Cultura

Mostra “Jacob Lawrence and the Children of Hiroshima” a Washington DC –

Verrà presentata la Collezione Phillips Jacob Lawrence e i figli di Hiroshima tra il 23 agosto e il 27 settembre 2022 a Washington DC L’ultima mostra del museo riesamina l’impatto del bombardamento del 1945 di Hiroshima, in Giappone, attraverso una conversazione tra Jacob Lawrence Hiroshima stampe e disegni selezionati dai bambini della scuola elementare Honkawa di Hiroshima. Creati a 35 anni di distanza, la chiara chiamata e risposta in questi due potenti corpi di lavoro trasmettono l’impatto emotivo della guerra nucleare e il potenziale per la pace e la riconciliazione.

Jacob Lawrence, Hiroshima Series: Family, 1983, serigrafia a colori su carta Somerset, 13 x 10 pollici, pubblicata da Limited Editions Club, New York, ed. 19/35, The Phillips Collection, Dono di Nora Lee e Jon Sedmak

Quando Jacob Lawrence è stato selezionato da Limited Editions Club per illustrare uno dei loro titoli nel 1983, ha scelto il libro di John Hersey, Hiroshima, un vivido resoconto di sei sopravvissuti alla bomba atomica. Le scene inquietanti di Lawrence sono ammantate di sfumature dissonanti di rosa, rosso, giallo e blu. Lawrence ha intenzionalmente generalizzato le caratteristiche delle teste simili a teschi per fare un’affermazione universale sulla “disumanità dell’uomo nei confronti dell’uomo”.

«Per presentare quella di Jacob Lawrence Hiroshima per la prima volta nella storia di Phillips, insieme ai disegni dei bambini della scuola elementare di Honkawa, dimostra la potente conversazione tra l’arte e i momenti significativi del nostro tempo”, condivide Il curatore capo Elsa Smithgall.

Nel dicembre 1947, All Souls Church Unitarian sotto la guida del reverendo A. Powell Davies ispirò la sua congregazione a raccogliere e donare materiale scolastico ai bambini colpiti dal lancio della bomba atomica alla scuola elementare di Honkawa. In risposta, gli studenti di Honkawa hanno inviato una raccolta di disegni alla chiesa di ricordi felici e momenti pieni di colori brillanti che non suggerivano la perdita e la devastazione nelle loro vite. Nel 2010, i disegni sono stati riuniti con gli artisti sopravvissuti a Hiroshima.

“I disegni dei bambini di Hiroshima si basano sulla saggezza umana della speranza… speranza per l’eliminazione delle armi nucleari come parte delle relazioni umane”, afferma Traci Hughes-Trotter, direttore esecutivo dell’Unitarian della All Souls Church. “È un testamento che i disegni siano abbinati a quelli di Lawrence Hiroshima serie di All Souls Church Unitarian e The Phillips Collection per unirsi al grido di speranza del “mai più”.

Ultime Notizie

Back to top button