Madre di un ragazzo di 14 anni con una grave allergia alle arachidi colpisce l’aeroporto di Manchester dopo che il personale ha buttato via le sue medicine salvavita durante i controlli di sicurezza mentre si recava in Italia per una gita scolastica

La madre di un bambino con una grave allergia alle arachidi ha criticato l’aeroporto di Manchester dopo aver presumibilmente confiscato farmaci salvavita durante i controlli di sicurezza.

Emma Wakefield, di Derby, era ansiosa al pensiero che suo figlio Ben, 14 anni, partisse per una gita scolastica, poiché in passato le sue allergie lo avevano ricoverato in ospedale e lo avevano lasciato gravemente malato.

In preparazione al suo viaggio a Pisa, in Italia, all’inizio di questo mese, ha preparato due lotti di farmaci, una ricetta cartacea, una lettera firmata dal medico e una copia del piano di cure di Ben.

Indossava anche un cordino per disabili ed era accompagnato da un insegnante. Ma durante la sicurezza, i suoi farmaci sono stati confiscati e presumibilmente gettati via, senza che il personale avesse prima consultato il suo insegnante.

In Italia, Ben ha avuto una reazione allergica ad una mela, che è stata trattata con un secondo lotto di farmaci, che era conservato nella sua valigia.

Emma, ​​di Derby, era preoccupata per il fatto che suo figlio Ben (entrambi nella foto) andasse in gita scolastica in Italia all’inizio di questo mese a causa della sua grave allergia alle arachidi

Emma ha preparato due lotti di farmaci, una ricetta cartacea, una lettera firmata dal medico e una copia del piano sanitario di Ben in preparazione del suo viaggio.  Sopra: la coppia è nella foto insieme

Emma ha preparato due lotti di farmaci, una ricetta cartacea, una lettera firmata dal medico e una copia del piano sanitario di Ben in preparazione del suo viaggio. Sopra: la coppia è nella foto insieme

Emma sostiene che il personale di sicurezza dell'aeroporto di Manchester (nella foto) ha confiscato le medicine di Ben e le ha gettate via

Emma sostiene che il personale di sicurezza dell’aeroporto di Manchester (nella foto) ha confiscato le medicine di Ben e le ha gettate via

La madre, 44 anni, ha detto: ‘Ero preoccupata che andasse via, a causa delle sue allergie, e quindi ho seguito tutte le istruzioni con molta attenzione.

‘L’addetto alla sicurezza non ha verificato con l’insegnante di Ben e non ha consultato la lettera del suo medico o il suo piano di assistenza. Vide semplicemente che Ben aveva troppo liquido e lo versò via.

«Quella decisione avrebbe potuto avere conseguenze tragiche. Ben è salito su un volo senza tutte le medicine di cui aveva bisogno ed era a rischio.

«In passato è stato gravemente malato in ospedale a causa di allergie. La sua condizione, e altre come la sua, devono essere prese sul serio. Per lo meno, gli operatori di sicurezza non dovrebbero prendere decisioni per i bambini senza nemmeno informarne l’adulto.’

La condizione di Ben è stata diagnosticata all’età di due anni, dopo che il suo braccio si era gonfiato a causa del burro di arachidi. Le sue condizioni erano ben gestite ma all’età di 10 anni ha subito una grave reazione a una barretta di torrone.

La madre di due figli ha detto che Ben è stato “estremamente malato” in passato a causa delle sue allergie ed è rimasta scioccata nel sentire che gli erano state tolte le medicine. Sopra: Emma con i suoi due figli, Ben e Izzy

Emma ha criticato l’aeroporto e ha detto che la presunta azione avrebbe potuto avere “tragiche conseguenze” Sopra: la madre nella foto con i suoi figli Ben e Izzy

Ben aveva bisogno di prendere le sue medicine dopo aver avuto una reazione ad una mela durante il viaggio a Pisa e fortunatamente aveva delle medicine in valigia.  Sopra: uno degli scatti delle vacanze di Ben

Ben aveva bisogno di prendere le sue medicine dopo aver avuto una reazione ad una mela durante il viaggio a Pisa e fortunatamente aveva delle medicine in valigia. Sopra: uno degli scatti delle vacanze di Ben

È stato portato d’urgenza in ospedale in ambulanza e ricoverato in terapia intensiva mentre i medici hanno stabilizzato le sue condizioni.

Emma ha detto: “Non c’è dubbio che gli hanno salvato la vita, e questo gli ha ricordato quanto potesse essere grave la situazione. Quando arrivò la gita scolastica, volevo che andasse a divertirsi, ma ero anche preoccupata.’

La madre di due figli ha detto di aver seguito le indicazioni dell’aeroporto di Manchester quando ha preparato le medicine per suo figlio adolescente.

‘Avevo messo due lotti di farmaci, uno nel bagaglio a mano, uno nella stiva, quindi se avesse avuto problemi in aeroporto o durante il viaggio, aveva con sé la sua epi-pen e il suo antistaminico. Aveva anche due inalatori”, ha detto Emma.

Durante la sicurezza, Ben e il suo insegnante si separarono e un addetto alla sicurezza presumibilmente rovesciò via la sua bottiglia di antistaminico.

