Politica

Per il Mediterraneo è necessaria una nuova agenda di ricerca e innovazione

Non c’è dubbio che l’innovazione sia una necessità nelle economie contemporanee. Gli investimenti in ricerca e sviluppo (R&S) sono essenziali per le imprese e i paesi e contribuiscono a un’economia forte attraverso la creazione di posti di lavoro, la generazione di reddito e la crescita economica a lungo termine. Negli ultimi anni, per far fronte alla crescita globale dell’innovazione e della tecnologia, molti dei paesi MENA hanno sviluppato iniziative, strategie o politiche individuali per promuovere l’innovazione e l’economia della conoscenza. Ma di conseguenza, lo stato attuale della cooperazione scientifica nella regione euromediterranea è caratterizzato più dalle interazioni nord-sud che dalla collaborazione sud-sud.

Le ondate di caldo hanno colpito gran parte del Nord Africa e dell’Europa prima ancora dell’inizio dell’estate. I meteorologi hanno annunciato questa ondata di caldo insolitamente precoce come un segno di ciò che accadrà mentre il riscaldamento globale continua, con tutto ciò che implica: l’innalzamento del livello del mare, la scomparsa della biodiversità, il caldo che stiamo sudando su entrambe le sponde del Mediterraneo…

Essendo uno dei principali hotspot del mondo, la regione euromediterranea deve affrontare sfide comuni che non si fermano ai confini, dal cambiamento climatico e dalla siccità a una pandemia. Più che mai, wÈ necessario innovare. Insieme. Se vogliamo realizzare sia una rivoluzione verde che una crescita economica, dobbiamo mettere la cooperazione nella ricerca scientifica al centro delle nostre strategie di sviluppo. Ciò richiede sforzi coordinati per promuovere la condivisione di risorse e conoscenze, creare nuove iniziative congiunte e aumentare la comunicazione tra i nostri sistemi esistenti.

Ma la ricerca non avviene, o non dovrebbe, avvenire nel vuoto. Pertanto, la ricerca e l’innovazione devono ancora essere collegate alle industrie e alle economie locali. È necessario un maggiore dialogo tra il mondo accademico, l’industria e i governi se vogliamo che la ricerca sia vista come un’opportunità per affrontare le disparità nelle nostre società. Ecco perché è fondamentale che non ci sforziamo solo di rendere il mondo della ricerca più accessibile, ma di garantire che il suo impatto sia sentito in tutte le economie mediterranee, sostenendo un futuro sostenibile ed equo, basato su competenze e fatti concreti.

È qui che il triangolo dell’istruzione, della ricerca e dell’innovazione continua a dimostrare come l’interazione costante tra questi tre sforzi renda possibile l’innovazione praticabile. L’accesso all’istruzione superiore e alle opportunità di ricerca non solo porta a un paese un significativo ritorno economico, ma aiuta anche le persone a raggiungere il loro pieno potenziale.

Secondo le stime dell’UNICEF, al ritmo attuale, 39 milioni di giovani in più arriveranno nel mercato del lavoro in tutta la regione entro il 2030. Con la seconda fascia demografica più giovane del mondo, la regione del Mediterraneo meridionale deve affrontare sfide nel fornire opportunità di lavoro di qualità a questa forza lavoro in arrivo , soprattutto giovani donne. Sebbene in diversi paesi – Egitto, Giordania e Tunisia – le donne siano ora più numerose delle loro controparti maschili in quanto diplomate dell’istruzione terziaria, rimangono colpite in modo sproporzionato dalla disoccupazione.

Questo potenziale sprecato è ciò che spinge me e i miei colleghi a sviluppare iniziative che affrontano due problemi contemporaneamente: sviluppare opportunità di carriera e garantire un Mar Mediterraneo sostenibile.

Basti pensare al potenziale che questo approccio potrebbe avere in una struttura radicata e complessa, le nostre reti energetiche. Poiché l’attenzione negli istituti di ricerca in tutta la regione si sposta dalla petrolchimica a soluzioni più ecologiche, vedo questa come un’opportunità per cambiare il modo in cui lavoriamo e ci uniamo, uniti dallo stesso obiettivo. Ci sono innumerevoli esperti che lavorano in silos in tutto il Mediterraneo che potrebbero rivoluzionare le nostre reti energetiche se solo avessero accesso alle reciproche conoscenze, set di dati e risorse. E impariamo dalla pandemia di covid-19! Dove il mondo ha appreso quanto fosse importante la cooperazione scientifica nello sviluppo di vaccini. La collaborazione, quando si tratta di sviluppare soluzioni di storage e implementazione dell’infrastruttura, è fondamentale.

In Unione per il Mediterraneo, abbiamo sempre lavorato a questo crocevia di sviluppo umano e sostenibile. Una delle principali sfide che dobbiamo affrontare oggi è promuovere l’eccellenza scientifica nell’area mediterranea, nonché trovare nuove soluzioni alle sfide affrontate dalle nostre comunità in relazione alla gestione dell’acqua e degli alimenti e ai problemi di salute, come evidenziato dalla recente pandemia. Sfide che richiedono una nuova visione, al di là del semplice trasferimento tecnologico e verso una vera co-creazione, in uno spirito di comproprietà.

Alla conferenza ministeriale inaugurale sulla ricerca e l’innovazione, tutti i paesi euromediterranei hanno approvato un Dichiarazione ministeriale sull’innovazione e la ricerca. Questo è un passo nella giusta direzione per affrontare il ritmo del cambiamento e la portata delle sfide che attualmente dobbiamo affrontare e promuovere la collaborazione tra scienziati e innovatori su entrambe le sponde del Mediterraneo. Stanno approvando nuove roadmap di ricerca su argomenti che contano il cambiamento climatico, le energie rinnovabili e la salute. Stiamo iniziando a cercare opportunità di collaborazione e sinergie nella ricerca e innovazione, non solo per fornire soluzioni a breve termine, ma per trasformare completamente il modo in cui viviamo, lavoriamo e impariamo.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button