Mondo

Personale diplomatico cinese costretto a lasciare il Regno Unito

Washington —

Sei membri del personale diplomatico cinese hanno lasciato la Gran Bretagna questa settimana per il loro presunto ruolo nell’aggressione ai manifestanti presso il consolato cinese a Manchester in ottobre.

I parlamentari e i difensori dei diritti britannici hanno accolto con favore lo sviluppo di mercoledì, anche se hanno criticato 10 Downing Street per non aver agito prima.

“Sei funzionari del consolato cinese, compreso il console generale, sono stati rimossi dal Regno Unito, in seguito al vergognoso incidente di ottobre”, ha annunciato mercoledì il ministro degli Esteri britannico James Cleverly.

Abilmente ha aggiunto che le autorità britanniche hanno chiesto la revoca dell’immunità diplomatica per i funzionari del consolato in modo che potessero essere interrogati dalla polizia di Manchester in relazione al loro ruolo nel violento incidente del 16 ottobre.

“Abbiamo visto tutti il ​​filmato inquietante dell’incidente fuori dal consolato cinese a Manchester. … Ne abbiamo informato l’ambasciata cinese e abbiamo fissato una scadenza che è scaduta oggi, chiarendo che ci aspettavamo che agissero”, ha detto Cleverly in un videomessaggio registrato rilasciato mercoledì.

FILE – Il manifestante di Hong Kong Bob Chan, a sinistra, che ha affermato di essere stato trascinato nel consolato cinese a Manchester e picchiato durante una manifestazione, è raffigurato con il deputato britannico Iain Duncan Smith durante una conferenza stampa a Londra, 19 ottobre 2022.

Il console generale cinese Zheng Xiyuan e altri uomini del consolato sono stati catturati dalla telecamera mentre prendevano a calci striscioni che erano stati affissi da diverse dozzine di manifestanti. Uno dei manifestanti, successivamente identificato come Bob Chan, trasferitosi in Gran Bretagna da Hong Kong, è stato visto trascinato nel consolato e picchiato.

“A causa dei nostri timori per l’incolumità dell’uomo, gli agenti sono intervenuti e hanno portato via la vittima [Chan] dai terreni del consolato”, ha dichiarato la polizia di Manchester in seguito in una nota.

Dopo l’annuncio di Cleverly, la missione diplomatica cinese a Londra ha rilasciato una dichiarazione, citando il portavoce del ministero degli Esteri cinese secondo cui Zheng Xiyuan ha “completato il suo mandato ed è tornato in Cina su istruzione non molto tempo fa”. Ha inoltre affermato che il governo del Regno Unito si era schierato con “quei violenti rivoltosi … e ha accusato ingiustamente i membri del consolato cinese interessati che erano in realtà le vittime”.

Non è prontamente disponibile alcun filmato che mostri che il personale del consolato cinese sia stato vittima dell’alterco. Nel frattempo, i media australiani hanno riferito che uno degli uomini del consolato cinese a Manchester aveva commesso violenze fisiche contro diplomatici taiwanesi mentre era di stanza a Fuji nel 2020.

Anche la Cina ha negato di aver commesso un errore in quell’incidente.

Mentre Pechino ha definito la partenza di Zheng dalla Gran Bretagna “una normale rotazione” e ha insistito sul fatto che “spetta a noi determinare la durata del distacco dei membri delle missioni diplomatiche e consolari cinesi”, i media britannici hanno espresso la partenza forzata di Zheng e di altri che altrimenti sarebbero stati interrogato dalla polizia britannica come “in fuga”.

Eminenti legislatori britannici dei partiti conservatori e laburisti e attivisti per i diritti umani affermano che le dimissioni di Zheng e di altri sarebbero dovute avvenire molto prima.

“Non ci sarebbero voluti due mesi e un’intensa e persistente pressione parlamentare per raggiungere questo risultato”, ha scritto Benedict Rogers, co-fondatore di Hong Kong Watch, in risposta alla richiesta di commento di ColorNews dalla sua casa di Londra.

Rogers ha affermato di ritenere che il personale cinese avrebbe dovuto essere “espulso dal Regno Unito in una fase molto precedente, dato che le riprese video dell’incidente e la stessa ammissione del Console generale, in un’intervista televisiva, della sua partecipazione all’incidente, hanno fornito prove evidenti».

“Detto tutto ciò”, ha aggiunto, “la dichiarazione del ministro degli Esteri James Cleverly è benvenuta, e certamente l’allontanamento dal Regno Unito dei sei diplomatici cinesi è assolutamente giusto date le circostanze. Non sono i benvenuti qui e non dovrebbero esserlo in nessuna situazione democratica”. paese che sostiene le libertà fondamentali e lo stato di diritto”.

Zheng, l’allora console generale visto nel video con un cappotto, un cappello, una sciarpa e una maschera dall’aspetto stravagante, “poteva vestirsi come un gentiluomo, ma si comportava come un gangster e un delinquente”, ha aggiunto Rogers.

Giovedì, parlamentari interpartitici in Gran Bretagna hanno sollecitato “non più tentennamenti e ritardi” da parte delle autorità britanniche nell’indagare sulla condotta inappropriata e illegale dei rappresentanti ufficiali cinesi di stanza in Gran Bretagna.

Dichiarare le sei persone persona non grata è un primo passo, hanno affermato i legislatori dei partiti conservatori e laburisti.

Il membro del partito laburista Catherine West, che funge da ministro degli esteri ombra per l’Asia e il Pacifico, ha esortato il suo governo a impegnarsi con i partner internazionali “per evitare che eventi simili si verifichino a New York, Canberra, Amsterdam o Ottawa”.

Ultime Notizie

Back to top button