Riapre il palazzetto dello sport di Caivano dove è avvenuto lo stupro di gruppo

(COLORnews) – ROMA, 31 AGO – Un palazzetto dello sport abbandonato e fatiscente a Caivano, vicino Napoli, dove due ragazze di 10 e 12 anni sarebbero state stuprate di gruppo il mese scorso, verrà risanato e riaprirà l’anno prossimo. Lo ha detto il parroco dopo aver incontrato il Premier in visita. Giorgia Meloni che giovedì ha promesso di ripristinare la struttura.
“Entro la primavera del 2024 il centro sportivo di Caivano, devastato dall’incuria e dai vandali, teatro di violenze di gruppo ai danni dei due cuginetti, tornerà ad essere un centro sportivo”, ha detto don Maurizio Patriciello, raccontando ai giornalisti quanto riferito dalla Meloni nel loro incontro che è appena finito.
“Mancano solo pochi mesi alla primavera del 2024, ma credo che manterrà la parola data”, ha aggiunto.
“Non potrebbe andare meglio di così. Abbiamo una gran voglia di applaudire ma se le promesse, come accaduto altre volte, non verranno mantenute faremo anche dei fischi”.
La mafia napoletana della camorra controlla il racket nella zona, che è stata devastata dagli incendi di rifiuti tossici della mafia campana.

Nove anni fa, nel 2014, Caivano ottenne per la prima volta i titoli dei giornali scioccati dopo che una bambina di sei anni, Fortuna Loffredo, subì abusi seriali e poi fu uccisa gettandosi dall’ottavo piano di un condominio a Parco Verde, la stessa zona in cui si svolgeva l’omicidio. si sarebbe verificato un recente stupro di gruppo.
(COLORnews).

TUTTI I DIRITTI RISERVATI © Copyright COLORnews

Ultime Notizie

Back to top button