Cultura

NYS AG Letitia James fa causa alla Trump Org. per la Sopravvalutazione Sistematica dei Beni

Dopo un’indagine che ha richiesto anni e una serie di scontri legali, il procuratore generale dello stato di New York, Letitia James, ha accusato l’ex presidente di aver sistematicamente errato il valore delle sue proprietà.

Donald J. Trump, la sua azienda di famiglia e tre dei suoi figli hanno mentito a prestatori e assicuratori per più di un decennio, secondo il procuratore generale di New York, Letitia James, che lo ha accusato di aver sopravvalutato fraudolentemente i suoi beni di miliardi di dollari in una tentacolare programma, violando così diverse leggi penali statali e violando “plausibilmente” anche le leggi penali federali. Sta cercando di impedire ai Trump di gestire nuovamente un’attività nello stato.

La causa di 220 pagine, depositata presso la Corte Suprema dello Stato di New York, espone in nuovi e sorprendenti dettagli come, secondo la signora James, i rendiconti finanziari annuali del signor Trump fossero una raccolta di bugie. Le dichiarazioni, registri annuali che includono il valore stimato della società delle sue partecipazioni e debiti, hanno gonfiato selvaggiamente il valore di quasi tutte le sue proprietà principali – da Mar-a-Lago in Florida a Trump Tower e 40 Wall Street a Manhattan, secondo la causa.

“Il numero di valori patrimoniali fortemente gonfiati è sbalorditivo, colpendo la maggior parte se non tutte le proprietà immobiliari in un dato anno”, secondo la causa. Il signor Trump ha usato a lungo il suo patrimonio netto per costruire un personaggio pubblico come un miliardario che si è fatto da sé, un’immagine che ha sostenuto la sua corsa iniziale alla Casa Bianca. Ma, secondo la signora James, aveva una motivazione finanziaria per gonfiare i valori della sua proprietà.

La sua azienda, la Trump Organization, ha fornito i rendiconti finanziari fraudolenti a prestatori e assicuratori, ha affermato la sua causa, “per ottenere condizioni finanziarie vantaggiose”, inclusi tassi di interesse più bassi e premi più bassi. Tutto sommato, ha detto la signora James, è stato in grado di ottenere un quarto di miliardo di dollari in guadagni illeciti, denaro che ora vuole che la società perda.

In una dichiarazione, la Trump Organization ha osservato che i prestatori della società “hanno tratto un notevole profitto, per un importo di centinaia di milioni di dollari in interessi e commissioni” dai loro rapporti con la società. La dichiarazione attribuiva anche l’azione della signora James alla “politica, pura e semplice”, sostenendo che “metteva le proprie ambizioni politiche davanti alla sicurezza dei newyorkesi”, definendolo “un abominevole abuso di potere, uno spreco di risorse preziose e decine di di milioni di dollari dei contribuenti”.

Ultime Notizie

Back to top button