Piazza Navona: Rome’s Baroque Masterpiece

Scopri l’incantevole bellezza di Piazza Navona, testimonianza di Roma dell’arte e dell’architettura barocca, una calamita per gli appassionati di storia e gli amanti della cultura italiana.

Piazza Navona, probabilmente una delle piazze più pittoresche di Roma, si distingue non solo per il suo fascino estetico ma per il suo ricco arazzo storico e la sua atmosfera vibrante. Questa meraviglia architettonica, adornata con squisite sculture in marmo del Bernini e resti dell’antica atleticità romana, continua ad affascinare visitatori da tutto il mondo.

Dopo tutto, quanti quadrati possono affermare di avere marmo Bernini sculture e combattimenti di gladiatori messi in scena e finte battaglie navali?

Questa bellezza barocca è straordinaria durante il giorno, nonostante le orde di turisti. Ma per apprezzarne veramente lo splendore, è meglio visitarlo di notte. Al chiaro di luna, le tre favolose fontane – la Fontana di Quattro FiumiIL Fontana del Moro e il Fontana del Nettuno – diventano particolarmente magici.

Sebbene pavimentata nel XV secolo per formare ciò che vediamo oggi, la forma arrotondata della piazza deriva dalle sue fondamenta sopra un vecchio stadio risalente al I secolo, il Stadio di Domiziano.

Lo splendore storico di Piazza Navona

Radicata nell’antica Roma, la forma ovale unica della piazza risale allo Stadio di Domiziano, costruito nell’86 d.C. Originariamente sede di gare atletiche, in grado di ospitare 30.000 spettatori, in seguito ospitò battaglie di gladiatori e finte combattimenti navali, da cui il nome Navona, ovvero ‘grande nave’. La sua trasformazione nel XV secolo nella splendida piazza barocca che vediamo oggi non fa che aumentare il suo fascino, fondendo il vecchio con il nuovo in perfetta armonia.

Cosa troverai a Piazza Navona: Le tre fontane

Bernini’s Fontana di Quattro Fiumi è dove i visitatori si accalcano per farsi fotografare. Raffiguranti i quattro grandi fiumi dei quattro continenti del mondo governati dall’autorità papale: Gange, Nilo, Danubio e Rio de la Plata, il suo fulcro è un imponente obelisco. La fontana fu realizzata nel 1651 per papa Innocenzo X, il cui palazzo di famiglia, Palazzo Pamphili, si affacciava sulla piazza.

La Fontana del Moro si trova all’estremità meridionale di Piazza Navona. Circondato da quattro Titani, un Moro (o un Africano) lotta con un delfino su una conchiglia. Sebbene la statua del Moro sia stata aggiunta successivamente dal Bernini, la fontana originale era opera di Giacomo della Porta.

The Fontana del Nettuno (Fontana del Nettuno), dall’altro lato della piazza, era originariamente opera di Giacomo della Porta, patrocinata da Papa Gregorio XIII nel 1574. Ma cos’è una fontana senza la statua di Nettuno che combatte contro una piovra? Fortunatamente, nel 1878, in seguito all’unificazione del regno d’Italia, questa ambizione fu realizzata da Antonio della Bitta, con alcuni amorini e trichechi gettati per buona misura da Gregorio Zappalà.

Chiesa di Sant’Agnese in Agone

Sant'agnese in agonePapa Innocenzo X sponsorizzò la costruzione di questa chiesa barocca nel XVII secolo, intitolata alla martire Sant’Agnese, patrona della castità e della purezza, il cui teschio è conservato in una cappella della chiesa.

La chiesa venne creata come cappella privata della famiglia, poiché il palazzo dei Pamphili era situato molto vicino a Piazza Navona. La facciata fu progettata dall’architetto preferito della famiglia Pamphili, Girolamo Rainaldi, e da suo figlio Carlo, ma la squadra padre e figlio fu successivamente sostituita dall’acerrimo rivale del Bernini, Borromini.

Oggi la chiesa ospita non solo cerimonie religiose ma anche concerti classici, recital di musica da camera e opere liriche. La Fontana dei Quattro Fiumi del Bernini si trova direttamente di fronte alla chiesa.

Stadio Domiziano

stadio di domizianoUtilizzato per le gare atletiche e per gli spettacoli dei gladiatori in seguito ai danni causati dall’incendio al Colosseo, è l’unico esempio a Roma di stadio in muratura, risalente al I secolo d.C. Piazza Navona si trova sopra la struttura originale dello stadio e puoi sbirciare giù per intravedere le rovine all’estremità della piazza.

Sono disponibili anche tour per vedere i resti archeologici di questo punto di riferimento unico e per scoprire storie sulle dimostrazioni di abilità atletiche un tempo tenute lì nel suo splendore. Uno dei motivi per cui non rimane molto dello stadio è che, nel Medioevo, i poveri erano così disperati che rubarono pietre dagli edifici fatiscenti per costruirle nelle proprie case.

Palazzo Pamphili

palazzo pamphiliIl palazzo appartenente alla famiglia di Papa Innocenzo X si affaccia su Piazza Navona ed è sede del Ambasciata del Brasile a Roma. Stando nella piazza, puoi alzare lo sguardo e vedere i soffitti riccamente decorati all’interno dell’edificio. E anche la vista sulla piazza non è male: la terrazza panoramica è aperta al pubblico e offre una splendida vista da godersi sorseggiando un drink.

Magia notturna: Le Fontane di Piazza Navona

Il fascino della piazza è amplificato di notte, quando la luce della luna danza sulle acque delle sue tre fontane principali, trasformando la vivace piazza in un rifugio sereno. La Fontana di Quattro Fiumi, la Fontana del Moro e la Fontana del Nettuno raccontano ciascuna una storia, dalla rappresentazione dei grandi fiumi del mondo alla rappresentazione di battaglie mitologiche, riflettendo il genio artistico del periodo barocco.

Leggi anche:

Ultime Notizie

Back to top button