Esteri

Raddoppia gli sforzi per porre fine alla guerra “insensata” in Ucraina, dice il capo delle Nazioni Unite ai ministri degli Esteri

Il conflitto, giunto al suo settimo mese, ha anche innescato una crisi alimentare, energetica e finanziaria globale che sta spingendo più persone verso la povertà estrema e la fame, e crescendo i timori di un potenziale disastro nucleare.

“Come ho detto dall’inizio, questa guerra insensata ha un potenziale illimitato di fare danni terribili – in Ucraina e nel mondo”, ha ricordato il capo delle Nazioni Unite.

“C’è solo un modo per porre fine alla sofferenza in Ucraina, ed è porre fine alla guerra”.

Benvenuto sviluppo

Il Segretario generale ha descritto la notizia di ieri secondo cui più di 250 prigionieri di guerra sono stati scambiati tra Ucraina e Russia come un gradito sviluppo.

“Lodo gli sforzi di entrambe le parti e spero che si basino su questo con ulteriori scambi puntando a una formula “tutti per tutti”, ha affermato, ringraziando Türkiye e l’Arabia Saudita per il loro ruolo nel garantire l’accordo.

“Sofferenze e devastazioni indicibili”

L’incontro si è svolto a margine del dibattito annuale all’Assemblea generale delle Nazioni Unite e ha riunito i ministri degli Esteri dei paesi che fanno parte del Consiglio dei 15 membri, dell’Ucraina, dell’Unione europea e di altre nazioni.

Guterres ha affermato che la guerra ha causato “sofferenze e devastazioni indicibili” in Ucraina e gli ultimi sviluppi, incluso il potenziale di catastrofe nucleare, porteranno solo a “un ciclo infinito di orrore e spargimento di sangue.”

Migliaia di civili sono stati uccisi o feriti, centinaia dei quali bambini, mentre circa 14 milioni di persone sono state costrette a fuggire.

“Ogni giorno, una media di cinque bambini vengono uccisi o feriti. Quasi tutti i bambini in Ucraina sono stati segnati dall’incubo della guerra, dalla violenza alla separazione familiare”, ha affermato.

‘Catalogo della crudeltà’

L’ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani, OHCHR, ha anche documentato rapporti di “un catalogo di crudeltà”, comprese esecuzioni sommarie, violenze sessuali, torture e altri trattamenti disumani e degradanti contro civili e prigionieri di guerra.

Gli ultimi resoconti sui luoghi di sepoltura nella città di Izyum sono “estremamente inquietanti”, ha aggiunto.

È stata istituita una missione conoscitiva sull’esplosione mortale in un centro di detenzione a Olenivka a luglio, ei membri sono pronti a schierarsi “non appena saranno ricevute tutte le assicurazioni necessarie”.

Rispondere ai bisogni

Nel frattempo, l’ONU continua a lavorare per alleviare le sofferenze, anche attraverso l’impegno diretto del Segretario generale con i presidenti russo e ucraino.

L’Organizzazione e i partner di aiuto hanno finora fornito aiuti umanitari a quasi 13 milioni di persone.

Con il supporto di Türkiye, a luglio le Nazioni Unite hanno anche negoziato un accordo storico per riprendere le esportazioni di cibo e fertilizzanti da tre porti ucraini sul Mar Nero.

Da allora, più di 4,3 milioni di tonnellate di cibo sono state trasportate in quasi 30 paesi. Ciò include forniture per le operazioni del Programma alimentare mondiale (WFP) in Afghanistan, nel Corno d’Africa e nello Yemen.

“È fondamentale che queste spedizioni di cibo continuino e aumentino, in modo che i mercati delle materie prime si stabilizzino ulteriormente”, ha affermato.

Indagine CCI

Il Consiglio ha anche ascoltato Karim Khan, procuratore presso la Corte penale internazionale (CPI), che indaga su genocidio, crimini di guerra e crimini contro l’umanità.

La CPI ha aperto un’indagine sulla situazione in Ucraina poche settimane dopo l’inizio della guerra. Il personale sta continuando il suo lavoro forense e da maggio mantiene una presenza nel Paese.

“Attraverso questo lavoro, emergerà un’immagine. E il quadro che ho visto finora è davvero preoccupante”, ha affermato il signor Khan.

“Sono stato in Ucraina tre volte, e una ha assistito a una serie di distruzioni, sofferenze e danni che rafforzano la mia determinazione e la mia precedente constatazione che vi sono ragionevoli motivi per ritenere che i crimini rientranti nella giurisdizione della Corte siano stati commessi .”

Protezione dell’ordine internazionale

Secondo Antony Blinken, Segretario di Stato nell’amministrazione Biden, la guerra della Russia in Ucraina ha suscitato “una notevole unità” tra i paesi.

Ha affermato che difendere la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina è molto più che difendere il diritto di un paese di scegliere la propria strada

“Per quanto fondamentale sia questo diritto, si tratta anche di proteggere un ordine internazionale, in cui nessuna nazione può ridisegnare i confini di un’altra con la forza”, ha affermato Blinken.

“Se non riusciamo a difendere questo principio, quando il Cremlino lo sta violando in modo così flagrante, inviamo un messaggio agli aggressori di tutto il mondo affinché anche loro possano ignorarlo. Mettiamo a rischio ogni Paese. Apriamo la porta a un mondo meno sicuro e meno pacifico”.

Obiezione russa

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha criticato le basi dell’incontro stesso, affermando che i crimini commessi durante la guerra di otto anni nell’Ucraina orientale sono rimasti impuniti.

“Negli ultimi anni, il regime di Kiev ha condotto un assalto frontale alla lingua russa calpestando sfacciatamente i diritti delle persone di lingua russa e russa in Ucraina”, ha detto, parlando attraverso un interprete.

Il Sig. Lavrov ha riferito che il Ministero dell’Istruzione ha escluso la lingua e la letteratura russa dal curriculum scolastico.

“I libri vengono distrutti proprio come nella Germania nazista e i russi etnici sono soggetti all’intolleranza. E oggi, i funzionari ucraini non hanno nemmeno più cercato di nascondere i loro sentimenti anti-russi, chiedendo l’uccisione dei russi”, ha detto.

Inoltre, il suo Paese “non ha fiducia” nel lavoro della Corte penale internazionale (CPI), “e non ci aspettiamo altro da questa istituzione o da tutta una serie di altre istituzioni internazionali”.

“Non c’è pace senza giustizia”

Il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, è stato fermamente convinto che la Russia non vincerà la guerra.

“Oggi ogni ucraino è un’arma pronta a difendere l’Ucraina e i principi sanciti dalla Carta delle Nazioni Unite. La Russia fallirà e si assumerà la piena responsabilità del crimine di aggressione e dei conseguenti crimini di guerra, crimini contro l’umanità e genocidio”, ha affermato.

Il signor Kuleba era anche fiducioso che la giustizia sarà servita poiché le autorità nazionali, i loro partner e i paesi che sostengono l’Ucraina stanno lavorando con la CPI per raccogliere prove dei crimini commessi durante la guerra.

“Lo dobbiamo non solo a migliaia di vittime, ma anche alle generazioni future in Ucraina e oltre. Non ci sarà pace senza giustizia”, ​​ha detto.

Ultime Notizie

Back to top button