MEGA cambiamento negli equilibri di potere dell’UE

A quasi due settimane dalle elezioni europee, sono ancora in corso numerose manovre politiche, sia a Bruxelles che nelle capitali nazionali.

In primo luogo, la corrispondente principale di POLITICO dall’UE, Barbara Moens, riassume la corsa per i posti di vertice dopo che i leader europei non sono riusciti a raggiungere un accordo durante la cena informale a Bruxelles all’inizio di questa settimana.

Poi, concentreremo l’attenzione sui paesi e sui leader che fino a poco tempo fa dettavano le regole, ma che ora sembrano indeboliti – e su coloro che stanno cercando di cogliere il nuovo zeitgeist e rivendicare più potere di quello che hanno avuto in passato.

La conduttrice Sarah Wheaton e il principale corrispondente europeo di POLITICO a Berlino, Matthew Karnitschnig, discutono della situazione precaria in cui si trovano il cancelliere tedesco Olaf Scholz e i partiti della sua coalizione di governo a seguito del voto sull’UE.

Successivamente, ci spostiamo in Polonia e diamo uno sguardo a Donald Tusk e alla sua posizione sempre più dominante tra i leader europei. Sarah è affiancata da Andrzej Bobiński, giornalista e amministratore delegato di Polityka Insight a Varsavia, e Jan Cienski, redattore politico senior di POLITICO.

E infine, lo slogan appena svelato dall’Ungheria per il suo prossimo presidente del Consiglio dell’UE potrebbe essere “Make Europe Great Again”, ma noi di EU Confidential ci occupiamo di MAGA: Making Audio Great Again. Quindi continua a inviare le tue idee e commenti a [email protected].

Ulteriori letture:

I leader europei non trovano un accordo sul secondo mandato di von der Leyen, di Barbara Moens, Jacopo Barigazzi e Stuart Lau

Il tempo stringe per Olaf Scholz, di Matthew Karnitschnig

Ultime Notizie

Back to top button