Mondo

L’UE respinge i risultati della consultazione nazionale dell’Ungheria sulle sanzioni alla Russia

Lunedì (16 gennaio) la Commissione europea ha respinto i risultati della controversa consultazione del governo ungherese sulle sanzioni dell’UE contro la Russia, che sono stati resi noti durante il fine settimana.

Secondo i risultati della consultazione durata un mese, circa il 97% degli intervistati ha respinto molteplici aspetti della politica di sanzioni dell’UE, in particolare le misure mirate all’energia.

Il 97,5% degli intervistati si è detto contrario alle sanzioni dell’UE sul petrolio russo, con circa il 97,6% contrario alle misure contro le importazioni di gas russo e altre risorse.

Il questionario era stato descritto in precedenza come fuorviante dagli osservatori, a causa dell’etichettatura delle misure punitive del blocco come “sanzioni di Bruxelles” o imposte dai “leader di Bruxelles”, omettendo il fatto che erano state approvate da tutti gli Stati membri dell’UE, compresa l’Ungheria.

L’Ungheria🇭🇺 è la prima nell’UE a chiedere ai cittadini la loro opinione sulle sanzioni.

❗I risultati parlano da soli: il 97% rifiuta le sanzioni sbagliate di Bruxelles.

Bruxelles deve rivedere la sua politica delle sanzioni e trovare una nuova strategia. Abbiamo bisogno di pace e non di nuove sanzioni! pic.twitter.com/NpHPBAogjr

— Balázs Orbán (@BalazsOrban_HU) 14 gennaio 2023

La Commissione europea, tuttavia, ha notato la “partecipazione molto bassa dei cittadini consultati”, ha detto ai giornalisti a Bruxelles il principale portavoce per gli affari esteri dell’UE, Peter Stano.

Meno di 1,4 milioni degli 8,2 milioni di elettori registrati ungheresi hanno preso parte al processo di consultazione che si è svolto dal 14 ottobre al 15 dicembre, secondo i numeri ufficiali.

Tuttavia, Balázs Orbán, capo consigliere del primo ministro Viktor Orbán disse che i “risultati parlano da soli”.

“Bruxelles deve rivedere la sua politica delle sanzioni e trovare una nuova strategia. Abbiamo bisogno di pace e non di nuove sanzioni”, ha aggiunto il consigliere.

L’Ungheria già a dicembre si è giocata la possibilità che i leader dell’UE e la Commissione europea valutassero potenzialmente l’impatto delle sanzioni del blocco alla Russia sui singoli Stati membri, in particolare nel contesto della crisi energetica in corso.

L’Ungheria chiederà una discussione sull’impatto delle sanzioni alla Russia

I leader dell’UE e la Commissione europea dovrebbero valutare l’impatto delle sanzioni del blocco alla Russia sui singoli Stati membri, in particolare nel contesto della crisi energetica in corso, secondo il consigliere capo del primo ministro Viktor Orbán.

“Prima di concordare il decimo o l’undicesimo pacchetto, dovremmo sederci e discutere seriamente degli effetti delle sanzioni”, ha detto a EURACTIV il consigliere Orbán, che non ha alcuna relazione con il premier ungherese, aggiungendo che ciò dovrebbe essere fatto entro il prossimo Vertice Ue.

“I leader dell’UE dovrebbero sedersi, la Commissione europea dovrebbe creare un’analisi sugli effetti delle sanzioni”, ha continuato Orbán.

Il portavoce Stano ha detto ai giornalisti: “Gli Stati membri rivedono costantemente le sanzioni, vedendo se dobbiamo rispondere a un’ulteriore escalation da parte della Russia in questa aggressione illegale contro l’Ucraina e palese violazione della Carta delle Nazioni Unite e del diritto internazionale”, ha detto Stano ai giornalisti.

Secondo i funzionari dell’UE, è improbabile che l’esecutivo dell’UE conduca una nuova analisi esclusivamente in reazione alla richiesta di Budapest.

“Quando ci sarà una decisione sul prossimo pacchetto o sulla modifica dei pacchetti esistenti, questa sarà una decisione che i 27 Stati membri dovranno prendere all’unanimità”, ha aggiunto Stano.

Finora, nonostante i numerosi sforzi per annacquare i pacchetti di sanzioni e rimuovere determinate persone ed entità dall’elenco delle sanzioni dell’UE, l’Ungheria non ha posto il veto a nessuno dei precedenti cicli di sanzioni.

[A cura di Nathalie Weatherald]

Ultime Notizie

Back to top button