L’UE difende i colloqui sulle reti di fondi per aiutare le grandi tecnologie

Barcellona, ​​Spagna –

Le reti di telecomunicazioni esistenti in Europa non sono all’altezza del compito di gestire quantità crescenti di traffico dati su Internet, ha affermato lunedì un alto funzionario dell’Unione europea, mentre difendeva una consultazione sull’opportunità che le società Big Tech contribuissero a pagare per gli aggiornamenti.

L’industria delle telecomunicazioni deve riconsiderare i suoi modelli di business mentre subisce un “cambiamento radicale” alimentato da una nuova ondata di innovazione come tecnologie immersive e affamate di dati come il metaverso, ha affermato Thierry Breton, funzionario della Commissione europea responsabile della politica digitale in una grande fiera del settore a Barcellona chiamata MWC, o Mobile World Congress.

Le osservazioni di Breton sono arrivate pochi giorni dopo aver annunciato una consultazione sull’opportunità che i giganti digitali contribuiscano ai miliardi necessari per costruire la futura infrastruttura di comunicazione del blocco di 27 nazioni, comprese le connessioni via cavo wireless e in fibra ottica 5G di prossima generazione, per tenere il passo con l’aumento della domanda per i dati digitali.

“Sì, certo, dovremo trovare un modello di finanziamento per gli enormi investimenti necessari”, ha detto Breton in una copia di un discorso programmatico alla conferenza MWC.

Le società di telecomunicazioni lamentano di aver dovuto sostenere i costi sostanziali di costruzione e gestione dell’infrastruttura di rete solo per le grandi piattaforme di streaming digitale come Netflix e Facebook per beneficiare della crescente domanda di servizi online da parte dei consumatori.

“La consultazione è stata descritta da molti come la battaglia per un’equa condivisione tra Big Telco e Big Tech”, ha affermato Breton. “Una scelta binaria tra chi fornisce le reti oggi e chi le alimenta con il traffico. Non è così che vedo le cose”.

Le grandi aziende tecnologiche affermano che i consumatori potrebbero soffrire perché finirebbero per pagare due volte, con costi aggiuntivi per i loro abbonamenti online.
Breton ha negato che la consultazione fosse un attacco a Big Tech o che si stesse schierando con le società di telecomunicazioni.

“Sto proponendo un nuovo approccio”, ha detto in seguito ai giornalisti. Gli argomenti in discussione includono quanti investimenti sono necessari e se i regolamenti devono essere modificati, ha affermato.

“Non avremo nessun tabù”, ha detto Breton, riferendosi all’approccio della conferenza secondo cui nessun argomento è off limits. “Dobbiamo adattarlo? Dobbiamo discutere su chi dovrebbe pagare per cosa? Questo è esattamente ciò che è la consultazione di oggi”.

Ultime Notizie

Back to top button