L’Italia sarà la prima a chiedere la 5a tranche del PNR – Segreteria – Politica

L’Italia è in procinto di presentare formalmente alla Commissione europea la richiesta per la quinta tranche di finanziamenti dell’Unione europea per il piano nazionale di ripresa e resilienza post-Covid (PNRRP) rivisto entro la fine dell’anno, ha detto l’ufficio del premier a Palazzo Chigi. Martedì.


Sarà il primo Stato membro dell’UE a farlo, ha aggiunto.


L’annuncio fa seguito a una riunione del comitato direttivo del PNRP per valutare il raggiungimento dei 52 obiettivi legati alla quinta tranche da 10,5 miliardi di euro a seguito dell’approvazione da parte del Consiglio europeo, l’8 dicembre, del piano modificato dell’Italia per rendere l’economia più verde e moderna.


A seguito delle modifiche richieste dal governo della premier Giorgia Meloni, il PNR vale ora 194,4 miliardi di euro, di cui 122,6 miliardi di euro in prestiti e 71,8 miliardi di euro in sovvenzioni concesse nell’ambito del programma NextGenerationEU per aiutare gli Stati membri dell’UE a riprendersi dall’emergenza Covid-19 pandemia, con risorse da impegnare nel periodo 2021-2026.


Il nuovo NRRP copre 66 riforme – sette in più rispetto al piano originale – e 150 investimenti, e comprende in totale 145 misure nuove o modificate, compresi gli interventi stabiliti nel nuovo capitolo REPowerEU, finanziato separatamente, per ridurre la dipendenza dai combustibili fossili russi nel paese. sulla scia della guerra di aggressione di Mosca contro l’Ucraina.


L’Italia prevede di ricevere la quarta tranche di 16,5 miliardi di euro entro la fine del 2023.


Foto: il ministro degli Affari europei Raffaele Fitto, che detiene anche il portafoglio del PNRPR italiano.

TUTTI I DIRITTI RISERVATI © Copyright COLORnews

Ultime Notizie

Back to top button