Perché non un covo del sesso? L'aeroporto di Berlusconi scatena il putiferio in Italia

Berlusconi, controverso e pittoresco ex leader italiano scomparso l'anno scorso, si sta dimostrando capace di tormentare i suoi nemici anche dalla tomba.

La bufera è scoppiata venerdì dopo che il ministro dei Trasporti Matteo Salvini ha annunciato, durante una conferenza nel sud Italia, che l'ENAC, l'autorità nazionale per l'aviazione civile, ha approvato la richiesta della regione Lombardia di rinominare l'aeroporto di Malpensa in onore di Berlusconi.

“La decisione finale spetta al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, e io sono pronto a mettere l’ultima firma, con orgoglio e commozione”, ha scritto poi Salvini su X. “Nel ricordo del mio amico Silvio, grande imprenditore, grande milanese e grande italiano. Sempre con noi”.

Il ministro dei Trasporti Matteo Salvini ha annunciato durante una conferenza nel sud Italia che l'ENAC, l'autorità nazionale per l'aviazione civile, ha approvato la richiesta della regione Lombardia di rinominare l'aeroporto di Malpensa in onore di Berlusconi. | Vittorio Zunino Celotto/Getty Images

L'annuncio di Salvini ha scatenato una reazione da parte dei partiti e dei gruppi di opposizione contrari a intitolare uno degli hub internazionali più importanti d'Italia a una figura così controversa. Berlusconi è stato condannato per frode fiscale ed è stato coinvolto in numerose controversie legali e scandali sessuali nel corso degli anni.

“In Italia siamo passati dal dare nomi agli aeroporti [1980-1990s anti-mafia magistrates Giovanni] Falcone e [Paolo] Borsellino a Berlusconi, da uno che ha combattuto la mafia a qualcuno che per anni ha messo in imbarazzo l'Italia nel mondo”, ha scritto in un post su Facebook il leader del Movimento 5 Stelle in Lombardia, Nicola Di Marco. Ha sostenuto che intitolare l'aeroporto a Berlusconi è “un segno del totale decadimento delle istituzioni italiane”.

“Perché l'aeroporto? Secondo me non gli rende giustizia. Perché non dedicargli un centro massaggi con un lieto fine?” ha scritto in un post su Facebook Greta Cogotti, vicepresidente del consiglio comunale di Biella, che si trova a 70 chilometri dall'aeroporto, e membro del Partito Democratico all'opposizione.

Ultime Notizie

Back to top button