Sam Brown si assicura l’appoggio di Trump alle primarie infuocate del Senato del Nevada

L’ex presidente Donald Trump ha ufficialmente appoggiato Sam Brown alle primarie del Senato repubblicano del Nevada. Annunciando il suo sostegno a Truth Social, Trump ha elogiato Brown come un “intrepido patriota americano” e destinatario del Purple Heart, sottolineando la sua resilienza e il suo impegno nei confronti della nazione. Questa approvazione è una spinta cruciale per Brown, consolidando la sua posizione di favorito in una gara primaria competitiva.

Brown, un capitano dell’esercito in pensione, ha incentrato la sua campagna sul servizio militare e sulla storia personale di come ha superato le gravi ferite riportate in Afghanistan. La sua narrazione di coraggio e perseveranza trova risonanza tra gli elettori e si distingue dai suoi principali rivali. L’appoggio di Trump arriva in un momento cruciale, con le elezioni primarie dell’11 giugno e il voto anticipato già concluse. Nonostante i tempi, è naturale che l’approvazione influenzerà in modo significativo il risultato.

I principali concorrenti di Brown, tra cui Jeff Gunter, ex ambasciatore di Trump in Islanda, e Jim Marchant, ex deputato statale noto per il suo negazionismo elettorale, si sono posizionati come convinti sostenitori di Trump. Tuttavia, il sostegno di Trump a Brown sottolinea la sua fiducia nella capacità di Brown di assicurarsi una vittoria nelle elezioni generali contro il senatore democratico in carica Jacky Rosen. Gunter ha criticato l’appoggio di Brown da parte di figure dell’establishment come il leader della minoranza al Senato Mitch McConnell, sostenendo che tale sostegno mina i valori repubblicani di base.

Nella sua campagna, Brown si è concentrato su questioni chiave come la sicurezza delle frontiere e la crescita economica, allineandosi alle priorità di Trump. Questo allineamento, insieme all’appoggio di Trump, accresce l’attrattiva di Brown sugli elettori repubblicani desiderosi di una leadership forte su questi fronti. La dedizione di Brown a questi problemi e il suo background militare gli hanno fatto guadagnare un ampio sostegno, anche da parte del governatore repubblicano del Nevada Joe Lombardo.

Il senatore Jacky Rosen, in cerca di rielezione, si trova ad affrontare un panorama difficile. La corsa al Nevada è vista come un campo di battaglia critico che potrebbe determinare il controllo del Senato degli Stati Uniti. Con i democratici che detengono una risicata maggioranza di 51-49, mantenere il loro seggio in Nevada è fondamentale. Rosen ha criticato Brown definendola un “avversario estremo del MAGA”, sottolineando il suo impegno per soluzioni bipartisan e prendendo le distanze dal presidente Biden nel mezzo delle lotte economiche del Nevada post-pandemia.

La campagna di Brown ha messo in luce strategicamente la sua storia personale e le sue posizioni politiche, attirando sostegno sia a livello nazionale che locale. Il suo vantaggio nella raccolta fondi e nei sondaggi, rafforzato dall’appoggio di Trump, lo posiziona fortemente per le imminenti primarie. Con l’avvicinarsi delle elezioni generali, la corsa tra Brown e Rosen probabilmente si intensificherà, riflettendo le tendenze nazionali più ampie e l’elevata posta in gioco in questo seggio fondamentale al Senato.

Ultime Notizie

Back to top button