Mondo

L’UE considera aiuti militari per l’Ucraina, nuove sanzioni russe

I ministri degli Esteri dell’Unione Europea stanno prendendo in considerazione nuove sanzioni contro la Russia e più soldi per aiutare l’esercito ucraino in una riunione lunedì, mentre gli Stati Uniti si stanno impegnando a sostenere l’Ucraina in mezzo agli attacchi aerei russi su infrastrutture critiche.

Il pacchetto UE proposto in discussione a Bruxelles fornirebbe circa 2,1 miliardi di dollari per finanziare le consegne di armi all’Ucraina.

L’UE ha già imposto otto cicli di sanzioni contro figure e industrie russe in risposta all’invasione russa iniziata a febbraio. Un nono round includerebbe funzionari governativi e industrie della difesa e bancarie russe.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha parlato telefonicamente con il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy domenica, una delle chiamate che Zelenskyy ha tenuto con i leader mondiali prima dei colloqui dell’UE e di altri incontri chiave di questa settimana.

Una dichiarazione della Casa Bianca afferma che Biden “ha ribadito l’impegno degli Stati Uniti a continuare a fornire all’Ucraina sicurezza, assistenza economica e umanitaria, ritenendo la Russia responsabile dei suoi crimini di guerra e atrocità e imponendo costi alla Russia per la sua aggressione”.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha detto dopo la sua conversazione con Zelenskyy che l’Ucraina può contare sul sostegno del suo Paese “per tutto il tempo necessario per riconquistare pienamente la sua sovranità e integrità territoriale”.

Macron ha evidenziato una conferenza che la Francia ospiterà martedì per organizzare gli aiuti per aiutare l’Ucraina “durante l’inverno”, nonché un’altra in attesa di ricostruire gli sforzi in Ucraina.

Zelenskyy ha affermato di aver anche parlato domenica con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan della prospettiva di espandere l’Iniziativa per i cereali del Mar Nero, in base alla quale l’Ucraina è stata in grado di esportare il proprio grano da tre porti.

Rete elettrica

Zelenskyy ha detto nel suo discorso notturno di domenica che gli equipaggi sono riusciti a ripristinare parzialmente il servizio elettrico nella città meridionale di Odessa, dove sabato gli attacchi russi hanno colpito due centrali elettriche e interrotto l’alimentazione a circa 1,5 milioni di persone.

Il leader ucraino ha affermato che sono in corso lavori di restauro in altre aree della regione, ma che Odessa è stata la più colpita.

Da ottobre, la Russia ha preso di mira la rete elettrica dell’Ucraina. Zelenskyj afferma che gli attacchi sono crimini di guerra contro la vita dei civili, mentre Mosca afferma che sono militarmente legittimi.

Alcune informazioni per questa storia sono arrivate da The Associated Press, Agence France-Presse e Reuters.

Ultime Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button