L’insegnante ha spiegato: ‘Come la maggior parte dei quattordicenni, Ben non ha presentato reclamo. Non fecero alcuno sforzo per parlare con il suo insegnante e così lui andò avanti e basta. Un aereo è un ambiente ad alto rischio per Ben, c’è poca ventilazione e ci sono persone che mangiano nelle immediate vicinanze.

Emma ha affermato di aver seguito le indicazioni dell'aeroporto di Manchester quando ha preparato la borsa di suo figlio.  Sopra: la madre nella foto con i suoi figli Ben e Izzy

Emma ha affermato di aver seguito le indicazioni dell’aeroporto di Manchester quando ha preparato la borsa di suo figlio. Sopra: la madre nella foto con i suoi figli Ben e Izzy

Ben e il suo insegnante si separarono durante i controlli di sicurezza e presumibilmente gli furono tolti i medicinali.  Nella foto: l'aereo a Manchester prima del decollo

Ben e il suo insegnante si separarono durante i controlli di sicurezza e presumibilmente gli furono tolti i medicinali. Nella foto: l’aereo a Manchester prima del decollo

Natasha (nella foto), che aveva un'allergia mortale alle noci, è morta a bordo di un volo nel 2016 dopo aver mangiato qualcosa che conteneva semi di sesamo

Natasha (nella foto), che aveva un’allergia mortale alle noci, è morta a bordo di un volo nel 2016 dopo aver mangiato qualcosa che conteneva semi di sesamo

“È terrificante pensare che abbia fatto quel viaggio senza le medicine giuste.”

Nel 2016, una ragazza di 15 anni morì a bordo di un volo dopo aver avuto una reazione allergica a un panino Pret.

Natasha Ednan-Laperouse aveva un’allergia mortale alle noci e stava viaggiando con suo padre e la sua amica a Nizza il 17 luglio 2016.

Suo padre Nadim ha condiviso una baguette con carciofi, olive e tapenade con Natasha poco prima di salire sul volo della British Airways ma nel giro di un’ora lei ha perso conoscenza ed è andata in arresto cardiaco.

La catena di negozi non aveva etichettato la confezione e non aveva rivelato che il panino conteneva semi di sesamo, un ingrediente fatale per Natasha.

Suo padre Nadim ha condiviso una baguette con carciofi, olive e tapenade con Natasha poco prima di salire sul volo della British Airways ma nel giro di un’ora lei ha perso conoscenza ed è andata in arresto cardiaco.

Ha detto: ‘Non puoi proprio immaginare di avere una piccola quantità di qualcosa e tuo figlio morire davanti a te. È semplicemente impensabile.”

Dopo la sua orribile morte, è stata svelata la Legge di Natasha, una regola che obbliga le catene alimentari a riportare adeguate avvertenze sugli allergeni.

Emma ha presentato un reclamo all’aeroporto di Manchester, ma il dipendente ha affermato che “aveva ragione nello scartare l’oggetto”.

Sintomi di un’allergia alimentare e cosa dovresti fare se ne hai uno

Secondo il Servizio Sanitario Nazionale, i sintomi comuni di un’allergia alimentare includono:

  • Sensazione di vertigini o stordimento
  • Prurito cutaneo o eruzione cutanea in rilievo (orticaria)
  • Gonfiore delle labbra, del viso e degli occhi (angioedema)
  • Tosse, respiro sibilante, mancanza di respiro, respiro rumoroso o voce rauca
  • Starnuti o prurito, naso che cola o naso chiuso
  • Sentirsi male o essere malato
  • Dolore alla pancia
  • Diarrea

Potresti avvertire i sintomi subito dopo aver mangiato il cibo o giorni dopo.

Ecco i passaggi che dovresti eseguire se hai un’allergia alimentare, secondo il Servizio Sanitario Nazionale:

  • Controlla attentamente le etichette degli alimenti e i menu dei ristoranti per assicurarti che non contengano il cibo a cui sei allergico
  • Racconta agli amici, alla famiglia, all’asilo, alla scuola e al lavoro della tua allergia
  • Porta sempre con te 2 autoiniettori di adrenalina, se ne hai bisogno
  • Informa il personale dei ristoranti e dei bar della tua allergia
  • Informa le compagnie aeree e il personale di cabina della tua allergia prima del volo
  • Pulisci le superfici in pubblico prima di mangiare

Fonte: servizio sanitario nazionale

Nella loro risposta ad Emma, ​​hanno detto: ‘Capisco le tue preoccupazioni riguardo al farmaco, sfortunatamente non possiamo permetterlo nel bagaglio a mano secondo la direttiva sui dettagli del DfT e le procedure operative che dobbiamo seguire, e mi scuso per qualsiasi turbamento che ciò abbia causato. ti ha causato. ‘

Emma ha detto: “Vorrei che mi assicurassero che questo non accadrà più”. Voglio che cambino la procedura in futuro in modo che gli altri bambini non siano messi a rischio, come è successo a Ben. La prossima volta, il loro errore potrebbe essere fatale.’

Un portavoce dell’aeroporto di Manchester ha detto che l’incidente è sotto inchiesta.

Ultime Notizie

Back to top button