Cultura

Maya Picasso, figlia dello storico artista, muore a Parigi a 87 anni

Maya Widmaier-Picasso, la figlia maggiore del leggendario artista Pablo Picasso, è morta martedì 20 dicembre a Parigi, all’età di 87 anni, per complicazioni polmonari. La notizia è stata confermata dal figlio, l’attore Olivier Widmaier-Picasso. Dice a The Art Newspaper che “è morta pacificamente, circondata dalla sua famiglia”, tra cui lui stesso, sua sorella, la storica dell’arte Diana Widmaier-Picasso e il loro padre Pierre Widmaier, marito di Maya.

Il Museo Picasso di Parigi sta attualmente presentando due mostre, curate da Diana, dedicate alla vita e alla collezione di Maya e che proseguiranno fino alla fine del mese. La prima presenta le opere che Maya ha offerto lo scorso anno allo Stato francese come “pagamento sostitutivo” dell’imposta di successione. Aveva selezionato sei dipinti, una scultura, un taccuino e una statua tribale, per completare la vasta collezione che fondò il Musée Picasso dopo la morte del padre nel 1973. «Era molto legata all’idea che la sua eredità andasse a un museo, ” Olivier dice, “quindi ho sempre pensato di avere un ‘fratellino’ chiamato collezione pubblica francese”.

“Per mia madre era un dovere”, dice Diana. “Era profondamente legata all’eredità di Picasso. È diventata un’esperta della sua opera e ha raccolto un grande corpus di archivi. Picasso aveva relazioni complicate con molte delle donne della sua vita: le riveriva o abusava di loro, e in genere portava avanti relazioni romantiche con diverse donne contemporaneamente.

La stessa Maya era un personaggio fuori dal comune, capace di stuzzicare il presidente francese Macron durante l’inaugurazione di una mostra con la battuta: “Potrei essere tua madre, sai”. Nasce a Parigi il 5 settembre 1935, otto anni dopo che Picasso incontra Marie-Thérèse Walter. Lui aveva 45 anni e lei 17. I suoi primi anni di vita non furono facili. In quanto figlia illegittima, la nascita ei primi anni di infanzia di Maya dovevano essere “tenuti segreti”, ha detto una volta.

“Come esperto [on Picasso, my mother] migliaia di opere autenticate”, afferma Olivier. Si è fermata circa 6 anni fa quando la sua vista ha iniziato a peggiorare a causa di una cataratta.

“Era libera e penso che tutta l’esperienza che ha sviluppato sia stata un modo per lei di continuare a vivere con suo padre, con la sua personalità”, dice Diana. La sua morte vedrà ora l’ascesa di una nuova generazione di una delle famiglie più potenti del mondo dell’arte.

Ultime Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button