Politica

Mentre la guerra in Ucraina sconvolge il sistema alimentare globale, come nutriamo il mondo?

Anche prima che la Russia invadesse l’Ucraina, le catene di approvvigionamento alimentare mondiale erano state gravemente sconvolte dalla pandemia di Covid.

Ora la guerra ha fatto deragliare le esportazioni agricole ucraine, inflitto sanzioni contro la Russia e aumentato drasticamente il prezzo di cibo e fertilizzanti. I governi dall’India all’Argentina hanno risposto imponendo divieti all’esportazione di colture chiave. Ciò minaccia di infliggere carestie e carestia alle persone più povere del mondo.

Nel giugno 2022, il vertice del G7 si è concluso con una dichiarazione sulla sicurezza alimentare globale in cui si impegnava a “non risparmiare sforzi per aumentare la sicurezza alimentare e nutrizionale globale” e “a proteggere i più vulnerabili, che la crisi alimentare minaccia di colpire più duramente”.

Quarant’anni fa, il Brasile era uno di quei paesi poveri, che si trovavano ad affrontare carenze alimentari e richiedevano aiuti alla comunità internazionale. Ma negli ultimi quattro decenni, il settore agroalimentare brasiliano, sostenuto da governi successivi e partner internazionali, ha trasformato il paese in un importante produttore alimentare. Tra il 1980 e il 2020, il Brasile ha aumentato la produzione di grano del 406%, mentre le superfici coltivate sono cresciute di meno del 65%.

Oggi il settore agroalimentare brasiliano esporta in 160 paesi ed è determinato a far parte della soluzione alla crisi della fame.

AIUTARE A NUTRIRE IL MONDO

Secondo uno studio recente, i cereali e i semi oleosi del Brasile nutrono circa il 10% della popolazione mondiale. Lavorando a fianco dei principali produttori alimentari e partner strategici, come l’UE e il Regno Unito, possiamo mitigare gli effetti di questa crisi sulle regioni mondiali insicure dal punto di vista alimentare.

Il Brasile è il primo produttore mondiale di canna da zucchero, una delle principali fonti di calorie ed energia. Il Brasile da solo cresce quasi il 40% dell’offerta globale totale.

Il Brasile è anche il primo produttore di semi di soia, con una crescita di circa 122 milioni di tonnellate, ovvero il 34% della produzione mondiale nel 2020. È il terzo esportatore di mais. E negli ultimi tre anni, il Brasile è stato costantemente uno dei primi tre esportatori mondiali di mais.

Sono state espresse preoccupazioni sul fatto che una carenza di cereali in Medio Oriente e Nord Africa potrebbe innescare un’estrema carenza di cibo, portando a un’altra crisi dei rifugiati. Il think tank economico Bruegel ha identificato questa regione come più a rischio di carestia, dall’interruzione delle forniture di grano ucraine e russe. Per fortuna, il Brasile ha forti legami commerciali esistenti con l’area. Già prima della guerra il 30% del raccolto di mais brasiliano veniva inviato nella regione, principalmente in Egitto e Iran.

Anche se il Brasile è secondo agli Stati Uniti in termini di produzione di carne bovina e totale, gran parte di questa viene trattenuta per il consumo interno americano. Di conseguenza, il Brasile è il primo esportatore di carne bovina e di tutta la carne a livello internazionale. Nel 2020, il Brasile rappresentava il 17% delle esportazioni mondiali di carne bovina, davanti all’Australia (11%), poi all’India e agli Stati Uniti (entrambi al 9%).

Il Brasile è anche il quarto esportatore mondiale di carne di maiale. Siamo il terzo esportatore di carne di pollo, responsabile del 12% della produzione mondiale. La prossima in linea, la Russia, il quarto esportatore più grande, produce solo il 4% dell’offerta globale. In termini reali, ciò significa che nel 2021 il Brasile ha esportato 4,4 milioni di tonnellate di carne di pollo.

INNOVAZIONI AMICHE DEL CLIMA

Con l’aumento dei prezzi dei fertilizzanti in tutto il mondo, il governo brasiliano ha lanciato un piano nazionale di fertilizzanti, volto a rendere il paese più autosufficiente, con particolare attenzione alla potassa (di cui la Bielorussia è uno dei principali produttori). Il piano mira a ridurre di oltre la metà la dipendenza del Brasile dai fertilizzanti importati.

Parte di questo obiettivo sarà raggiunto accelerando l’adozione della fissazione biologica dell’azoto (BNF). Questa tecnica a basso costo e rispettosa del clima prevede l’infusione nelle colture di microrganismi che estraggono l’azoto dall’aria, riducendo drasticamente la necessità di fertilizzanti azotati.

BNF è solo un esempio di agricoltori brasiliani che sviluppano tecnologie innovative e rispettose del clima che ci consentono di aumentare la produzione alimentare, rispettando i limiti ambientali. Il nostro ministero dell’agricoltura pubblica i dettagli di molte di queste tecnologie sul suo sito Web e invita altri produttori alimentari in tutto il mondo a collaborare con loro in modo reciprocamente vantaggioso.

Per alcuni in Sud America, l’invasione russa dell’Ucraina sembra lontana dall’altra parte del mondo. Ma per il settore agroalimentare brasiliano è chiaro che questi terribili eventi stanno sconvolgendo il nostro intero sistema alimentare.

In tempi di abbondanza, gli agricoltori brasiliani spesso competono con i loro omologhi britannici ed europei per la quota di mercato. Ma durante questo periodo di guerra, crisi e scarsità, ognuno di noi deve fare la propria parte per sfamare le persone più povere del mondo migliorando la produzione in modo sostenibile.

Ultime Notizie

Back to top button