Politica

Perché la Russia deve essere isolata

Vladimir Putin non vuole, né può concepire, l’Ucraina come parte dell’ordine mondiale europeo. La prova di ciò non è stata solo il suo continuo dubitare retorico del diritto dell’Ucraina allo status di nazione, ma anche la sua guerra illegale e criminalmente aggressiva il cui fine strategico è la distruzione dell’Ucraina, per farla cessare di esistere come nazione e cultura funzionante.

Non c’è dubbio che Putin abbia impiegato azioni genocide per raggiungere questo fine strategico. Per questo, lui e l’intera nazione russa devono essere condannati, regolati allo status di paria e costretti all’isolamento internazionale.

Eppure, l’ultima dichiarazione di Henry Kissinger al recente Davos World Economic secondo cui l’Ucraina cede la terra a una Russia imperiale, e gli sforzi del presidente francese Emmanuel Macron per perseguire una tale tattica, suggeriscono fortemente che non è allo scopo di una pace giusta, ma per il promulgazione di un vecchio ordine europeo basato sul presupposto che gli imperi storici siano la base della pace, della sicurezza e della stabilità europea.

L’aspirazione dell’Ucraina ad affermare la propria nazionalità è una verità scomoda per coloro che stanno ancora cercando di sostenere un ordine mondiale inquadrato nel linguaggio degli “imperi” e che solo gli imperi sviluppati possono fornire stabilità al mondo. La libertà e la retorica democratica dell’Ucraina, insieme alla sua abilità sul campo di battaglia, sfidano direttamente questi presupposti imperiali di questi fornitori di un vecchio mondo.

Ciò che è sfortunato è il semplice fatto che Kissinger è ancora ascoltato perché c’è ancora un buco nero per come potrebbe essere un nuovo framework di sicurezza. Le democrazie occidentali non devono reagire alla propaganda e alle manovre geopolitiche egoistiche della Russia, ma devono concepire un approccio che alla fine trascende una Russia guidata da Putin. Questo dovrebbe essere fatto non allo scopo di umiliare la Russia, ma per castigarla per il suo comportamento.

Se si vuole realizzare il mondo civile, ma soprattutto i suoi valori, come la dignità umana, lo stato di diritto, il predominio di mercati liberi e competitivi, la Russia di Putin deve essere isolata. Sono solo i ciechi a pensare che la Russia condivida i suoi valori o voglia perseguire obiettivi comuni.

Le azioni criminali della Russia contro l’Ucraina rendono inaccettabile il suo status all’interno del quadro di sicurezza europeo e delle strutture istituzionali internazionali. Perché come si possono premiare comportamenti criminali, come suggerisce Kissinger, da coloro che aspirano ai principi dello stato di diritto? Semplicemente non ha alcun senso.

A causa dei crimini moralmente inaccettabili e moralmente riprovevoli commessi dalla Russia in Ucraina, la sua partecipazione agli organismi internazionali deve essere sospesa, se non addirittura soppressa. Le domande che devono affrontare i leader occidentali sono piuttosto semplici: possono esistere relazioni normali dopo il comportamento genocida della Russia in Ucraina? In secondo luogo, dovrebbe essere contemplato anche un ritorno alle realtà prebelliche?

Non c’è dubbio che il quadro e le ipotesi delle relazioni occidentali con la Russia debbano essere cambiate. Perché se si vuole ristabilire una relazione sicura, stabile ea lungo termine, la Russia deve essere ritenuta responsabile delle sue azioni criminali e pratiche genocide in Ucraina. Non può esserci ordine, né una giustificata ricerca della pace se non viene stabilito e perseguito un processo di responsabilità.

Ciò significa che la Russia deve essere sottoposta ai tribunali penali internazionali, non solo per la sua guerra aggressiva in violazione del diritto internazionale, ma per i suoi molteplici crimini di guerra commessi contro il popolo ucraino. Il comportamento genocida sul suolo europeo non può resistere. La mancanza di azione da parte delle democrazie mondiali sarà percepita dalla Russia solo come debolezza e mancanza di determinazione nel proteggere e combattere per i diritti umani e nazionali fondamentali. Allo stesso tempo, potrebbe minare il sostegno all’Ucraina nella sua causa di resistenza contro le ambizioni autoritarie e imperiali della Russia.

Gli investigatori ucraini hanno iniziato a documentare i crimini di guerra russi dall’inizio dell’invasione di Mosca il 24 febbraio.

Qualsiasi potenziale per la pace e la sicurezza europea deve basarsi su una ricerca solida e intransigente dell’affermazione dello stato di diritto internazionale e sulla richiesta di responsabilità nazionale in questo quadro. La ricerca della pace deve avvenire nel contesto della giustizia nazionale e individuale.

Per l’Ucraina cedere la terra a Mosca è un’idea assurda. I fatti sono fatti e qualsiasi soluzione alla guerra della Russia contro l’Ucraina deve, d’ora in poi, essere vista attraverso il prisma del genocidio e degli atti criminali non provocati commessi contro una cultura distinta e il suo popolo. I rapporti “normali” con un autore di genocidio sono insostenibili. Sarebbe come fare “affari” con i nazisti nel bel mezzo del suo “sterminio” degli ebrei d’Europa. Il mondo civile non ha imparato nulla dalla recente storia europea o ha dimenticato queste lezioni? Siamo diventati così ciechi da non poter accettare il fatto che approcci così diversi alla dignità della vita umana e alla preminenza dello Stato di diritto possano coesistere?

