Mondo

L’Ucraina organizza giochi di guerra vicino alla Bielorussia mentre si parla di assalto russo

REGIONE DI RIVNE, Ucraina —

Il crepitio degli spari e il rombo dei veicoli blindati ha risuonato mercoledì nelle sonnolente città ucraine occidentali vicino al confine bielorusso mentre le forze di Kiev si addestravano per la minaccia di un nuovo assalto attraverso un nuovo fronte nel nord.

L’Ucraina teme che la Russia possa accumulare forze sul territorio del suo alleato Bielorussia prima di colpire nel nord-ovest o addirittura provare a guidare verso Kiev come ha fatto quando ha invaso lo scorso febbraio.

Riaprendo un fronte settentrionale, la Russia allungherebbe le forze di Kiev, concentrate da mesi sulle battaglie che infuriano a est ea sud, costringendola a dirottare le truppe a nord.

Il colonnello Roman Voloschuk della 104a brigata di difesa territoriale ha cercato di proiettare la forza a margine delle esercitazioni militari in tre località segrete nel nord-ovest dell’Ucraina.

“Possono provarci, ma noi siamo pronti per loro. Ci siamo preparati, ogni svolta e ogni incrocio è stato scavato. Ci sarà una resistenza colossale da ogni edificio”, ha detto a Reuters.

I militari ucraini partecipano a esercitazioni congiunte delle forze armate, della guardia nazionale e del servizio di sicurezza dell’Ucraina (SBU), vicino al confine con la Bielorussia, in Ucraina, 11 gennaio 2023.

I soldati della sua unità di difesa territoriale, una delle centinaia di milizie formate poco prima dell’invasione russa del 24 febbraio, hanno affermato di essere ben preparati ad affrontare qualsiasi nuova minaccia.

“Otterranno la loro punizione… li stiamo aspettando”, ha detto Artur Horodniuk, un mitragliere di 28 anni.

Anticipando il tipo di attacco che l’Ucraina potrebbe affrontare, mercoledì le truppe di Kiev hanno praticato la guerra urbana, sparando con fucili d’assalto, guidando veicoli blindati e liberando ostaggi.

In un’altra esercitazione nella campagna innevata, le truppe si sono esercitate in agguati e distruzione di gruppi di ricognizione, una caratteristica del primo assalto russo dalla Bielorussia che Mosca ha abbandonato all’inizio dello scorso aprile.

Voloschuk ha affermato che l’inverno mite finora avrebbe aiutato gli sforzi di difesa poiché aveva lasciato i livelli del fiume più alti del solito e molti dei suoi soldati erano temprati dalla battaglia dai combattimenti dello scorso anno.

Nonostante negli ultimi giorni abbia esercitato una pressione colossale sulla città orientale di Soledar, le forze russe sono apparse in secondo piano sul campo di battaglia per mesi e un improvviso assalto dalla Bielorussia segnerebbe un sorprendente cambiamento di dinamica.

Un obice tedesco Panzerhaubitze 2000 è camuffato dall’esercito ucraino della 43a brigata di artiglieria pesante, mentre continua l’attacco della Russia all’Ucraina, vicino a Soledar, Ucraina, 11 gennaio 2023.

Konrad Muzyka, capo della società di analisi della difesa Rochan Consulting, ha affermato che in Bielorussia è stato osservato un lento accumulo di forze russe, ma è stato molto più piccolo della forza che si è accumulata nel nord dell’Ucraina lo scorso febbraio.

Tuttavia, un’offensiva russa era possibile e una spinta nell’Ucraina occidentale potrebbe mettere a repentaglio le linee di rifornimento di armi dall’Europa, ha aggiunto.

Serhiy Nayev, comandante delle forze congiunte ucraine, ha affermato che l’Ucraina ha abbastanza truppe per difendere l’attuale minaccia e, se necessario, corrisponderà a qualsiasi aumento dall’altra parte del confine.

“Al momento, l’equilibrio delle forze e delle attrezzature tra la nostra parte e il nemico non è a favore del nemico”, ha detto.

I comandanti ucraini locali hanno detto che c’erano 15.000 soldati russi in Bielorussia, troppo pochi per lanciare una grande offensiva.

C’è stata una serie di attività militari per mesi in Bielorussia, che vanno da esercitazioni congiunte alla creazione di una forza militare regionale bielorussa-russa congiunta.

Il presidente russo Vladimir Putin ha visitato il leader bielorusso Alexander Lukashenko a dicembre in un raro viaggio a Minsk, suggerendo che abbia preceduto un attacco all’Ucraina, forse con il coinvolgimento diretto dell’esercito bielorusso, anche se Minsk ha detto che non entrerà in guerra.

Muzyka ha stimato le possibilità che la Bielorussia si unisca alla Russia sul 50-50, notando che l’intensità degli esercizi di addestramento militare è stata la più alta dai tempi della Guerra Fredda. La Bielorussia potrebbe inviare in guerra da 100.000 a 200.000 coscritti, ma il suo equipaggiamento datato non fornirebbe nuove capacità, ha aggiunto.

Nonostante abbia parlato del pericolo nei commenti del mese scorso, il generale ucraino Nayev ora ha minimizzato la minaccia di una nuova offensiva dall’altra parte del confine.

“Non vediamo un aumento della presenza delle truppe russe sul territorio bielorusso”, ha detto, ma ha aggiunto che tutto è possibile in futuro.

Ultime Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button