Meno decessi per overdose sono stati segnalati lo scorso anno negli Stati Uniti, ma gli esperti restano cauti

NEW YORK –

Il numero di overdose mortali negli Stati Uniti è diminuito lo scorso anno, secondo i dati pubblicati mercoledì dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie.

I funzionari dell’Agenzia hanno notato che i dati sono provvisori e potrebbero cambiare dopo ulteriori analisi, e che si aspettano ancora un calo quando saranno definiti i conteggi finali. Sarebbe solo il secondo calo annuale da quando l’attuale epidemia nazionale di morti per droga è iniziata più di tre decenni fa. .

Gli esperti hanno reagito con cautela. Uno ha descritto il calo come relativamente piccolo e ha affermato che dovrebbe essere considerato parte di un livellamento piuttosto che di una diminuzione. Un altro ha osservato che l’ultima volta che si è verificato un calo – nel 2018 – le morti per droga sono aumentate vertiginosamente negli anni successivi.

“Qualsiasi calo è incoraggiante”, ha affermato Brandon Marshall, un ricercatore della Brown University che studia le tendenze dell’overdose. “Ma penso che sia certamente prematuro festeggiare o trarre conclusioni su larga scala su dove potremmo essere diretti a lungo termine con questa crisi”.

È anche troppo presto per sapere cosa ha stimolato il declino, hanno detto Marshall e altri esperti. Le spiegazioni potrebbero includere cambiamenti nell’offerta di farmaci, l’espansione della prevenzione dell’overdose e del trattamento della dipendenza, e la triste possibilità che l’epidemia abbia ucciso così tante persone che ora ci sono sostanzialmente meno persone da uccidere.

FILE – Questa foto della US Drug Enforcement Administration mostra il fentanil multicolore, o “arcobaleno”, una nuova forma mortale dell’oppioide sintetico che crea dipendenza e che è potenzialmente letale.

L’ufficiale medico capo del CDC, la dottoressa Debra Houry, ha definito il calo “notizie incoraggianti” e ha elogiato gli sforzi per ridurre il conteggio, ma ha osservato che “ci sono ancora famiglie e amici che perdono i loro cari a causa di overdose di droga in numeri sconcertanti”.

Circa 107.500 persone sono morte di overdose negli Stati Uniti lo scorso anno, compresi cittadini americani e non cittadini che si trovavano nel paese al momento della morte, secondo le stime del CDC. Si tratta di un calo del 3% rispetto al 2022, quando si stimarono 111.000 decessi di questo tipo, ha affermato l’agenzia.

L’epidemia di overdose, che ha ucciso più di 1 milione di persone dal 1999, ha avuto molti effetti a catena. Ad esempio, uno studio pubblicato la scorsa settimana su JAMA Psychiatry ha stimato che più di 321.000 bambini statunitensi hanno perso un genitore a causa di un’overdose fatale di droga dal 2011 al 2021.

“Questi bambini hanno bisogno di sostegno” e corrono un rischio maggiore di disturbi mentali e legati all’uso di droghe, ha affermato la dottoressa Nora Volkow, direttrice del National Institute on Drug Abuse, che ha contribuito a condurre lo studio. “Non si tratta solo della perdita di una persona. Si tratta anche delle implicazioni che la perdita ha per la famiglia rimasta”.

Gli antidolorifici soggetti a prescrizione un tempo determinavano l’epidemia di overdose nel paese, ma sono stati soppiantati anni fa dall’eroina e, più recentemente, dal fentanil illegale. L’oppioide pericolosamente potente è stato sviluppato per trattare il dolore intenso causato da malattie come il cancro, ma è stato sempre più mescolato con altri farmaci nell’offerta di droghe illecite.

Per anni il fentanil è stato spesso iniettato, ma sempre più spesso viene fumato o mescolato in pillole contraffatte.

Uno studio pubblicato la scorsa settimana ha rilevato che i sequestri di pillole contenenti fentanil da parte delle forze dell’ordine stanno aumentando drasticamente, passando da 44 milioni nel 2022 a oltre 115 milioni l’anno scorso.

È possibile che i sequestri indichino che la fornitura complessiva di pillole a base di fentanil stia crescendo rapidamente, non necessariamente che la polizia stia riducendo la fornitura di droghe illecite, ha affermato uno degli autori dello studio, il dottor Daniel Ciccarone dell’Università della California, San Francisco. .

Ha notato che il calo delle overdose non è stato uniforme. Tutti gli stati tranne due nella metà orientale degli Stati Uniti hanno registrato un calo, ma la maggior parte degli stati occidentali ha registrato un aumento. Alaska, Washington e Oregon hanno registrato aumenti del 27% ciascuno.

La ragione? Molti stati orientali hanno a che fare con il fentanil da circa un decennio, mentre negli stati occidentali è arrivato più recentemente, ha detto Ciccarone.

Tuttavia, alcuni ricercatori affermano che ci sono ragioni per essere ottimisti. È possibile che fumare il fentanil non sia letale quanto iniettarlo, ma gli scienziati stanno ancora esplorando la questione.

Nel frattempo, stanno diventando disponibili più soldi per curare la dipendenza e prevenire le overdose, attraverso finanziamenti governativi e accordi legali con produttori di farmaci, grossisti e farmacie, ha osservato Ciccarone.

“La mia speranza è che il 2023 sia l’inizio di una svolta”, ha detto.

Ultime Notizie

Back to top button