Nordio controllerà i fatti e le sue dichiarazioni dice il padre di Salis – Politica

Roberto Salis, padre di Ilaria, un’antifascista italiana che rischia 24 anni in Ungheria per aver presumibilmente attaccato due Meonazi un anno fa, ha detto mercoledì che il ministro della Giustizia Carlo Nordio dovrebbe verificare i suoi fatti e le dichiarazioni passate dopo che il ministro ha affermato che la famiglia Salis aveva sprecato un anno per non aver presentato domanda per gli arresti domiciliari a causa delle recenti polemiche sulle sue condizioni di detenzione in precedenza.


“Il ministro Nordio non è informato dei fatti. Preferisco avere un atteggiamento diverso dal ministro, gli chiedo di verificare i fatti e di verificare certe dichiarazioni, che sono state molto devastanti per mia moglie. Mi aspetto da parte delle istituzioni un atteggiamento coerente” con il loro lavoro. Se entriamo in polemica con la famiglia”, ha detto Salis, padre del maestro elementare milanese, 39 anni, detenuto a Budapest dallo scorso febbraio.


Nordio ha detto mercoledì scorso che i parenti di Ilaria “purtroppo hanno perso un anno: se avessero chiesto gli arresti domiciliari immediati in Ungheria, tutto questo forse non sarebbe successo”.


Roberto Salis ha poi aggiunto: ‘Nordio mi ha ricevuto dopo 53 giorni da quando gli ho scritto per la prima volta in dicembre’.

TUTTI I DIRITTI RISERVATI © Copyright COLORnews

Ultime Notizie

Back to top button