Roma riordina i bagni pubblici

La città migliorerà i servizi igienici per l’anno giubilare 2025.

Roma ha reso noto il progetto di rinnovare più di 100 bagni pubblici, molti dei quali sono in cattivo stato o chiusi, affrontando un problema affrontato da anni da turisti e residenti.

La capitale sta intraprendendo un progetto di ristrutturazione da 3 milioni di euro in vista dell’anno giubilare del 2025, quando milioni di visitatori extra arriveranno nella Città Eterna.

“La città dovrà far fronte ad un afflusso straordinario di turisti e pellegrini – ha affermato il sindaco di Roma Roberto Gualtieri – che dovremo assistere nelle loro necessità più immediate, a partire da una rete capillare, efficiente e pulita di bagni pubblici”.

Ci sono vari set di bagni pubblici a Roma, compresi i servizi autopulenti in gran parte abbandonati introdotti per il Giubileo 2000 e la moderna varietà P.Stop.

I servizi igienici destinati ad un aggiornamento, tuttavia, sono quelli situati nei parchi e nelle zone turistiche più trafficate, tra cui intorno al Vaticano e al Colosseo.

Nell’ambito del piano di ristrutturazione, la città installerà nuovi servizi igienici e porte automatizzate, con l’intenzione di creare un’app per consentire ai turisti di individuare i bagni pubblici più vicini.

I visitatori che vorranno spendere un centesimo potranno pagare il servizio toilette con monete o con carta.

Ultime Notizie

Back to top button