Mondo

Molte azioni possono essere intraprese sulla salute prima di modificare i trattati, affermano i deputati

Ci sono molte altre azioni accessibili che possono essere intraprese sulla salute prima di affrontare la questione più grande della modifica dei trattati dell’UE, hanno affermato i legislatori dell’UE in una riunione del comitato sanitario lunedì (5 dicembre).

Una delle raccomandazioni chiave del gruppo di lavoro sulla salute alla Conferenza sul futuro dell’Europa (CoFoE), l’esperimento di democrazia deliberativa dell’UE durato un anno, è stata la revisione dei trattati per ridistribuire le competenze sanitarie tra l’UE e gli Stati membri.

“Mi è stato molto chiaro e lo è diventato anche molto chiaro a molti politici e a tutti coloro che hanno preso parte alla conferenza, che esaminare i trattati era un desiderio dei cittadini”, Troels Petersen, portavoce dei cittadini del CoFoE per il pubblico le questioni sanitarie hanno detto agli eurodeputati durante la riunione.

Per muoversi verso l’obiettivo della parità di salute per tutti, gli Stati membri e l’UE non condividono le competenze in materia di salute è un grosso limite, ha affermato Petersen.

“Quindi ciò significava che nel gruppo di lavoro sulla salute, abbiamo effettivamente trascorso molto tempo a discutere di come fosse possibile. Anche se c’erano molte persone che dicevano ai cittadini che ci sarebbero voluti anni […] tutti i cittadini hanno detto, dobbiamo provare a farlo. Altrimenti non succederebbe mai nulla a livello europeo”, ha aggiunto Petersen.

A giugno, i deputati hanno votato a favore dei leader dell’UE per istituire una convenzione costituzionale per riaprire i trattati dell’UE. Tuttavia, un terzo dei paesi dell’UE aveva già firmato una lettera contraria alla modifica del trattato.

La salute potrebbe essere la chiave per l’apertura dei trattati dell’UE

La politica sanitaria è al centro delle richieste di riforma del trattato dell’UE dopo che i deputati hanno votato giovedì (9 giugno) affinché i leader dell’UE istituissero una convenzione costituzionale per riaprire i trattati dell’UE.

Frutti a pezzatura bassa

In risposta ai commenti di Petersen, diversi eurodeputati hanno sottolineato la necessità di fare prima ciò che è possibile ai sensi dell’attuale trattato.

“Abbiamo molta flessibilità [the Lisbon Treaty]al fine di essere più rapidi nel prendere le decisioni necessarie”, ha affermato l’eurodeputata del Partito popolare europeo (PPE), Pernille Weiss, che ha sostenuto che non sarebbe una soluzione attendere la modifica del trattato per apportare modifiche al settore sanitario.

L’eurodeputata socialista Estrella Durá Ferrandis, parlando di azioni per la salute mentale, ha affermato che potrebbe essere necessario modificare il trattato, ma che “potrebbero volerci molti anni” e che “nel frattempo ci sono molte cose che possiamo fare”.

“Sono d’accordo con tutti voi, la modifica del trattato richiede tempo”, ha risposto Petersen.

“Se si leggono attentamente le proposte, in realtà si dice che dovremmo lavorare all’interno del quadro attuale. Ma questo non significa che non dovremmo andare per una modifica del trattato”, ha aggiunto.

La modifica del trattato sembra non avvenire nel prossimo futuro, data l’opposizione degli Stati membri. Nel frattempo, Petersen ha suggerito che un certo numero di frutti a bassa pendenza potrebbero essere raccolti già ora nel campo della salute.

Ciò includeva lo spazio europeo dei dati sanitari (EHDS) già in corso e la risoluzione dei problemi che devono affrontare il personale sanitario.

“Nell’Ue è possibile sostenere gli Stati membri. So che non è qualcosa che [the EU] può regolamentare, ma potrebbero essere prese misure per evitare la fuga dei cervelli – nemmeno la fuga dei cervelli, la fuga dell’occupazione in realtà”, ha detto, riferendosi ai settori sanitari che vengono prosciugati perché il settore privato offre migliori condizioni di lavoro e salari.

[A cura di Nathalie Weatherald]

Ultime Notizie

Back to top button