Coloro che propongono una qualsiasi “soluzione” allo stato attuale delle cose devono essere tenuti a presentare un caso che risponda a questa domanda fondamentale: può l’ordine internazionale accettare il comportamento genocida della Russia in Ucraina come base per normali relazioni? Non può esserci ordine civile, per non parlare della sicurezza, che neghi il comportamento della Russia in Ucraina e la necessità che sia ritenuta responsabile.

Nessuna nazione civile che pretende di sostenere il primato del diritto internazionale e dei diritti umani fondamentali può, in buona coscienza, sostenere la normalizzazione delle relazioni con la Russia.

La guerra della Federazione Russa contro l’Ucraina è il risultato di decisioni deliberate di non seguire le norme internazionali di comportamento civile. Nella sua aggressione illegale, la Russia ha rivelato di non condividere né di essere informata dai valori che governano l’ordine internazionale da oltre mezzo secolo.

Come società, l’intera nazione russa ha dimostrato di essere filosoficamente e psicologicamente irragionevole e un partner irrazionale non fa nulla per contribuire alla sicurezza e alla stabilità dell’Europa. Si è invece dimostrato un paria. Sulla base delle sue azioni, e dovrebbe quindi essere trattato come tale. Il suo isolamento affermato dalla comunità internazionale.

I “valori” russi sono una malattia verificabile nell’organismo politico internazionale. L’isolamento di Mosca sarebbe una forma di quarantena che non solo limiterebbe i suoi effetti sull’organismo politico internazionale, ma agirebbe per limitarne la diffusione.

L’isolamento della Russia segnerebbe il suo rifiuto da parte dell’ordine mondiale. Lo costringerebbe a una riflessione nazionale di se stesso – in particolare del suo popolo – che deve fare i conti con i crimini commessi dalla sua leadership politica. E, come i tedeschi, potenzialmente portano il popolo russo verso un pentimento nazionale – un atto deliberato e consapevole di ammettere rammarico ed esprimere rimorso per la perpetrazione di tali crimini atroci commessi in loro nome.

Una mente laica occidentale non comprenderebbe appieno il significato e l’importanza del pentimento, ma la mente russa sì.

Suggerire una tale ricerca non è un atto di umiliazione forzata.

La dichiarazione di Kissinger a Davos secondo cui l’Ucraina deve cedere parti del suo territorio per placare e prevenire l’umiliazione della Russia non garantisce la cessazione delle sue ostilità contro l’Ucraina o qualsiasi altra nazione che desideri staccarsi dall’orbita imperiale di Mosca, né è un precursore della pace. Per l’Ucraina una mossa del genere è inaccettabile perché comprende la Russia meglio di chiunque altro. Non dovrebbe nemmeno essere costretto a prendere in considerazione una tale “soluzione” considerando le perdite catastrofiche che ha subito a causa dell’aggressione militare russa.

La proposta di Kissinger mostra la sua totale mancanza di rispetto per l’aspirazione dell’Ucraina alla sovranità nazionale e il suo desiderio di diventare una moderna nazione democratica. Nella sua stessa formulazione, presuppone il presunto “diritto” della Russia di determinare il destino di una nazione all’interno della nozione obsoleta della sua “sfera di influenza”. Presuppone la validità dell’impero russo e trascura di accettare il fatto della sovranità nazionale ucraina.

Peggio ancora, essenzialmente nega che la Russia stia tentando di distruggere l’Ucraina attraverso azioni genocide. La Russia non ha il diritto di imporre che l’Ucraina diventi ed esista come uno stato cuscinetto neutrale. L’Ucraina ha il diritto di decidere chi dovrebbero essere i suoi partner per la sicurezza.

La soluzione della guerra, o almeno il suo punto di partenza, deve iniziare con l’isolamento internazionale della Russia e non con qualche reazione stravagante che “premia” la sua tendenza genocida e geopolitica al gioco d’azzardo.

La sicurezza e la stabilità occidentali, insieme a quelle russe, saranno assicurate solo dalla riaffermazione di un ordine mondiale basato sulla proclamazione e sul perseguimento di un ordine basato su regole. La guerra della Russia con l’Ucraina è causa di destabilizzazione. Il risultato delle proprie azioni, non può e non deve essere ricompensato. Le nazioni democratiche occidentali non devono reagire con paura ai modi arroganti della Russia e quindi permettere a Putin di chiedere la pace alle condizioni del Cremlino e nel quadro che suggeriscono.

L’Ucraina non può essere costretta ad accettare la pace senza giustizia. Ciò non porterà a una soluzione giusta, né contribuirà alla sicurezza a lungo termine della sua popolazione o del resto del continente europeo.

Questo è sia un periodo di trasformazione che di transizione, che richiede un pensiero visionario e una leadership che non può cercare “soluzioni” che presuppongono una visione del mondo scaduta e non più valida basata sull’importanza del pensiero dell’impero.

Tuttavia, solo stabilendo un quadro di sicurezza stabile basato su comprovati principi idealisti come la dignità umana, il rispetto della sovranità e l’indipendenza degli stati-nazione, all’interno di un quadro responsabile ispirato allo stato di diritto, sarà possibile fondare solide e sicure ricostruito per garantire una vera pace.

Ciò richiederà tempo, sforzi, ingegno e sacrificio da parte dei partner occidentali dell’Ucraina, ma ne varrebbe la pena per un nuovo partner che ha subito il genocidio, la distruzione e una massiccia dislocazione dei suoi cittadini, mentre combatte per la sua libertà e per quelli in Europa che vogliono continuare a vivere in libertà.

Ultime Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button