meloni e il suo nuovo governo di destra hanno preso a cuore la questione, facendone la massima priorità del loro programma. I piani di bilancio per il 2023 recentemente svelati proponevano di tagliare le tasse sulle vendite dei prodotti per la cura dei bambini e aumentare gli assegni familiari, mentre il ministro della famiglia ha annunciato un nuovo “piano strategico per la natalità”.

“L’Italia è destinata a scomparire”, ha dichiarato la Meloni in un’intervista all’inizio di quest’anno, indicando le tendenze riportate dall’Istat. “Serve un grande progetto, anche dal punto di vista culturale, per riscoprire la bellezza della genitorialità”.

Ultime Notizie

Back to top button