Mondo

Mosca cerca di chiudere uno dei più antichi gruppi per i diritti umani della Russia

Il governo russo sta cercando di chiudere il Moscow Helsinki Group, una delle più antiche organizzazioni per i diritti umani del paese, secondo un avviso su un sito web del tribunale di Mosca visto martedì.

Il gruppo, che affonda le sue radici nell’era sovietica, produce un rapporto annuale sulla situazione dei diritti umani in Russia.

Valery Borshov, co-presidente del Moscow Helsinki Group, ha affermato che le autorità hanno avanzato un’affermazione “sciocchezza” secondo cui gli stessi statuti del gruppo gli impedivano di difendere i diritti umani al di fuori della capitale, cosa che ha sempre fatto apertamente.

Da quando ha invaso l’Ucraina a febbraio, il presidente russo Vladimir Putin ha accelerato la spinta a sopprimere le opinioni dissenzienti, provenienti da media indipendenti, gruppi per i diritti non governativi o oppositori politici.

Questo mese, il politico dell’opposizione Ilya Yashin è stato condannato a otto anni e mezzo di carcere per aver diffuso “false informazioni” sull’esercito mettendo in evidenza i rapporti sulle atrocità commesse dai soldati russi a Bucha vicino a Kiev, che secondo la Russia sono state inventate dall’Occidente.

E un anno fa, i tribunali hanno chiuso il Centro russo per i diritti umani Memorial e la sua organizzazione gemella Memorial International, nota per la cronaca e per mantenere viva la memoria dei crimini dell’era di Stalin.

Il Moscow Helsinki Group è stato fondato nel 1976 da scienziati dissidenti sovietici e attivisti per i diritti umani per monitorare il rispetto da parte dell’Unione Sovietica degli Accordi di Helsinki, un patto Est-Ovest inteso a promuovere la distensione al culmine della Guerra Fredda.

Nel 2012 ha rinunciato ai finanziamenti esteri per evitare di essere etichettato come “agente straniero” ai sensi di una legge pensata per rendere la vita difficile alle organizzazioni che ricevono denaro dall’estero.

Borshov ha affermato che le autorità russe stanno deliberatamente distruggendo le organizzazioni per i diritti umani più rispettate: “Il Moscow Helsinki Group è la più antica organizzazione per i diritti umani del paese, quindi il fatto che le autorità vogliano liquidarci non mi sorprende affatto”.

Putin ha il suo Consiglio per i diritti umani, un organismo che secondo i critici gli ha permesso di rendere omaggio alle libertà civili aumentando la repressione.

Il mese scorso, poco prima del suo incontro annuale con il Consiglio, ha rimosso 10 dei suoi membri e ne ha assunti quattro nuovi, tra cui un blogger-corrispondente a favore della guerra.

Ultime Notizie

Back to top button