Paul Pogba sembra solo mentre lotta contro una squalifica di quattro anni che metterebbe fine alla sua carriera… L’Arabia Saudita potrebbe offrirgli una via d’uscita dall’incubo della Juventus, ma la stella francese sarebbe una scommessa ENORME dato il suo record di infortuni

Didier Deschamps è stato molto chiaro nel esprimere la sua presa di posizione riguardo alla situazione calcistica di Paul Pogba in ogni intervista e in ogni conferenza stampa, ma recentemente ha parlato dei suoi timori per l’uomo fuori dal campo.

“Amo tutti i miei giocatori, ma sono triste per quello che sta vivendo Paul”, ha detto Deschamps a Le Parisien a dicembre. ‘Non mi riferisco solo agli avvenimenti più recenti, ma anche a tutto quello che ha vissuto finora, con i problemi personali che hanno inevitabilmente avuto conseguenze sui suoi infortuni.

“Mi dispiace per Pogba: come può farlo?”

Pogba non gioca una partita con la Francia da oltre tre anni, quando ha giocato la finale della Nations League nell’ottobre 2021. Da quasi quel momento in poi, sono iniziati i problemi poiché è diventato sempre più incline agli infortuni.

La vicenda del rapimento e del ricatto finanziario subito probabilmente ha influito anche sul suo rendimento in campo e sulla sua condizione psicologica. È un uomo ferito nell’anima oltre che nel corpo, e ora la sua carriera sembra essere finita.

Paul Pogba ha davanti a sé una battaglia tremenda mentre si prepara a combattere una potenziale squalifica di quattro anni

Prima della positività, il ritorno di Pogba alla Juventus era costellato di preoccupazioni per gli infortuni

Prima della positività, il ritorno di Pogba alla Juventus era costellato di preoccupazioni per gli infortuni

L'allenatore della Francia Didier Deschamps ha parlato della sua preoccupazione per il giocatore a dicembre

L’allenatore della Francia Didier Deschamps ha parlato della sua preoccupazione per il giocatore a dicembre

Il tuo browser non supporta iframe.

La rottura del menisco del centrocampista durante la tournée estiva della Juventus negli Usa lo ha costretto fuori per sei mesi, e anche dopo il suo ritorno non ha mai mostrato segni di integrità fisica.

Sempre attivo sui social, il 30enne non ha mai dato al pubblico un sentimento di tristezza, ma preoccupazione per lui da parte dei compagni e allenatore Massimiliano Allegri, e Deschamps sembra nascere dal timore che Pogba abbia la fragilità di un ragazzo che molto spesso appare sorridente per non piangere.

Il rischio concreto di un’implosione mediatica a seguito di un eventuale ban dopo la restituzione di un test antidroga positivo comporterebbe anche una perdita di follower, così come il rischio che molte aziende decidano di non utilizzare più la sua immagine.

La reputazione di Pogba potrebbe essere irrimediabilmente danneggiata se non riuscisse a ricorrere in appello contro una possibile sanzione, un cambiamento che lo fa sembrare molto lontano dal suo status di 21 anni, quando era un talento molto discusso e file di bambini facevano la fila per emulare il suo taglio di capelli all’italiano. barbieri.

Un’ancora di salvezza dall’Arabia Saudita

Un’offerta da parte di un club della Pro League saudita potrebbe cambiare le cose se Pogba fosse costretto a scontare una squalifica, anche se le sue recenti statistiche farebbero riflettere qualsiasi potenziale acquirente.

Pogba ha subito 425 giorni di infortuni in 18 mesi, collezionando 84 partite perse e vedendolo accumulare innumerevoli piccoli problemi fisici che hanno reso disastroso il suo ritorno in Italia dal Manchester United. Con questi numeri, negli ultimi tre anni, Pogba potrebbe essere più onestamente descritto come un ex calciatore su cui la Juventus ha scommesso moltissimo.

Senza alcuna commissione di trasferimento, il rinnovo di Pogba da parte della Juventus sembra un esercizio di nostalgia, ma anche una mossa gratuita potrebbe essere giudicata un fallimento, con anche il secondo portiere del club Mattia Perin che gioca più minuti del nazionale francese.

Se l’Arabia Saudita non dovesse intervenire, dopo aver scontato l’eventuale divieto Pogba rischierebbe di vedere il suo prezzo crollare.

Combattendo da solo contro il suo divieto

Pogba ha forse spento definitivamente la luce sulla sua carriera in Europa con gli ultimi 28 minuti con la Juventus contro l’Empoli prima di essere espulso per un infortunio muscolare, e non c’è giocatore in Serie A con così tante partite saltate per infortunio.

Pogba ha giocato la sua ultima partita con i colori della Juventus contro l'Empoli nel settembre dello scorso anno

Pogba ha giocato la sua ultima partita con i colori della Juventus contro l’Empoli nel settembre dello scorso anno

TUTTO STA INIZIANDO!

It’s All Kicking Off è un nuovo entusiasmante podcast di Mail Sport che promette una visione diversa del calcio della Premier League, con uno spettacolo ogni lunedì e giovedì di questa stagione.

È disponibile su MailOnline, Mail+, YouTube, Apple Music e Spotify

Il tuo browser non supporta iframe.

Anche Federico Chiesa (a sinistra) ha avuto un recupero migliore dall'infortunio dopo aver dovuto subire un grave intervento chirurgico al ginocchio

Anche Federico Chiesa (a sinistra) ha avuto un recupero migliore dall’infortunio dopo aver dovuto subire un grave intervento chirurgico al ginocchio

Il trentenne non dovrebbe essere abbandonato da coloro che hanno beneficiato dei suoi massimi in carriera

Il trentenne non dovrebbe essere abbandonato da coloro che hanno beneficiato dei suoi massimi in carriera

Anche il grave infortunio al ginocchio del compagno di squadra Federico Chiesa ha visto il giocatore tornare in campo più velocemente senza incorrere in continui fastidi. Per i suoi 216 minuti in totale, l’esorbitante stipendio di Pogba è costato al club quasi 60.400 sterline (70.000 euro) al minuto considerando che finora non ha mai giocato un’intera partita. Ma da quando è stato squalificato per doping, la Juventus gli ha ridotto lo stipendio e Pogba non rappresenta più un peso finanziario per la squadra.

La richiesta di squalifica a quattro anni da parte della Procura Antidoping è l’ennesima ferita su un giocatore che ha già subito diversi processi. Pogba ora sembra un uomo solo, che combatte una battaglia silenziosa dopo aver fatto così spesso notizia in prima pagina sui media internazionali.

C’è anche un’ingiustizia nella sua situazione: Pogba ha commesso errori di ingenuità in diversi momenti della sua carriera, ma non è un mostro, e coloro che hanno beneficiato di lui professionalmente non dovrebbero abbandonarlo adesso.

In Italia c’era tanta frenesia su di lui, tanti gossip e tante critiche, ma oggi è come se non fosse mai stato un giocatore della Juventus e questo gli deve far male da morire.

Ultime Notizie

Back to top button