Cultura

Serena Williams e Stephen Curry citati in giudizio per 41B per l’endorsement di NFT

La tennista Serena Williams e la star dei Golden State Warriors Stephen Curry sono ora immersi in un’azione legale collettiva multimiliardaria. Si afferma che l’approvazione da parte delle celebrità del marchio NFT abbia aumentato artificialmente la domanda e il valore degli NFT BAYC e dei token crittografici ApeCoin di Yuga Labs, facendo perdere agli acquirenti un’incredibile quantità di denaro. I fan hanno visto una tendenza crescente di tali azioni legali sulla valuta digitale che coinvolgono celebrità d’élite.

Anche se non possono essere ritenuti gli unici responsabili delle perdite finanziarie dei consumatori, il loro presunto coinvolgimento nella questione potrebbe metterli nei guai. Williams e Curry sono stati i promotori di The Bored Ape Yacht Club, un gruppo di 10.000 diversi token non fungibili di Bored Ape. È difficile pensare a un progetto NFT più notevole di The Bored Ape Yacht Club (BAYC). I fan avevano inizialmente incontrato gli NFT con scetticismo. Tuttavia, quando atleti famosi come Serena Williams e Stephen Curry hanno iniziato a sostenere le aziende, la gente ha pensato che fosse abbastanza interessante investire.

Molti sono saltati sul carrozzone e hanno perso una quantità abbastanza sbalorditiva per raccogliere i diritti digitali sui popolari NFT. Nella causa si legge che le approvazioni hanno indotto “gli investitori ad acquistare questi investimenti in perdita a prezzi drasticamente gonfiati”.

Il fatto che così tante celebrità abbiano partecipato all’approvazione di BAYC ha contribuito a generare così tanto clamore. Questa campagna promozionale ha avuto un enorme successo, generando miliardi di dollari di vendite e rivendite.

La denuncia afferma che l’approvazione di celebrità ha aumentato artificialmente l’interesse e il valore degli NFT BAYC e dei token crittografici ApeCoin di Yuga Labs, con conseguenti “perdite sconcertanti” per gli acquirenti. Si prevede che Yuga Labs varrà 4 miliardi di dollari nel 2022. Ciò è in gran parte attribuito alle vendite di oltre 1 miliardo di dollari della collezione NFT. Secondo la causa, il marchio ha fatto molto affidamento sulla percezione che l’acquisto di un BAYC NFT avrebbe conferito uno status agli acquirenti. Ha fornito loro vantaggi, accesso agli eventi e altre opportunità di investimento redditizie che erano disponibili solo per i titolari di BAYC.

Ultime Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button