Modi incontrerà Putin in una visita di due giorni in Russia a partire da lunedì, afferma il Cremlino

MOSCA —

Il Cremlino ha dichiarato giovedì che il Primo Ministro indiano Narendra Modi visiterà la Russia lunedì e martedì prossimi e terrà dei colloqui con il Presidente russo Vladimir Putin. La visita è stata annunciata per la prima volta dai funzionari russi il mese scorso, ma le date non sono state divulgate in precedenza.

La Russia ha avuto forti legami con l’India sin dalla Guerra Fredda e l’importanza di Nuova Delhi come partner commerciale chiave per Mosca è cresciuta da quando il Cremlino ha inviato truppe in Ucraina nel febbraio 2022. Cina e India sono diventate acquirenti chiave del petrolio russo a seguito delle sanzioni imposte dagli Stati Uniti e dai suoi alleati che hanno chiuso la maggior parte dei mercati occidentali alle esportazioni russe.

Sotto la guida di Modi, l’India ha evitato di condannare l’azione della Russia in Ucraina, sottolineando tuttavia la necessità di una soluzione pacifica.

Tuttavia, la partnership tra Mosca e Nuova Delhi è diventata tesa da quando la Russia ha iniziato a stringere legami più stretti con il principale rivale dell’India, la Cina, a causa delle ostilità in Ucraina.

Giovedì Modi ha saltato il vertice di un gruppo di sicurezza creato da Mosca e Pechino per contrastare le alleanze occidentali.

Modi ha inviato il suo ministro degli esteri alla Shanghai Cooperation Organization durante il suo incontro annuale nella capitale del Kazakistan, Astana. All’incontro partecipano Putin e il presidente cinese Xi Jinping.

Secondo quanto riportato dai media indiani, Modi, recentemente rieletto, era impegnato con la sessione parlamentare della scorsa settimana.

L’ultima visita di Modi in Russia risale al 2019, per un forum economico nel porto di Vladivostok, nell’estremo oriente. L’ultima volta che si è recato a Mosca è stato nel 2015. L’ultimo incontro di Putin con Modi è avvenuto a settembre 2022, durante un summit della SCO in Uzbekistan. Nel 2021, Putin si è recato anche a Nuova Delhi e ha tenuto dei colloqui con il leader indiano.

Le tensioni tra Pechino e Nuova Delhi sono continuate da uno scontro avvenuto nel giugno 2020 lungo il confine contestato tra Cina e India, in cui le truppe rivali hanno combattuto con pietre, mazze e pugni. Sono stati uccisi almeno 20 soldati indiani e quattro soldati cinesi.

Dopo la sua rielezione per un terzo mandato consecutivo, Modi ha partecipato al meeting del G7 nella regione Puglia in Italia il mese scorso e ha affrontato l’intelligenza artificiale, l’energia e le questioni regionali in Africa e nel Mediterraneo.

Nei primi anni Novanta, l’Unione Sovietica forniva circa il 70% delle armi dell’esercito indiano, l’80% dei sistemi della sua aeronautica e l’85% delle piattaforme della sua marina.

L’India ha acquistato la sua prima portaerei, la INS Vikramaditya, dalla Russia nel 2004. Aveva prestato servizio nell’ex Unione Sovietica e in seguito nella marina russa.

Con la linea di rifornimento russa colpita dai combattimenti in Ucraina, l’India ha ridotto la sua dipendenza dalle armi russe e diversificato i suoi acquisti di difesa, acquistandone di più da Stati Uniti, Israele, Francia e Italia.

Ultime Notizie

Back to top button