Politica

L’Italia si dirige alle urne nelle elezioni che potrebbero vedere l’estrema destra al potere

In Italia, le urne si sono aperte domenica mattina, quando il Paese vota in elezioni politiche anticipate che potrebbero spostare nettamente la sua politica a destra in un momento critico per l’Europa, con la guerra in Ucraina che fa salire alle stelle le bollette energetiche e mette a dura prova l’unità occidentale.

L’alleanza di destra è formata da Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia o Fratelli d’Italia, dal leader della Lega Matteo Salvini e da Silvio Berlusconi, il tre volte presidente del Consiglio che guida il partito Forza Italia, da lui creato nel 1994.

In vista delle elezioni di domenica, i sondaggi d’opinione avevano suggerito che Meloni, un politico di estrema destra il cui partito Fratelli d’Italia è noto per le sue radici neofasciste, fosse in testa alla popolarità.

Se vince, sarà la prima donna in Italia a ricoprire la carica ea guidare il primo governo di estrema destra del Paese dalla seconda guerra mondiale.

Salvini è noto per le sue posizioni anti-immigrazione, mentre sia lui che Berlusconi sono stati pesantemente criticati per i loro legami e il loro sostegno al presidente russo Vladimir Putin.

Mentre negli ultimi giorni della campagna elettorale Salvini ha criticato le atrocità russe in Ucraina, Berlusconi ha alzato le sopracciglia dicendo che Putin voleva semplicemente mettere persone “perbene” al governo di Kiev dopo che i separatisti sostenuti da Mosca nel Donbas si sono lamentati di essere stati danneggiati dall’Ucraina.

L’ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte guida il populista Movimento Cinque Stelle, che rifugge dal binario politico sinistra-destra dell’Italia, dopo essere succeduto a Luigi di Maio come leader due anni fa.

Enrico Letta, leader del Pd, è la principale forza di centrosinistra italiana e il principale rivale di Meloni.

‘L’importante è che sia qualcuno competente’

I seggi aperti alle 7:00 CEST. Il conteggio delle schede cartacee doveva iniziare poco dopo la chiusura alle 23:00, con proiezioni basate sui risultati parziali in arrivo lunedì mattina presto.

Quasi 51 milioni di italiani possono votare. I sondaggisti, tuttavia, hanno previsto che l’affluenza alle urne potrebbe essere persino inferiore al minimo record del 73% nelle ultime elezioni generali del 2018.

Dicono che, nonostante le numerose crisi dell’Europa, molti elettori si sentono alienati dalla politica poiché l’Italia ha avuto tre governi di coalizione dalle ultime elezioni, ciascuno guidato da qualcuno che non si era candidato alla carica.

I primi elettori a Roma hanno espresso preoccupazione per la politica italiana nel suo insieme.

“Spero che vedremo persone oneste, e questo è molto difficile al giorno d’oggi”, ha detto Adriana Gherdo, in un seggio elettorale della città.

“Accetto molto bene che (il premier) possa essere una donna, ma l’importante è che sia una persona competente”, ha aggiunto l’elettore Clara Invrea.

Le elezioni nella terza economia dell’eurozona sono seguite da vicino in Europa, viste le critiche della Meloni ai “burocrati di Bruxelles” ei suoi legami con altri leader di destra.

Di recente ha difeso l’ungherese Viktor Orban dopo che la Commissione europea ha raccomandato di sospendere miliardi di euro in finanziamenti all’Ungheria a causa delle preoccupazioni per la retrocessione democratica e la possibile cattiva gestione del denaro dell’UE.

Le elezioni si terranno con sei mesi di anticipo dopo il crollo del governo di unità pandemica di Mario Draghi a fine luglio. Il presidente italiano Sergio Mattarella non vedeva altra alternativa che far eleggere agli elettori un nuovo Parlamento.

I sondaggi hanno trovato Draghi, un ex capo della Banca centrale europea, estremamente popolare. Ma i tre partiti populisti della coalizione hanno boicottato un voto di fiducia legato a una misura di sgravio energetico.

I loro leader, Salvini, Berlusconi e il leader del Movimento 5 Stelle Giuseppe Conte, ex premier il cui partito è il più grande del Parlamento uscente, hanno visto crescere la popolarità di Meloni mentre la loro è scivolata.

Meloni ha mantenuto i suoi Fratelli d’Italia all’opposizione, rifiutandosi di entrare nel governo di unità di Draghi o nelle due coalizioni di Conte che hanno governato dopo il voto del 2018.

Si è ulteriormente allontanata da Salvini e Berlusconi con un sostegno instancabile all’Ucraina, incluso l’invio di armi in modo che Kiev potesse difendersi dalla Russia, poiché il suo partito difende la sovranità.

«Gioco per vincere, non per partecipare», ha detto Salvini, in cammino per votare, che vede il suo partito «sul podio: primo, secondo, nel peggiore dei casi terzo» dopo le elezioni.

“Sono ansioso di tornare da domani al governo di questo Paese straordinario”, ha aggiunto Salvini.

Ultime Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button