Cultura

Niente più biscotti della nonna per i detenuti nelle carceri statali –

Le droghe illegali dilagano nelle carceri statali, come in ogni altro livello carcerario, e gli sforzi per frenarne la diffusione richiedono una gestione costante. Uno di questi sforzi significa che i detenuti non saranno più in grado di ricevere biscotti dalla nonna o altri pacchetti di “assistenza” da casa.

In base alla nuova politica, che lo stato ha introdotto gradualmente il mese scorso, amici e familiari non sono autorizzati a consegnare i pacchi di persona durante le visite in carcere. Inoltre, non saranno autorizzati a spedire altri articoli a meno che non provengano direttamente da fornitori di terze parti.

In altre parole, questo non impedirà ai detenuti di ottenere articoli che possono essere ordinati online, come una barretta Snickers o un sacchetto di Twix, ma perderanno l’accesso a cibi come i pasti fatti in casa o i biscotti speciali della nonna.

Secondo un articolo dell’Associated Press/Report for America, è una delusione per persone come Caroline Hansen, che da 10 anni consegna a mano pacchi pieni di verdure fresche, frutta e carne a suo marito, che sta servendo una vita condanna per l’uccisione di un tassista.

Hansen, una madre single di due figli che lavora come cameriera a Long Island, ha dichiarato: “Quando ho iniziato a portargli i pacchi, ha detto che amava gli avocado. Non li aveva da circa 20 anni”. “Quello che mi spezza il cuore è che do per scontato avere una banana con il mio yogurt. Immagina di non poter mai mangiare una banana?” ha aggiunto, dicendo che la mensa della prigione di suo marito serve banane una volta al mese, al massimo.

Fino a questa recente regola, New York era stato uno dei pochi stati della nazione che consentiva ancora alle famiglie di inviare pacchi ai detenuti da casa. La California ha smesso di consentire alle persone di inviare pacchi direttamente ai detenuti nel 2003.

Un cambiamento simile potrebbe essere in vista per quanto riguarda le lettere scritte su carta. Le lettere in arrivo verranno scansionate dal computer e i prigionieri ne riceveranno le copie. Questo cambiamento viene fatto per cercare di contrastare una tendenza di persone che inzuppano le lettere nella droga per contrabbandare le autorità. Diversi stati, tra cui Ohio, Wisconsin, Michigan, Nebraska e Pennsylvania, fotocopiano già la posta in arrivo per impedire che i farmaci vengano consegnati ai detenuti. Il Federal Bureau of Prisons ha avviato una pratica simile nel 2019. Il Department of Corrections and Community Supervision di New York ha dichiarato in una dichiarazione che le due nuove politiche sono necessarie per fermare il contrabbando.

Quando i pacchi vengono ricevuti da una prigione, gli agenti rimuovono gli articoli dalla scatola per ispezionarli visivamente o tramite una macchina a raggi X. Se c’è motivo di sospetto, gli agenti possono aprire i pacchetti sigillati per ulteriori ispezioni. Quei controlli, tuttavia, non sono perfetti e le autorità ritengono che gli oggetti sfuggano. I critici del divieto del pacchetto ne hanno messo in dubbio l’efficacia e notano che gli articoli proibiti a volte vengono introdotti da personale carcerario corrotto.

Hansen ha affermato che dover ordinare merci tramite venditori che applicano “prezzi ridicoli” non era una soluzione al problema del contrabbando. “Mio marito fondamentalmente pensa che questo sia un altro modo per privarlo dei suoi beni di prima necessità”, ha detto Hansen.

Più di 60 famiglie di detenuti hanno inviato lettere di reclamo al membro dell’Assemblea di New York David Weprin, il presidente democratico del Comitato per la correzione dell’Assemblea. Weprin ha criticato la nuova politica.

Ultime Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button