Mondo

L’Ucraina cercherà il sostegno internazionale per la sua formula di pace all’ONU

Il vice ministro degli Esteri ucraino ha dichiarato giovedì che Kiev proseguirà l’adozione di una risoluzione nell’Assemblea generale delle Nazioni Unite che sancirà la formula di pace in 10 punti del presidente Volodymyr Zelenskyy.

“La leadership ucraina ha deciso che la priorità numero uno che verrà presa in considerazione a febbraio è la risoluzione dedicata alla formula di pace”, ha detto Emine Dzhaparova ai giornalisti alle Nazioni Unite, dove ha partecipato a una riunione del Consiglio di sicurezza sullo stato di diritto.

Il 24 febbraio segna un anno da quando il presidente Vladimir Putin ha lanciato la sua invasione su vasta scala dell’Ucraina.

Al vertice del Gruppo dei 20 a novembre, Zelenskyj è intervenuto alla riunione tramite video e ha presentato la sua visione in 10 punti per porre fine alla guerra della Russia contro il suo paese.

Include il ritiro delle truppe russe e la cessazione delle ostilità, nonché la sicurezza nucleare, alimentare ed energetica, il rilascio di prigionieri di guerra e persone deportate.

“[U.N.] Ambasciatore [Sergiy] Kyslytsya ora continuerà a spingere per la modalità di esame di questa risoluzione perché potremmo convocare una sessione speciale per adottare questa risoluzione”, ha detto Dzhaparova.

Ha sottolineato che la formula della pace è la base per una discussione, ma ciò non significa che Kiev sia pronta a firmare qualsiasi accordo che vada contro i suoi interessi.

“Siamo molto impegnati in qualsiasi negoziato di pace che arrivi e ci porti a un risultato: integrità territoriale, sovranità, pace per il nostro popolo”, ha affermato. “Ma come il mio presidente ha costantemente affermato, non scambieremo nemmeno un centimetro di suolo ucraino, e senza avere l’esercito russo fuori dall’Ucraina, non discuteremo alcun negoziato di pace”.

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, tuttavia, ha affermato che i funzionari del Cremlino si rifiuterebbero di utilizzare la “formula di pace” di Zelenskyy come base per i negoziati, definendo “un’illusione” l’intenzione di Kiev di cacciare la Russia dall’Ucraina orientale e dalla Crimea. Agenzia di stampa RIA.

Il Cremlino il 5 gennaio ha detto che Putin aveva detto al presidente turco Recep Tayyip Erdogan che Mosca era pronta per i colloqui di pace solo a condizione che l’Ucraina “tenesse conto delle nuove realtà territoriali”, un riferimento a Kiev che riconosce i territori annessi.

Dzhaparova ha affermato che l’Ucraina potrebbe anche chiedere una seconda risoluzione dell’Assemblea Generale entro la fine dell’anno per istituire uno speciale tribunale internazionale per ritenere la leadership russa responsabile della sua invasione – il crimine di aggressione.

La Corte penale internazionale dell’Aia sta già indagando su potenziali crimini di guerra e crimini contro l’umanità commessi sul territorio ucraino dopo l’invasione della Russia.

Ultime Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button