Mondo

Macron afferma che la nuova architettura di sicurezza dovrebbe dare garanzie alla Russia

L’Occidente dovrebbe considerare come affrontare il bisogno di garanzie di sicurezza della Russia se il presidente Vladimir Putin accetterà i negoziati per porre fine alla guerra in Ucraina, ha affermato il presidente francese Emmanuel Macron in un discorso trasmesso sabato (3 dicembre).

In un’intervista con la stazione televisiva francese TF1 registrata durante la sua visita di stato negli Stati Uniti la scorsa settimana, Macron ha affermato che l’Europa deve preparare la sua futura architettura di sicurezza.

“Ciò significa che uno dei punti essenziali che dobbiamo affrontare – come ha sempre affermato il presidente Putin – è il timore che la Nato si avvicini alle sue porte e il dispiegamento di armi che potrebbero minacciare la Russia”, ha affermato Macron.

“Quell’argomento farà parte degli argomenti per la pace, quindi dobbiamo preparare ciò che siamo pronti a fare, come proteggere i nostri alleati e gli Stati membri e come dare garanzie alla Russia il giorno in cui tornerà al tavolo dei negoziati”, ha detto Macron.

La Russia e gli Stati Uniti hanno entrambi affermato questa settimana di essere aperti ai colloqui in linea di principio, anche se il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha affermato che parlerà con Putin solo se il capo del Cremlino si dimostrerà interessato a porre fine alla guerra.

L’Ucraina afferma che i negoziati sono possibili solo se la Russia smette di attaccare e ritira le sue truppe.

Molti in Ucraina e in Occidente sono fortemente contrari a qualsiasi negoziato con Putin che lo ricompenserebbe con concessioni dopo quasi 10 mesi di guerra, soprattutto perché l’Ucraina ha respinto le forze russe da vaste aree negli ultimi tre mesi.

Ma le osservazioni di Macron suggerivano che fosse in sintonia con il bisogno di garanzie di sicurezza di Mosca, una richiesta che è stata al centro di un’intensa ma fallimentare diplomazia nel periodo precedente la guerra.

L’8 febbraio, poche settimane prima dell’invasione della Russia, Putin ha dichiarato in una conferenza stampa congiunta con Macron a Mosca che la Russia avrebbe continuato a cercare di ottenere risposte dall’Occidente alle sue tre principali richieste di sicurezza: niente più allargamento della NATO; nessun dispiegamento di missili vicino ai suoi confini; e un ridimensionamento dell’infrastruttura militare della NATO in Europa ai livelli del 1997.

Gli Stati Uniti all’epoca dissero che le richieste russe erano “non avviate”.

Ultime Notizie

Back to top button