Cultura

Perché Trump ha difficoltà a trovare avvocati di qualità e rispettati –

Martedì, Il Washington Post ha riferito che l’ex presidente Donald Trump sta lottando per trovare avvocati di alto livello e rispettati mentre il suo team legale mentre l’FBI indaga sui motivi per cui ha tenuto documenti altamente riservati in suo possesso personale.

“La lotta per trovare la consulenza legale di esperti mette Trump in difficoltà mentre affronta la potenziale esposizione criminale a causa di una controversia sui documenti con gli archivi nazionali che è sfociata in un’indagine federale su possibili violazioni dell’Espionage Act e di altri statuti”, ha riferito Isaac Arnsdorf, Josh Dawsey, Carol D. Leonnig, Jacqueline Alemany e Rosalind S. Helderman. “‘Tutti dicono di no’, ha detto un eminente avvocato repubblicano, che come alcuni altri ha parlato in condizione di anonimato per discutere di conversazioni riservate”.

La possibilità di assumere o nominare candidati di prim’ordine per le posizioni non è una novità per Trump, il cui mandato presidenziale è stato caratterizzato da un cambiamento di personale che è stato chiamato porta girevole, o turnover “con steroidi”. Secondo il Washington Post, entro la fine del primo anno in carica di Trump, il 35% della sua squadra A non era più al lavoro.

Inoltre, Tenpas ha riportato sul blog del Brookings Institute: “A soli 32 mesi dall’inizio dell’amministrazione Trump, il tasso di turnover aveva superato i primi termini completi dei suoi cinque predecessori”.

Ora che sta cercando di mettere insieme una squadra legale, sembra avere lo stesso problema: attrarre giocatori di serie A competenti e disposti a servirlo o rappresentarlo. “Di solito, il prestigio e la pubblicità di rappresentare un ex presidente, così come le nuove e complesse questioni legali in gioco in questo caso, attirerebbero avvocati di alto livello. Ma la ricerca di Trump è ostacolata dalla sua divisione, così come dalla sua reputazione di irrigidire i venditori e ignorare i consigli”, ha affermato il rapporto del Washington Post.

La situazione è ulteriormente ostacolata dal suo attuale status di ex presidente. “In passato, diceva alle aziende che lo rappresentavano era un vantaggio perché potevano pubblicizzarlo. Oggi non è la stessa cosa”, ha detto il suo ex avvocato personale, Michael Cohen.

Ricordiamo che Cohen è stato condannato per evasione fiscale, false dichiarazioni, violazioni del finanziamento della campagna elettorale e mentito al Congresso nel 2018. Cohen era anche conosciuto come il “riparatore” di Trump per le molte volte in cui è stato chiamato a coprire i misfatti di Trump, come ripagare Stormy Daniels per impedirle di rivelare una relazione dannosa che avrebbe potuto influenzare la fattibilità elettorale di Trump nel 2016.

Cohen prosegue descrivendo in dettaglio un altro dettaglio serio che potrebbe contribuire alla mancanza di candidati disposti a firmare come rappresentanti legali di Trump: “È anche un cliente molto difficile in quanto spinge sempre oltre i limiti, ascolta raramente un valido consiglio legale e vuole che tu faccia cose che non sono appropriate, eticamente o legalmente.

Secondo fonti vicine a Trump, alcuni dei potenziali candidati includono Susie Wiles, una stretta consigliera di Trump, e l’avvocato Christina Bobb, che era presente a Mar-a-Lago durante la ricerca e ha firmato l’elenco dei documenti presi”, ha affermato il rapporto. “L’ex consigliere elettorale Boris Epshteyn sta assumendo un ruolo di primo piano e l’ex aiutante della Casa Bianca Kash Patel sta fornendo consulenza in modo informale. Patel sta raccogliendo fondi per un fondo di “reato legale” vendendo merce come canotte e berretti decorati con il logo “K$H”.”

A questo punto Trump dovrà ripetere la storia dei suoi incarichi amministrativi: scorri sempre più in basso la scala della qualità per trovare chi è disposto a servirlo.

Ultime Notizie

Back to top button